GP Malesia F1 2017: strategie da costruire

Per la prima volta nella storia la Pirelli porta pneumatici supersoft al Gran Premio di Malesia di F1

da , il

    GP Malesia F1 2017: strategie da costruire

    Il Gran Premio di Malesia 2017 di Formula 1 sarà probabilmente l’ultimo della storia, salvo sviluppi nei rapporti commerciali tra gli organizzatori della gara sul circuito di Sepang e Liberty Media. Per l’occasione, la Pirelli ha deciso di chiudere in bellezza andando a portare per la prima volta da quando si corre il GP di Malesia, gli pneumatici Pirelli P Zero Red supersoft in abbinamento ai più consoni P Zero White medium e P Zero Yellow soft. Le ragioni di questa scelta sono molteplici e tutte condivisibili. Ciò porterà, però, ad alcune incognite sul fronte delle strategie che saranno necessariamente sviscerate durante le prove libere al fine di trovare la tattica di gara più efficiente. Meteo permettendo. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Malesia F1 2017 con risultati e classifica.

    GP Malesia F1 2017, debutto gomme Supersoft: ecco perché

    Le ragioni del debutto delle gomme Supersoft della Pirelli nel Gran Premio di Malesia 2017 di Formula 1 sono varie. Innanzitutto va detto che la gara è stata spostata da primavera ad autunno.

    Inoltre, la pista è stata riasfaltata nel tentativo di rimuovere alcuni dossi sviluppati nel tempo a causa del fondo pauldoso sul quale sorge l’impianto e ciò ha portato anche ad una diminuzione del livello di degrado.

    Infine, abbiamo già avuto modo di apprezzare nel corso delle gare precedenti che le mescole portate in pista dalla casa milanese nella stagione di F1 2017 sono mediamente più “dure” rispetto a quelle viste in azione fino allo scorso anno.

    Strategie GP di Malesia 2017: 1 o 2 pit stop?

    Lo scorso anno il vincitore del GP di Malesia effettuò 2 pit stop ma la strategia fu condizionata dalla virtual safety car. Fare paragoni con il passato, però, è fuorviante dato che sono cambiate le mescole e le monoposto sviluppano molta più potenza a terra.

    La partita si gioca nel dubbio di 1 o 2 pit stop:“Lo scorso anno il Gran Premio della Malesia è stato un po’ diverso rispetto alle precedenti edizioni, grazie al ritorno ad un calendario ‘autunnale’ e al rifacimento dell’asfalto – ha ricordato Mario Isola della Pirelli – Ciò ha migliorato il drenaggio della pista: un aspetto importante in un circuito dove può piovere spesso e in modo intenso. Quest’anno abbiamo effettuato una scelta di mescole mai vista in Malesia, più morbida di uno step, con il debutto dei pneumatici supersoft, per cui ci aspettiamo un miglioramento dei tempi sul giro. Di conseguenza, tutte le strategie elaborate in passato dovranno essere riviste: sarà fondamentale il lavoro svolto durante le sessioni di prove libere”.