GP Malesia F1 2017, qualifiche Ferrari. Super Raikkonen non basta, Vettel: “Abbiamo una macchina veloce”

Le qualifiche del GP di Malesia F1 2017 ricacciano indietro Vettel, causa problemi al motore. Ma Seb non molla e la gran prestazione di Raikkonen conforta

da , il

    GP Malesia F1 2017, qualifiche Ferrari. Super Raikkonen non basta, Vettel: “Abbiamo una macchina veloce”

    La mazzata sul morale è enorme. Una Ferrari che a Sepang si è presentata subito competitiva, che lasciava presagire una qualifica del Gran premio di Malesia F1 2017 da gran protagonista. Lo è stata con Kimi Raikkonen, col fiato sul collo di Hamilton, appena 45 ms per andare in pole. Kimi dovrà essere la carta vincente domani, saltare subito davanti alla Mercedes e fare gara di testa. Vettel ha il passo per recuperare, l’interrogativo è fino a quale posizione. Rosberg un anno fa, in condizioni meno favorevoli – l’incidente in partenza in curva 1 che lo ha fatto sprofondare a fondo griglia -, riuscì comunque a salire sul podio. La velocità Ferrari sul passo gara, oltre mezzo secondo di differenza nel long run del venerdì rispetto a Mercedes, è lo “strumento” essenziale per puntare all’impresa.

    I guai sono nati dal problema elettrico sofferto sul finire delle prove libere 3, poi la sostituzione della power unit, la quarta unità programmata a Suzuka portata in pista a tempo record, ma con il turbo numero 3, già usato. Sembra sia stato un problema al gruppo turbocompressore all’origine del guasto in Q1, che ha impedito a Sebastian di fare un tempo. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Malesia F1 2017 con risultati e classifica.

    «Io non credo alla sfortuna, se esistesse, con noi si impegna moltissimo. Peccato per Sebastian, perché oggi avrebbe potuto avere la pole, vista la prestazione di Kimi. Ma le pole si fanno in pista e non in testa. Detto questo, domani partiamo con un pilota in prima fila e uno in fondo, siamo qui per lottare», dice Maurizio Arrivabene. Determinazione che è quella di tutta la Ferrari e di Sebastian Vettel, che ha commentato: «Stavo iniziando il giro e ho perso potenza, più o meno verso metà giro. Siamo tornati lentamente ai box cercando si risolvere il problema e riaccendere la macchina, ma abbiamo avuto un problema alla pressione di alimentazione che non arrivava dal turbo. I ragazzi hanno fatto un lavoro fenomenale, abbiamo risparmiato delle gomme per domani, ho detto loro di non preoccuparsi perché abbiamo una macchina veloce. Non si sa mai cosa può accadere in gara. Sono sicuro che sistemeremo il problema e vedremo cosa riusciremo a fare per preparare la gara. Ci sono delle cose che si possono fare a livello di strategia, possono succedere tante cose».

    Accantonate le speranze di un Vettel in pole, è stato Kimi Raikkonen a confermare la forza Ferrari. Secondo, a un nulla da Hamilton. «E’ andata bene, quando ti avvicini così è una delusione; spero di aver sfruttato al massimo il giro, ci sono sempre punti nei quali migliorare, non si fa mai quello perfetto. La macchina si è comportata bene per tutto il week end, speriamo di andare più in la di 100 metri domani in partenza». E lo spazio disponibile perché cambino le cose non manca. Partenza stile Singapore, per stacco frizione e qualità dello scatto. Da cambiare, l’esito. «Sicuramente c’è tanta strada verso curva 1, sarà importante fare un bella partenza, ci sono due curve strette nelle quali possono succedere tante cose, dovrò cercare di farle bene e poi vedremo, abbiamo un’ottima macchina in gara».