GP Monaco F1 2015, Pirelli: debutta la gomma supersoft

La mescola più morbida dell'intera gamma potrebbe modificare qualche valore in campo

da , il

    Il Gran Premio di Monaco di Formula 1 2015 segna il debutto stagionale della mescola di pneumatico più morbida dell’intera gamma studiata dalla Pirelli, vale a dire la P Zero Red supersoft. C’è molta attesa per scoprire come questa inciderà sul comportamento delle monoposto in un tracciato del tutto atipico come quello di Montecarlo e quanta differenza di prestazione regalerà rispetto alla più duratura gomma Yellow soft.

    Pirelli: “Gomma Supersoft tutta nuova”

    “Porteremo al debutto in campionato il nostro pneumatico P Zero Red supersoft, quest’anno profondamente rinnovato. Farà coppia con la gomma Yellow soft, come da nostra tradizione nel Principato - ha dichiarato

    Paul Hembery nel comunicato ufficiale della Pirelli - A Montecarlo i sorpassi sono tradizionalmente difficili, ma più volte abbiamo visto in passato come la strategia e il degrado degli pneumatici possano favorire i cambiamenti di posizione, e anche i sorpassi in pista. In particolare, sarà cruciale il buon utilizzo della gomma supersoft, che offre un notevole vantaggio cronometrico sul giro”.

    GP Monaco: tattiche dettate dalla safety car

    Secondo il direttore motorsport Pirelli sarà determinante per i team riuscire a raccogliere quanti più dati durante le prove libere al fine di capire e massimizzare il vero potenziale delle monoposto sia in qualifica che in gara. Quanto alle strategie di gara, grazie ad un asfalto poco abrasivo sarebbe possibile teoricamente completare l’intera distanza con un solo pit stop, tuttavia ciò si verifica raramente poiché il quasi inevitabile ingresso di più d’una safety car porta spesso ad avere dei cambi tattici in corso d’opera. Così non è stato lo scorso anno in quanto la vettura di sicurezza è entrata in pista solo una volta e proprio quando i piloti avevno in programma il loro unico cambio gomme. Nico Rosberg ha vinto partendo dalla pole position davanti all’altra Mercedes di Lewis Hamilton fermandosi al al giro 25 su 78 e passando dalle gomme supersoft alle gomme soft.

    Manor: a Montecarlo nel ricordo di Jules Bianchi

    Il Gran Premio di Monaco del 2014 è stato il momento più alto della storia del team Marussia e della carriera prematuramente e tragicamente interrotta di Jules Bianchi. Il pilota francese, infatti, ha ottenuto uno storico ottavo posto grazie soprattutto alla sua abilità di guida nell’ostico circuito di Montecarlo. Il team Manor ha deciso di rendere omaggio a Jules mettendo la scritta JB17 sulle proprio vetture fino alla fine del campionato:“Sarà un momento di grande emozione per tutta la squadra – ha ammesso il direttore sportivo, Graeme Lowdon, ad Autosport – lo scorso anno fu un fine settimana memorabile. Jules quel giorno fece davvero una gran gara e andare per la prima volta a punti fu incredibile. Dobbiamo ancora ringraziarlo per quel risultato”.