GP Messico F1 2017, qualifiche Ferrari. La cinquantesima di Seb: “Attaccheremo a tutta”

Vettel riporta la Ferrari in pole dopo Singapore e centra la pole numero 50 in carriera. Deludente la prestazione di Raikkonen

da , il

    GP Messico F1 2017, qualifiche Ferrari. La cinquantesima di Seb: “Attaccheremo a tutta”

    E’ un premio meritato. La pole position nelle qualifiche del GP del Messico 2017 per Sebastian Vettel rimette in piedi un periodo difficile, iniziato dopo Singapore e che ha decretato la fine delle speranze di titolo mondiale per la Ferrari. L’avversario stavolta è stato Max Verstappen, imprevisto, perché i pronostici davano Hamilton il riferimento, tanto più con la possibilità di portare la power unit su in Q2 e Q3. Motore usato, ricordiamo, per Mercedes. Verstappen ha un’unità fresca ed evoluta, soprattutto, montata a Austin. Se dopo il primo tentativo i 254 millesimi di gap sembravano difficilmente recuperabili, Vettel ha messo in pista un’aggressività e precisione che hanno ribaltato un risultato che sembrava scritto.

    Partire dalla pole è sempre un vantaggio, anche se domani, in gara, dovrà fare attenzione alla lunga strada verso curva 1, i 900 metri che daranno scia e modo a Verstappen e Hamilton di attaccare e giocarsi la posizione in curva 1. Più Verstappen che Hamilton, Lewis cercherà il titolo, gli basterà il quinto posto per farcela. Nota negativa del sabato Ferrari, Kimi Raikkonen, che rimedia 750 millesimi. Troppi. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Messico F1 2017 con risultati e classifica

    «E’ stato un giro davvero discreto devo dire, sono molto molto contento, la pista è molto scivolosa ed è difficile sfruttarla al massimo, ho fatto un buon primo settore, c’è stato uno spavento in curva 6, quasi ho perso la macchina. Sono molto contento. Venerdì è stata difficile, nella notte abbiamo lavorato su tante cose e abbiamo migliorato, vediamo domani cosa farò in gara. Ormai la situazione nel mondiale non è più sotto il mio controllo, attaccheremo a tutta, vedremo cosa farà Lewis. Meritiamo un gran risultato, la Ferrari merita un gran risultato», le prime parole di Sebastian, appena sceso dalla macchina.

    E’ la pole numero 50 per Vettel, traguardo che Seb giura essergli sfuggito mentre era in macchina: «Sembrano tante pole! Non so cosa dire, è un gran numero e sono molto contento della pole di oggi. Prima delle qualifiche non sembrava potesse andare così, a ogni sessione cerchi di dare il meglio e in qualifica di spingere al massimo: è stato molto appagante. Nel complesso è un grosso risultato conquistare 50 pole».

    Rilegge le eliminatorie più importanti e come il tempo di Verstappen in Q2 abbia lasciato grandi interrogativi, poi spazzati via in Q3: «E’ stato davvero molto veloce nel Q2, non so dove abbia tirato fuori quel giro, abbiamo dovuto tutti tirar fuori l’impossibile, ed è molto difficile perché non c’è tanto margine, l’altitudine qui rende l’asfalto molto scivoloso ed è difficile trovare il limite. In Q2 era andato 4 decimi più veloce di tutti. Sapevo che se avessi fatto bene il primo settore, avrei avuto delle opportunità migliori. Quando ho visto di quanto ero in vantaggio sul traguardo – sapevo che eravamo vicini, ma non sapevo cosa stessero facendo gli altri – c’è stata un’esplosione di gioia nell’abitacolo, diversa dall’esplosione dell’estintore di ieri. Sono molto contendo e soddisfatto, credo d’aver fatto un giro perfetto alla fine».