GP Malesia F1 2014, McLaren: manca carico aerodinamico. Williams: ok velocità di punta

L'esordio nel mondiale di Formula 1 l'ha vista salire sul podio

da , il

    Le prove del Malaysian Grand Prix a Sepang

    AP/LaPresse

    Button ottavo a 7 decimi, Magnussen dodicesimo a 1″2. Il venerdì del Gran premio di Malesia 2014 in casa McLaren sembra lontano dalle prestazioni australiane, quelle che hanno portato a podio il danese e l’inglese. Ci si aspettava forse di più? Inevitabile. E’ stata la monoposto che ha prodotto la novità senz’altro più visibile in pitlane, un muso tutto nuovo, eppure le difficoltà incontrate in pista limitano al momento le prospettive per la gara di domenica.

    Il ritmo gara, quello che a Melbourne si intravedeva potesse essere quello buono, a Sepang non si è visto e Magnussen ha più volte lamentato un eccesso di sovrasterzo, tanto da definire la Mp4-29 inguidabile nella seconda sessione di libere.

    Si scoprono particolari nuovi sul comportamento della monoposto, «abbiamo avuto una giornata dura, specialmente per il caldo. Non siamo così forti come vorremmo nelle curve da alta velocità e, quando hai problemi di carico aerodinamico, vengono ulteriormente amplificati dal caldo», spiega Button. Facile da spiegare, perché poco carico ti porta a scivolare maggiormente, che a sua volta genera degrado termico sulla copertura e di conseguenza innesca ancora altro deficit d’aderenza. «I long run sono stati complicati, sia sul degrado della gomma che sulla velocità. Analizzeremo i dati e a darci fiducia ci sono gli aggiornamenti che abbiamo portato, che sembrano averci dato qualcosa. Certo il pubblico si appassionerà sui giri singoli, ma non contano granché perché qui si può sorpassare: sono i long run da studiare ed è lì che siamo un po’ più in difficoltà».

    Per salvaguardare le gomme posteriori, Magnussen anticipa già delle modifiche all’assetto: «Il surriscaldamento delle posteriori è il mio più grande problema, le gomme si comportano molto diversamente da quanto fatto in Australia, così questo sarà il mio obiettivo».

    [sondaggio id="421"]

    Williams da interpretare

    Quanto vale la Williams? A Melbourne l’abbiamo vista con Bottas in rimonta furiosa, a Sepang invece è più difficile leggerne le prestazioni. Manca il riferimento del finlandese sul giro secco, mentre Massa è a una manciata di decimi da Rosberg e con lo stesso tempo all’incirca di Alonso. Cosa attendersi? «Abbiamo effettuato i long run con le diverse specifiche di gomme e sono stati molto utili, la macchina è solida. C’è ancora della prestazione da tirare fuori, miglioreremo per qualifiche e gara» assicura Massa.

    Sereno anche Bottas: «Nel complesso è stata una giornata positiva, una delle sfide è stata la differenza di ritmo tra gomme medie e dure, quest’ultime scivolano parecchio e si usurano, sarà qualcosa da tenere in conto per il week end. Non sono riuscito a fare il miglior giro con le gomme medie e come molti altri miglioreremo domani. Serve ancora del carico sulle curve veloci in particolare, ma abbiamo i nostri punti di forza, come la velocità massima, che è sempre un bene in gara».

    Continua la Fanta F1 di Derapate!

    Dopo l’Australia si va in Malesia per la FantaF1, il tradizionale gioco on line di Derapate.it. Se pensi di poter indovinare chi otterrà la pole e i primi otto classificati di ogni Gran Premio, allora non perdere tempo: farlo è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!