GP Monza F1 2012. Ferrari, Domenicali: “Più cavalli ci danno i fan meglio è” [VIDEO]

da , il

    f1autoz12

    AP/LaPresse

    A inizio anno, nel momento di maggior difficoltà tecnica della Ferrari, il presidente Montezemolo intervenne spesso per spronare la squadra a dare il massimo e migliorare la F2012. Adesso, prima del gran premio di casa, domenica prossima a Monza, è Stefano Domenicali a ribadire concetti già sentiti in primavera.

    «Abbiamo lasciato il Belgio con la consapevolezza che il campionato è ancora nelle nostre mani. E’ nelle mani delle persone a Maranello, che devono migliorare la vettura perché non è ancora ai livelli a cui dovrebbe essere. La competizione è ancora molto aperta e Fernando è ancora in testa al campionato e quella è la base da cui partire per andare avanti».

    In Belgio la Ferrari se la sarebbe potuta giocare in gara, puntando al secondo o terzo gradino del podio. Le vicende della partenza hanno bruscamente impedito che avvenisse. A Monza, il copione potrebbe non essere così scontato, ovvero, McLaren davanti a tutti e Ferrari ben che vada a guidare il gruppetto degli inseguitori.

    Per la natura particolare del circuito, superveloce e con una configurazione aerodinamica scarica, potrebbe esserci una lotta serrata, con distacchi inferiori al Belgio. Più della velocità massima, insomma, la differenza la faranno l’efficienza sui cordoli e la trazione in uscita.

    Il sostegno del pubblico sarà enorme, ma purtroppo per Domenicali e la Ferrari non porterà decimi extra. «Abbiamo tantissimi fan che ci sostengono all’Autodromo e sono sicuro che quest’emozione darà una scarica di adrenalina al team e ai piloti. Più cavalli riescono a darci i fan, meglio è! Faremo tutto ciò che possiamo per ripagarli di quel sostegno. Allo stesso tempo però, non voglio fare previsioni, voglio solo dire che spero porteremo a casa un bel bottino di punti da Monza».

    Quale potrebbe essere quindi lo scenario migliore (vittoria a parte) che la Ferrari può augurarsi dal Gran Premio d’Italia? Un Button ancora vincente non darebbe troppo fastidio, e visto che in McLaren non daranno ordini di scuderia, non è irrealistico pronosticare l’inglese davanti a Hamilton. Poi ci sono gli outsider, le scuderie di seconda fascia che si inseriranno nelle prime file, come avvenuto a Spa e potrebbero essere mettersi dietro le Red Bull. C’è la sensazione che a Monza, se non dovesse riuscire il miracolo di una vittoria Ferrari, comunque gli alleati sulla strada non mancheranno.

    Anche Domenicali è consapevole che le caratteristiche uniche di Monza potranno dare spazio a tante scuderie. «C’è una sensazione speciale per la corsa di casa, ma la realtà è che il numero di punti in palio è lo stesso che negli altri 19 gran premi nel resto del mondo. Per concludere, vorrei poter pensare che lasceremo Monza avendo messo da parte dei punti importanti in quella che è una gara davvero speciale per noi. Questo sarà un weekend sicuramente impegnativo dal punto di vista tecnico. Tutti i team, inclusi anche noi, correranno in una configurazione specifica per rispondere ai bassissimi requisiti di deportanza richiesti che sono unici per questo circuito, sappiamo anche che molti nostri rivali solo molto competitivi su questo tipo di circuito», ha concluso.