GP Malesia F1 2015, Raikkonen: Ferrari andrà ancora meglio a Sepang

Raikkonen crede nel potenziale Ferrari anche nel Gran premio di Malesia 2015. E Vettel declina l'invito di Rosberg. Tutti i dettagli.

da , il

    La curiosità intorno alla Ferrari è tanta, merito soprattutto delle performance australiane, da ripetere nel Gran premio di Malesia 2015 per dire: “sì, quest’anno sarà decisamente una stagione diversa”. Le temperature estreme – oggi l’asfalto ha toccato i 61° C -, la conformazione della pista, l’asfalto abrasivo: tutti elementi che mettono alla frusta il progetto della SF15-T e diranno quali aree sono da migliorare e dove, invece, la rossa eccelle. L’attesa è anche per Kimi Raikkonen, redivivo a Melbourne, martello nei tempi (copyright Maurizio Arrivabene) ma sfortunato con un dado che gli ha fatto perdere un arrivo a ridosso del podio. «Ovviamente spero vada meglio di Melborune. Abbiamo la velocità e le cose vanno lisce, dobbiamo solo evitare errori», ha spiegato. Per seguire il LIVE della gara del GP Malesia F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole di Kimi

    | LEGGI ANCHE: ALONSO SPIEGA L’INCIDENTE DI BARCELLONA |

    Sui “timori” legati alla configurazione di Sepang, non hanno ragione d’esistere per Kimi: «La macchina è andata bene su ogni circuito sul quale siamo stati finora (Jerez, Barcellona, Melbourne; ndr) quindi non vedo perché non dovrebbe essere buona anche qui. Credo potrebbe andare ancora meglio rispetto all’ultima gara: è un circuito vero e dovrebbe calzare bene alla monoposto».

    Sono lontani una vita i guai del 2014 e lo si è percepito chiaramente anche dalle dichiarazioni dopo il ritiro in Australia, con un Raikkonen apparso più loquace: «Siamo ovviamente in una posizione decisamente migliore rispetto, direi, alla fine dell’anno scorso. Dobbiamo ancora migliorare un po’ se vogliamo essere davanti e non abbiamo la velocità in questo momento, almeno in qualifica, per farlo. In gara siamo un po’ più forti», aggiunge a Sepang.

    E l’invito di Rosberg a Vettel?

    Quella gara aperta a varie strategie, tanto più se il divario nella gestione delle gomme dovesse essere marcato. Pensare di lottare con le Mercedes è utopia, ma una seconda fila in qualifica con entrambe le macchine e un arrivo ancora a podio, sarebbero due risultati che lascerebbero il sorriso sul volto di tifosi e tecnici. «Sarà una stagione divertente, sono sicuro avremo buone gare e alcune battaglie. Come detto c’è del lavoro da fare ma finora l’abbiamo fatto bene. L’intero pacchetto, non solo il motore, è migliorato: non puoi concentrarti unicamente su un’area. Tutti lavorano in squadra e le cose vanno nella giusta direzione».

    | ORARI E PREVISIONI METEO GP MALESIA 2015 |

    Restando in casa Ferrari, c’è un invito in sospeso, che attendeva risposta. Quello di Nico Rosberg a Sebastian Vettel, per partecipare alla riunione con gli ingegneri del venerdì, nel motorhome Mercedes. Il tedesco di Maranello ha declinato l’invito, spiegando come in Ferrari abbia del lavoro da svolgere e un’eventuale presenza al meeting Mercedes sarebbe solo una trovata per i media, certo non si tratterebbe del briefing classico, nel quale discutere dei “segreti” della W06, assetti e comportamento della macchina. Pazienza, è stata comunque una parentesi simpatica in una Formula 1 più che mai ingessata.