GP Messico F1 2017, libere Red Bull. Ricciardo: “Mercedes favorita, occhio alla durata delle gomme”

Nonostante il miglior tempo nelle prove libere 2 del GP del Messico, Ricciardo sa di dover guardare alla gara e non alla qualifica, gli fa eco Verstappen

da , il

    GP Messico F1 2017, libere Red Bull. Ricciardo: “Mercedes favorita, occhio alla durata delle gomme”

    Il GP del Messico F1 2017 inizia con convincenti sprazzi di competitività per Red Bull. Le prove libere portano Ricciardo in testa al pomeriggio, Max Verstappen vicino al vertice, ma con qualche problema di affidabilità su una power unit oramai giunta a fine ciclo, che ne condiziona la possibilità di girare alla ricerca del passo gara.

    Spesso abbiamo visto Red Bull velocissima al venerdì, salvo poi ridimensionarsi al sabato, quando Mercedes e Ferrari riescono a incrementare la potenza e prendersi le prime due file dello schieramento. In Messico gli indizi che arrivano vanno in tale direzione e anche Daniel Ricciardo frena i facili entusiasmi. Diverse considerazioni, invece, in ottica gara, dove il passo ha convinto, perché molto molto veloce. Un interrogativo resta sulla costanza del ritmo con gomma ultrasoft, esercizio nel quale Lewis Hamilton ha stracciato la concorrenza. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Messico F1 2017 con risultati e classifica

    «I favoriti? Per adesso, credo Mercedes ne abbia di più. Al sabato hanno più potenza, un decimo di vantaggio oggi non è abbastanza, se troviamo 2 decimi forse siamo lì. E’ stato un bel venerdì, spero sia lo stesso domani e domenica. E’ stata difficile con le gomme, l’anno scorso sembrava più semplice, uno stop per tutti più o meno, adesso non so se sarà possibile fare uno stop, forse come la scorsa settimana ci sarà chi farà una e chi due fermate», commenta Ricciardo. E sarà importantissimo scoprire l’evoluzione della pista, se la gommatura al sabato aiuterà a tal punto le gomme da consentire di fare un’unica fermata ai box. Per inciso, Red Bull è il team con meno set di gomme ultrasoft e potrebbe impostare la gara su una strategia che privilegi le supersoft e le soft.

    Se le prove libere di Daniel Ricciardo lo hanno visto protagonista, quelle di Verstappen sono corse via tra esperimenti in prospettiva 2018 e un programma ridotto al pomeriggio, causa guasto al motore. «Stamattina abbiamo provato nuove parti per il prossimo anno, solo per capire. Poi ho cambiato il bilanciamento (lunghi interventi di sostituzione delle sospensioni anteriori; ndr) perché nelle libere 1 non avevo trovato l’assetto. C’è la velocità, però il guasto al motore mi ha fermato, era un motore vecchio e non ho preoccupazioni. In qualifica sarà difficile fare meglio, ci proveremo, però forse abbiamo più passo in gara».