GP di Malesia: che gran Fisico!

da , il

    Giancarlo Fisichella

    Dalla sauna malese è Fisichella ad uscirne vincitore. L’italiano ha vinto alla sua maniera: come un anno fa in Australia, parte primo e arriva primo. Stavolta neanche Alonso, bravo e fortunato, riesce a riprenderlo.

    Raikkonen se ne va da subito nella via di fuga. Il finlandese viene colpito da Klien e la sua gomma posteriore, sfaldandosi, lo manda nella sabbia.

    Button, terzo, tiene botta ma non ha mai lo spunto per disturbare l’italiano. Montoya naviga del suo passo, bel lontano da quello dei migliori e conclude quarto. Rosberg viene subito assorbito dal gruppo e poi saluta tutti con il motore arrosto. Stessa sorte per Webber che riesce comunque a stare per un po’ in scia ad Alonso.

    E’ proprio lo spagnolo l’unico ad impensierire Fisichella, ma nulla può fare per la vittoria e si accontenta di un eccellente secondo posto.

    Le Ferrari deludono più del previsto, in particolare quella di Schumacher che finisce sesto, persino dietro a Massa che era partito dal fondo.

    Gli ultimi posti utili nei punti vengono occupati da Villeneuve e Ralf Schumacher.

    Commenti a fine gara.

    Fisichella: «Una gara perfetta. E’ stata molto pesante e, dal caldo, sembrava che neanche avrei potuto finire la gara. L’auto è stata eccellente. Soprattutto dopo il primo pit stop. Voglio ringraziare il team per il lavoro perfetto e dedico anche questa vittoria al mio amico Pietro che non c’è più».

    Alonso: «Sono partito bene, ho corso dei rischi in partenza ma alla fine era l’unico modo per ottenere qualcosa di buono. L’auto era perfetta anche nonostante il peso extra per il carburante. 18 punti sono un bottino eccezionale».

    Briatore: «Gara perfetta. Fisico è stato un ragioniere. Calmo e tranquillo: un vero vincente che dimostra che le nostre vittorie sono merito della squadra più che di Alonso».

    Button: «Ho dato il massimo e l’auto era ottima.Purtroppo ho lasciato la mia seconda posizione ad Alonso ma ritengo che di più non si poteva proprio ottenere. Non siamo ancora al livello della Renault».

    Massa: «Non ha funzioanto bene la strategia. La macchina era troppo pesante e ho perso troppo tempo dietro agli altri piloti. Arrivare quinto è comunque un buon risultato. Peccato per il motore che ha condizionato tutta la corsa. Io davanti a Schumacher? Una grande soddisfazione perché lui è il migliore di tutti».

    M. Schumacher: «Tutto sommato un risultato accettabile. Nel finale non ne avevo per superare Massa che è stato bravo a non fare errori. La Malesia è sempre stata dura per noi. Speriamo che in Australi cambi qualcosa».

    Todt: «Dati i molti problemi siamo partiti per limitare i danni. E penso che i punti presi ci torneranno molto utili. Sono contento per Massa che ha fatto un’ottima gara».

    Trulli: «Sono stato tamponato al primo giro, il mio diffusore era rovinato e quindi non ero competitivo come avrei potuto essere. Abbiamo tanti problemi, soprattutto con le gomme che, con noi, non lavorano bene come le Michelin lo scorso anno»

    Ordine di arrivo:

    1 Giancarlo Fisichella Renault 1:30:40.529

    2 Fernando Alonso Renault +4.5 secs

    3 Jenson Button Honda +9.6 secs

    4 Juan Pablo Montoya McLaren-Mercedes +39.3 secs

    5 Felipe Massa Ferrari +43.2 secs

    6 Michael Schumacher Ferrari +43.8 secs

    7 Jacques Villeneuve Sauber-BMW +80.4 secs

    8 Ralf Schumacher Toyota +81.2 secs

    9 Jarno Trulli Toyota +1 Giro

    10 Rubens Barrichello Honda +1

    11 Vitantonio Liuzzi STR-Cosworth +2

    12 Christijan Albers MF1-Toyota +2

    13 Tiago Monteiro MF1-Toyota +2

    14 Takuma Sato Super Aguri-Honda +3

    Ritirati:

    Nick Heidfeld Sauber-BMW

    Scott Speed STR-Cosworth

    Yuji Ide Super Aguri-Honda

    Christian Klien RBR-Ferrari

    Mark Webber Williams-Cosworth

    David Coulthard RBR-Ferrari

    Nico Rosberg Williams-Cosworth

    Kimi Räikkönen McLaren-Mercedes