GP Malesia F1 2017: Toro Rosso appieda Kvyat, Pierre Gasly correrà al suo posto

La Toro Rosso ha deciso di dare un'opportunità al campione del mondo della GP2 2016. Gasly esordirà dunque in F1 dopo aver fatto il terzo pilota della Red Bull.

da , il

    GP Malesia F1 2017: Toro Rosso appieda Kvyat, Pierre Gasly correrà al suo posto

    GP Malesia F1 2017 – Colpo di scena inaspettato nel Circus. Daniil Kvyat non prenderà parte al Gran Premio di Sepang e verrà sostituito dal promettente Pierre Gasly, campione del mondo GP2 Series 2016 e terzo pilota della Red Bull 2017. Il pilota russo è stato letteralmente appiedato dalla Toro Rosso dopo gli scarsi risultati ottenuti in questa stagione. La scuderia di Faenza, per questo motivo, ha dunque deciso di presentarsi in Malesia con il giovane francese alla guida della monoposto numero 26.

    Pierre Gasly, nelle ultime settimane, ha lavorato molto col simulatore della Toro Rosso e si pensava che potesse prendere il posto di Carlos Sainz, promesso sposo della Renault. Secondo molti rumors, la scuderia francese ha cercato in tutti i modi di liberarsi di Jolyon Palmer, ma quest’ultimo ha resistito e manterrà il proprio sedile fino a fine stagione. Da qui la decisione della Toro Rosso di promuovere lo stesso Gasly e di gettarlo nella mischia già nella gara di Sepang. Per Kvyat è la seconda bocciatura nel giro di un anno. Il suo futuro in F1 è sempre più incerto. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Malesia F1 2017 con risultati e classifica.

    Kvyat in crisi dopo la retrocessione in Toro Rosso

    Daniil Kvyat non prenderà dunque parte al GP di Sepang. Per il pilota russo, attualmente penultimo in campionato con soli 4 punti iridati, è una bocciatura pesante che potrebbe compromettergli il futuro in Formula 1. Il 23enne è in crisi di risultati e sembra ormai aver perso la “bussola”.

    E pensare che su Kvyat si erano spese grandi parole solo quattro anni fa. Il suo percorso sembrava quello di un predestinato. Dopo aver vinto la GP3 Series nel 2013, fa il suo esordio in F1 nel 2014, a bordo della Toro Rosso STR9. La sua prima annata si conclude con il 15° posto finale e cinque volte nella zona-punti. L’anno successivo viene promosso in Red Bull al posto di Sebastian Vettel. Conquista un podio, tanti buoni risultati e conclude la stagione davanti al team-mate Daniel Ricciardo.

    Sembra l’ascesa di un campione, ma nel 2016 qualcosa si rompe tra sè e la scuderia. In Cina il pilota russo conquista un podio, poi in Russia viene penalizzato per aver causato il ritiro della Ferrari di Vettel. Da quel momento qualcosa è cambiato tra il pilota e la Red Bull. La scuderia austriaca decide di “retrocederlo” in Toro Rosso e di “promuovere” al suo posto Max Verstappen.

    Nobuharu Matsushita in Toro Rosso nel 2018?

    Dal Gran Premio della Spagna 2016 Kvyat si ritrova sulla Toro Rosso STR11 e da li inizia la sua crisi di risultati. In 31 gare disputate con la monoposto di Faenza, spalmate tra il 2016 e il 2017, colleziona la miseria di 8 punti iridati. Da qui la decisione della Toro Rosso di “metterlo in panchina” per il GP di Sepang.

    La squadra di Faenza sfrutterà questo GP per testare le capacità di Pierre Gasly (non è da escludere che il francese corrà da qui a fine campionato) in vista del 2018. La Red Bull è infatti intenzionata a dare il sedile del partente Carlos Sainz proprio al francese. La seconda monoposto della Toro Rosso, potrebbe finire invece a Nobuharu Matsushita, pilota di Formula 2. La Honda vorrebbe infatti un pilota giapponese per questa nuova avventura e solo Matsushita potrebbe avere le carte in regola per provare a strappare la “Superlincenza di F1″ per correre nel prossimo campionato.