GP Messico F1 2015, Hamilton tira dritto: Aiutare Rosberg? Voglio vincere

Non cambia obiettivo dopo il titolo conquistato a Austin. Il secondo posto di Nico?

da , il

    GP Messico F1 2015, Hamilton tira dritto: Aiutare Rosberg? Voglio vincere

    Aiutarlo? Nemmeno per sogno. Inizia da questa prospettiva il Gran Premio del Messico di Lewis Hamilton. Gli chiedono se sarà di supporto alla rincorsa di Rosberg al secondo posto nel mondiale, da contendere a Vettel, ma Lewis non ha alcuna intenzione di abbandonare i suoi propositi di vittoria: vuol essere il primo ad apporre il suo nome nell’albo d’oro al ritorno della Formula 1 in Messico, chi se ne frega di Nico. «Il team ha già vinto il mondiale Costruttori, non cambierebbe nulla con la seconda posizione di Nico. Non so, se me lo dovesse chiedere Toto…». Primo affondo. Segui insieme a noi LIVE in diretta la gara del Gran Premio del Messico di F1 2015.

    Quanto vada per la propria strada e non si preoccupi per nulla del contatto avvenuto in partenza a Austin, lo conferma quando gli viene chiesto se è previsto un incontro dentro al team per chiarire la manovra, stabilire cosa è consentito e cosa vietato. Per lui è tutto regolare, se Toto Wolff avrà voglia di parlare con Rosberg, ascolterà ma senza cambiare approccio. «Non abbiamo parlato e non credo ci sia il bisogno. Io non ho problemi, sono un tipo tranquillo. Forse Toto sente l’esigenza di sedersi con Nico e capire cosa pensa, perché non vogliamo tensioni dentro al team. Di solito siamo trasparenti e non ho nulla da dire al proposito, ma sono certo ci sederemo e vedremo cosa sente Nico, poi proveremo ad andare avanti».

    Di tempo per festeggiare non ne ha avuto molto, è già concentrato sul week end che partirà domani: «Gli ultimi giorni sono stati rilassanti, non troppo frenetici. Ho festeggiato un po’ ma programmo di darci dentro con la festa a fine anno, qui c’era un week end da preparare. Come sempre attacco al massimo, abbiamo tre gare e il GP Del Messico dopo 23 anni, è emozionante per i tifosi e per me, tutti vogliamo vincere la gara inaugurale», spiega.

    | LEGGI ANCHE: MCLAREN, VETO SU HONDA PER FORNIRE RED BULL | GP MESSICO: GLI ORARI | L’ANTEPRIMA: IN MESSICO SENZA NULLA DA PERDERE |

    Non vincerà, ma potrà fare molto bene, il beniamino di casa, l’enfant du pays Sergio Perez: «Per me è un privilegio poter correre nel gran premio di casa, quello di domenica sarà il giorno più importante della mia carriera, i messicani sono molto caldi e sarà un giorno speciale indipendentemente dal risultato. Spero sia grandioso per poter regalare qualcosa ai fan che faranno un lungo viaggio per essere qui Siamo reduci da un paio di ottime gare, le ultime sei sono state molto positive e credo ci siano ottime possibilità di continuare su questo passo. Cercherò di ottenere più punti possibile», anticipa.

    Da domani si scenderà in pista, per prendere contatto con un circuito sul quale si attendono velocità massime elevatissime, prossime ai valori di Monza e con un asfalto da verificare nei livelli di grip e abrasività, partendo tutti al buio e senza riferimenti, se non quelli delle simulazioni.