GP Malesia F1 2014, Ferrari: Alonso sbircia Mercedes e Red Bull

Ferrari deludente a Sepang

da , il

    GP Malesia F1 2014, le parole di Domenicali

    Dice più di molte parole il gesto di Fernando Alonso al termine del Gran Premio di Malesia 2014. Comunica a modo suo, perché a guardare dentro il cockpit di una monoposto non hai segreti che puoi carpire. Cosa significa sbirciare dentro la RB10 e poi la W05? E’ un messaggio, una richiesta di miglioramento della F14 T che a esser sinceri non ci si aspettava alle spalle della Red Bull in Australia e Malesia. E ne è consapevole anche Stefano Domenicali, prontamente dopo la gara a commentare: «Piuttosto che dire quando miglioreremo, bisogna avere dei fatti: poche parole». In Bahrain vedremo un film leggermente diverso? Certo è che il distacco rimediato in Malesia resta importante: «Abbiamo fatto dei piccoli miglioramenti alla macchina, manca ancora perché anche gli altri migliorano a ogni gara. Positiva l’affidabilità in gara, pitstop super, mentre in partenza ho fatto pattinare un po’. Siamo terzi nel mondiale e siamo nel gruppo dei top, questa la cosa più positiva», ha detto Alonso dopo la gara.

    Ancora una volta abbiamo visto Nando in lotta con la Force India e va ringraziato il box Red Bull per l’errore nel corso del pit-stop, che ha estromesso Daniel Ricciardo, altrimenti in grado di restare in quarta posizione.

    Cosa dire della gara di Kimi Raikkonen? Quanto aveva messo in mostra al venerdì dava buone speranze per il finlandese, ma un contatto con Magnussen ha rovinato l’intera gara del ferrarista: impossibile muovergli accuse. «Non so cosa sia successo con la mia gomma, non avevo sentito nulla e all’improvviso s’è sgonfiata. La gara è finite in quel momento. Avevamo iniziato piuttosto bene il week end ma non abbiamo finito altrettanto, deriva dalla foratura non c’era molto da fare» ha dichiarato Kimi, in lotta con Grosjean nelle ultimissime battute, comunque lontano dalla Toro Rosso di Kvyat, ottimo decimo.

    Un bilancio conclusivo sul week end di Sepang lo dà ancora Domenicali: «Abbiamo avuto l’idea del passo gara Mercedes, noi ancora dobbiamo mettere a posto la macchina, non possiamo essere soddisfatti è chiaro, anche se Alonso è terzo nel mondiale piloti. Oggi era il massimo che potessimo fare».