GP Montecarlo F1 2014: il Processo al Gran Premio di Monaco [FOTO]

Formula 1: processo al Gran Premio di Monaco 2014

da , il

    GP Montecarlo F1 2014: il Processo al Gran Premio di Monaco

    Appassionati di Formula 1, benvenuti nello spazio dedicato al Processo al Gran Premio di Monaco 2014. Sul circuito di Montecarlo è andata in scena quella che possiamo considerare la prima vera scaramuccia pubblica tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg. Ed è principalmente di loro che vogliamo parlare oggi. Altro tema che merita una citazione è la rabbia di Kimi Raikkonen contro i commissari di gara. Il finlandese ha perso un podio per colpa di un banale incidente con una Marussia doppiata durante le fasi della safety car.

    CASO 1: errata strategia Mercedes?

    ACCUSA. Hamilton voleva tentare di superare Nico Rosberg al pit stop. Era l’unico modo. La safety car che esce nel momento meno propizio, però, congela di fatto le posizioni. Qualcosa di meglio, in verità, la Mercedes poteva fare:”Fossi stato in McLaren, sarei entrato immediatamente, non avrei aspettato un altro giro”, è stato il commento seccato dell’anglocaraibico. In effetti, la Mercedes ha ancora molto da imparare sul fronte delle strategie:”Abbiamo un ragazzo straordinario ma è da solo. In McLaren erano due, uno per ogni pilota”, ha spiegato Hamilton. Come dargli torto?

    DIFESA. Criticare la Mercedes oggigiorno è follia pura. Questi hanno dato ad Hamilton una macchina perfetta che da sola basta e avanza per vincere tutte le gare del mondo. Persino Alvaro Vitali al muretto box (quello vero, non Jean Todt) sarebbe in grado di inventarsi strategie strampalate e vincere lo stesso. Hamilton stavolta deve accettare che Rosberg ha fatto un lavoro migliore del suo approfittando della situazione al meglio e non sbagliando nulla. Nulla. Neanche nelle qualifiche.

    CASO 2: Hamilton cavallo perdente?

    ACCUSA. L’atteggiamento di un Hamilton così nervoso e scontroso nei confronti del compagno di squadra è un qualcosa che preoccupa. L’inglese non accetta le scuse del compagno per la furbata dell’uscita di pista nelle qualifiche nonostante lui per primo avesse fatto qualcosa di poco leale due settimane prima a Barcellona. Poi salta fuori che, però, aveva iniziato già Rosberg in Bahrain, attaccandolo, a rompere alcuni patti all’interno del box? Ok, tutto ci sta quando sei a giocarti il mondiale. Il punto è che Lewis sembra avere molte meno stabilità psichiche rispetto a Nico. Nico è un novellino per la lotta al titolo eppure ragiona come un professore. Lewis ci fa tornare in mente quando nel 2007 riusci a perdere avendo 17 punti di vantaggio a 2 gare dalla fine. E quando nel 2008 arrivò all’ultima curva. E quando quando quando negli anni seguenti buttò via delle gare per banali errori di “distrazione”.

    DIFESA. E’ o non è Lewis Hamilton quello che ha vinto 4 gare di fila relegando quasi sistematicamente Rosberg ad un ruolo di comprimario? Il circuito di Montecarlo non fa storia. O meglio, fa storia a sé. Trovare una regola nel tracciato delle eccezioni è folle. Sicuramente Nico è un tedesco solido. Granitico. Ma Lewis ha più di un decimo al giro sul piede da poter tenere dalla sua per gestire qualche distrazione emotiva di troppo. Wait and see.

    CASO 3: Raikkonen rabbioso contro i commissari

    ACCUSA. Non gliene va dritta una a Raikkonen. Stavolta ha un podio ipotecato ma, per colpa di Chilton doppiato, si ritrova tamponato con tanto di clamorosa foratura. E addio sogni di champagne accanto al Principe Alberto. A fine gara Iceman si scaglia contro i commissari:”Mi hanno fatto storie perché ho saltato la parata dei piloti prima della gara ma non stavo bene. E, invece, non mi hanno chiesto niente sull’episodio che ha rovinato la mia gara. Per loro quello che è successo forse non è importante?”

    DIFESA. Cosa potevano fare i commissari? La frittata era ormai fatta e il podio nessuno poteva restituirlo al finlandese. Se non hanno preso provvedimenti contro Chilton, evidentemente, hanno giudicato l’episodio un normale incidente di gara. Oltretutto Raikkonen è la seconda volta quest’anno che si trova con una gomma forata da un rivale che lo tampona. Solo sfortuna?

    Twitter: @pierimanuel

    Paddock Girls GP Monaco F1 2014