GP Monaco F1 2015, prove libere Red Bull. Ricciardo punta la Ferrari

Serviranno qualifiche perfette, occhio alle gomme da mandare in temperatura

da , il

    Montecarlo non è certo pista in grado di stressare eccessivamente il motore. In Red Bull sperano di poter far valere altre qualità della RB11 nel Gran Premio di Monaco 2015 e Daniel Ricciardo pone obiettivi a dire il vero ambiziosi: rivaleggiare con la Ferrari. Il talento per staccare il giro perfetto non gli manca, ma realisticamente può stare davanti alle Rosse? Oggi Kvyat ha chiuso a 3 millesimi da Raikkonen nel secondo turno, Ricciardo solo 16mo, eppure al mattino aveva fatto 1 decimo meglio di Vettel: «Credo sia stata una giornata accettabile. Abbiamo iniziato con il piede giusto, non c’è niente sulla macchina che sembri clamorosamente fuori posto», dice Daniel. Per seguire la gara LIVE in diretta web da Monaco, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    «Per cui, penso siamo più o meno dove dovremmo essere, dietro alle Mercedes è tutto piuttosto ravvicinato. Penso che la Ferrari ovviamente abbia ancora del margine, ma con una qualifica perfetta potremmo provare a dividerli. Non fraintendete, stare davanti sarà uno sforzo, ma tutto può capitare qui, non è impossibile. Almeno dovremmo essere davanti alle Williams», approfondisce.

    Non è impossibile, certo, specialmente se il traffico giocherà un ruolo cruciale nel rovinare il giro di qualcuno, come più volte si è visto oggi nelle libere.

    | LEGGI ANCHE: CRONACA PROVE LIBERE 1 GP MONACO 2015 | ROSBERG: GOMME MORBIDE TROPPO DURE | CRONACA PROVE LIBERE 2 |

    A essere in palla sono sembrate anche le Toro Rosso, eppure non le teme Ricciardo. «Sono di nuovo veloci, ma dovremmo essere a posto». A dimostrazione di quanto sia stato un problema generalizzato, quello dell’attivazione delle gomme e il loro funzionamento nella finestra corretta di temperatura, dice: «Il riscaldamento della gomma è stato scadente oggi a causa del freddo, speriamo arrivi un po’ di sole sabato ad aiutarci, altrimenti potrebbero servire un po’ di giri in qualifica per farle andare».