GP Malesia F1 2015: Vettel non ha accettato l’invito di Rosberg al box Mercedes

Formula 1 2015: il venerdì della Malesia è il giorno della resa dei conti tra Vettel e Rosberg in quanto il pilota Ferrari non ha accettato l'invito del collega a partecipare la briefing della Mercedes... ecco le loro dichiarazioni pepate!

da , il

    Sebastian Vettel non ha aperto la busta. Il pilota Ferrari ha poi deciso di non accettare l’invito al briefing Mercedes nonostante l’insistenza di Nico Rosberg che, dopo aver ribadito la cosa ai giornalisti di mezzo mondo sin dal termine dello scorso GP d’Australia, ha sancito l’ufficialità con un chiaro tweet. Niente da fare. E tra i due, dopo i rapporti distesi e scherzosi, si è persino alzata un po’ di tensione:“Prima ha invitato tutti e poi solo me. Toto (Wolff) e Paddy (Lowe) gli hanno dato il permesso di farlo e credo che il gioco gli sia un po’ scappato di mano. Ma lo ha usato solo per farsi pubblicità dimostrando che loro sono cordiali con tutti. Ma pensate davvero che mi direbbero i loro segreti? Non voglio far parte di questo teatrino“. Immediata la replica di Rosberg: “E’ lui che ci ha chiesto inizialmente di venire. Perché poi ha cambiato idea?” Per seguire il LIVE della gara del GP Malesia F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Vettel: “Mercedes non avrebbe rivelato i suoi segreti”

    “Chi dispone di un vantaggio non vuole svelare nulla all’esterno – ha proseguito Sebastian Vettel su ferrari.com – Naturalmente si può imparare dagli altri, ma la squadra è davvero in gamba e credo che rispetto allo scorso anno sia stato fatto un grande passo avanti. Ora tocca a noi confermarlo nelle prossime due gare e assicurarsi che stiamo facendo progressi. Con la vettura di quest’anno fin dal primo giorno sono soddisfatto del bilanciamento. Mi piace la macchina, si guida in maniera fluida”. L’obiettivo della Ferrari è avvicinare la Mercedes tenendo dietro con una certe costanza Williams e Red Bull. Riuscirci con gli inglesi di Grove non sarà facile. Molto più in difficoltà, invece, appaiono per ora gli austriaci:“Non so come sia dal dentro la situazione perché non faccio più parte della squadra – ha commentato sui suoi ex compagni e sulle polemiche tra team e motorista Renault – è sempre spiacevole che si sentano certe cose in pubblico soprattutto perché conosco la professionalità di tutti gli attori coinvolti”.

    Rosberg non sottovaluta la Ferrari

    Qualcuno in Ferrari si è messo in testa la pazza idea di riuscire a riprendere entro qualche mese persino le Mercedes. Per l’inizio dell’estate, ad esempio, la scuderia italiana potrà contare su una power unit più evoluta che è stata già testata con successo dalla Sauber durante le prove invernali di Barcellona. Persino gli uomini di Stoccarda non sottovalutano il potenziale del Cavallino Rampante:“Siamo nettamente i più veloci in qualifica ma è più importante il ritmo gara e lì Kimi ha fatto vedere in Australia delle cose molto interessanti – ha ricordato Nico Rosberg - Non penso che sia corretto dire che la Ferrari è lontana da noi”. In merito al dualismo con Hamilton, ha aggiunto:“Abbiamo la stessa macchina per cui si è visto che le qualifiche sono molto importanti anche se sappiamo che quest’anno ci sono delle opzioni di strategia più flessibili che possono ancora tenere aperto l’esito della gara”.