GP Malesia F1: Hamilton, il migliore delle retrovie

Si è concluso con la prima vittoria stagionale di Sebastian Vettel il terzo appuntamento del Mondiale 2010 di F1

da , il

    Sebastian Vettel è finalmente riuscito a salire sul gradino più alto del podio. Nel terzo appuntamento del Mondiale 2010 di F1 il pilota della Red Bull, partito in seconda fila alle spalle del compagno di squadra Mark Webber e della Mercedes di Nico Rosberg, ha centrato la sua prima vittoria stagionale, dopo averla mancata per ben due volte a causa di problemi alla sua RB6 nel corso degli appuntamenti in Bahrain e in Australia. Il gran premio della Malesia è iniziato così, con il balzo di Vettel e la conquista della prima posizione, mentre nelle retrovie gli altri big rimasti indietro, hanno cominciato la scalata verso la vetta infilando un sorpasso dietro l’altro.

    GP MALESIA 2010. La griglia di partenza di Sepang infatti era decisamente insolita, dal momento che le vetture di 2 dei 4 team favoriti di questa stagione partivano da oltre la metà della classifica. McLaren e Ferrari hanno temporeggiato nelle Q1 di sabato, giocandosi così il posto nelle prime file. Il quartetto dei campioni è comunque subito partito all’attacco, superando le monoposto più lente e cominciando la scalata verso il gruppo di testa. Il più scattante è stato Lewis Hamilton che ha fatto da apripista lanciandosi in un duello con la Renault di Petrov. Il pilota della McLaren, autore di un’ottima gara, è riuscito a risalire fino alla sesta posizione lasciandosi alle spalle il gruppetto formato dal campione in carica e compagno di squadra Jenson Button, e dalle 2 Ferrari di Massa e Alonso, impegnati a darsi battaglia tra di loro. Button, unico tra i 4 campioni a partire con gomme morbide, è stato il primo a rientrare ai box per il pit stop, seguito da Massa a metà gara e da Alonso, che ha atteso fino all’ultimo sperando nella pioggia. Quando mancavano dieci giri alla fine Massa si è lanciato all’attacco di Button ed è riuscito a passarlo. A due giri dalla fine ci ha provato anche Alonso, ma il pilota della Ferrari ha dovuto parcheggiare la monoposto nell’erba dopo che il suo motore ha ceduto. I due piloti del cavallino rimangono comunque in cima alla classifica piloti, con il brasiliano che passa in testa e supera il compagno di squadra Fernando Alonso, mentre la squadra è leader nella classifica costruttori.

    LEWIS HAMILTON. Nonostante non sia riuscito a salire sul podio, il pilota della McLaren, protagonista nella prima giornata di prove libere del venerdì, è stato autore di una gara spettacolare. “Sono partito alla grande” ha dichiarato l’iridato 2008, “mettendo a segno un bel numero di sorpassi e mantenendo per gran parte della gara il mio primo set di pneumatici. Dopo il mio primo pit stop ho fatto del mio meglio per raggiungere Sutil, ma era troppo veloce, non c’era niente da fare”. Partito in ventesima posizione, Hamilton è stato il migliore tra i “peggiori” del sabato, e si è detto molto contento per la sua performance e il risultato finale. “Oggi abbiamo dimostrato di essere sufficientemente veloci per competere con i piloti in cima alla classifica. Sono soddisfatto del mio risultato, sinceramente non avrei potuto chiedere di meglio”.