GP Montecarlo F1 2017: Red Bull può sorridere, Mercedes sbaglia assetto

Ricciardo contento del rendimento della monoposto, Hamilton e Bottas in difficoltà al pomeriggio per mancanza di aderenza

da , il

    GP Montecarlo F1 2017: Red Bull può sorridere, Mercedes sbaglia assetto

    I risultati delle prove libere 2 del Gran Premio di Montecarlo F1 2017 dicono non solo di una Ferrari che procede sulla strada giusta per mettersi in pole sabato, ma anche che alle sue spalle c’è una Red Bull molto veloce e in grado di rappresentare una minaccia concreta. Ricciardo meglio di Verstappen, che al mattino ha perso tempo causa fondo danneggiato da sostituire. Sono i più immediati inseguitori, perché, per una volta, mancano le Mercedes. Sbagliano scelte d’assetto, sono costretti a tornare indietro e a risentirne sono i tempi e il programma di giornata. Niente long run a Montecarlo, mentre gli altri giravano (e forte) con il pieno di benzina.

    L’esercizio riesce al meglio alle due Ferrari, le Red Bull provano a replicare, ma il divario c’è. Impossibile giudicare le Mercedes. Hamilton e Bottas impegnati a tornare indietro sulle scelte fatte nella pausa tra prima e seconda sessione di libere. Spera di ripetere l’exploit 2016 Ricciardo, che dice: «Non male, è simile all’anno scorso, con la gomma nuova non ero molto contento del primo giro, dobbiamo scaldarla un po’ di più, poi però siamo lì. Forse in qualifica sarà come l’anno scorso, un giro lento e poi all’attacco. Sembrava come lo scorso anno. Sorpassare su questa pista è quasi impossibile, quindi il run di simulazione gara non è molto importante, molto più importante è preparare la macchina per un giro. Clicca qui per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Montecarlo F1 2017!

    Restano ancora un po’ di cose sulle quali lavorare ma in generale siamo nella finestra nella quale dovremmo essere, non a un secondo di ritardo. Su un circuito cittadino è meglio guidare una macchina che conosci bene piuttosto che avventurarti in grandi cambiamenti di assetto».

    Non ha funzionato né sul giro secco né sul long run, peraltro non svolto, la Mercedes. «Non abbiamo avuto la migliore delle giornate. Le libere 1 sono andate davvero bene, ma nelle seconde abbiamo faticato a trovare il grip dalle gomme e scivolavamo molto, non sono certo del perché le gomme non funzionassero ma le differenze tra le due sessione erano come tra il giorno e la notte. Abbiamo del lavoro da fare in vista del sabato, è certo, sono fiducioso che il team riuscirà a risolvere tutto. Le Ferrari sono molto veloci ancora una volta, le Red Bull sembrano anche loro forti, ci aspetta una vera lotta sabato», l’analisi di Lewis Hamilton. Valtteri Bottas ha girato praticamente nello stesso decimo del compagno di team, e nelle stesse difficoltà è incappato: «Abbiamo avuto difficoltà sul giro singolo, tra le due libere sono stati fatti dei cambiamenti ma non sono andati nella giusta direzione, per questo entrambi ci siamo trovati in difficoltà. Le cose sono migliorate quando abbiamo provato a tornare indietro con l’assetto ma a quel punto avevamo già molti giri su quelle gomme (ultrasoft), perlomeno abbiamo imparato cosa non fare con l’assetto qui».

    Libere 2: Vettel c’è, Mercedes non ancora

    Si trova davanti alle Mercedes, Max Verstappen. Finora è stato lontano dai muretti, anche se un passaggio troppo deciso sui “panettoni” oltre i cordoli ha danneggiato il fondo della Red Bull nelle libere 1. «Non è andata male, possiamo essere soddisfatti. E’ una giornata positiva. Le qualifiche qui sono tutto, nel long run sono stato dietro alcune macchine ed è davvero difficile superare».