GP Monaco F1 2015, qualifiche Mercedes. Hamilton: sessione difficile

Firma la prima pole nel Principato, ma non senza problemi legati alle gomme

da , il

    Finalmente in pole a Montecarlo. Un risultato che mancava nel palmares di Lewis Hamilton, peraltro con delle statistiche da arricchire al capitolo vittorie, fermo a quella del 2008. Le qualifiche del Gran premio di Monaco gli hanno dato la prima posizione, da confermare in gara. Non è stata una sessione semplice, specialmente nel Q2, quando si è lamentato spesso via radio della poca aderenza data dalle gomme supermorbide, mentre Rosberg dava l’illusione di poter contendere la pole.

    «Ha molto significato perché ci ho messo tanto tempo. Non è stata una sessione semplice, ho avuto parecchi problemi che non mi hanno dato ritmo. Questa pista è molto difficile, complicato dire quanto. Trovare il ritmo, continuare a migliorare, è come una scala: ogni volta fai un gradino e quando vai giù è difficile risalire. In ogni sessione abbiamo avuto delle difficoltà per questo il risultato è ancora più speciale», dice Hamilton. Per seguire la gara LIVE in diretta web da Monaco, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    Poi ci sono i confronti, quello con il suo idolo Senna, che a Montecarlo è stato maestro. «Oggi è una pole speciale, perché crescendo era una pista sulla quale volevo correre e vincere. L’unica vittoria che ho ottenuto non era arrivata dalla pole», ricorda. «E’ stata una strada molto molto lunga e durante le qualifiche ci sono state tante cose che ci hanno preso alla sprovvista in Q1 e Q2, nonostante tutto sono rimasto concentrato. Sembra un week end perfetto, spero di concluderlo domani». Proverà a mettergli i bastoni tra le ruote, Nico Rosberg. E’ mancato nel momento chiave, andando oltre il limite e commettendo due errori nei tentativi in cui avrebbe dovuto trovare la perfezione.

    «Ho avuto un buon ritmo a inizio qualifiche, ma poi ho perso nel finale. Ho cercato di dare tutto, ci ho provato e non è andata». Sarà complicato recuperare la posizione, dovrà provarci al via: «Non credo che sia così difficile recuperare. Ho cercato di migliorare il tempo, avevo un po’ di sovrasterzo, ero fiducioso di poter fare la pole ma non ci sono riuscito. Sono deluso, certo, partire primo dà un gran vantaggio. Devo provare a mettere pressione domani e spingere, magari riesco a fare qualcosa: nella sosta c’è l’opportunità di far bene, prima e dopo».

    | LEGGI ANCHE: HAMILTON IN POLE, E’ LA PRIMA VOLTA A MONTECARLO |

    |FERRARI DELUSA, RAIKKONEN: UNO SCHIFO |