GP Monza F1 2014, Mercedes: Rosberg scontento del long run

In casa Mercedes c'è ancora tanto lavoro da fare dopo il venerdì del Gran premio d'Italia 2014

da , il

    GP Italia F1 2014, venerdì pre gara

    Tirerà fuori ancora qualche decimo domani, rifinendo l’assetto, la Mercedes. Resta il fatto che dopo le prove libere 2 del Gran premio d’Italia, a Monza Rosberg è apparso velocissimo in ottica qualifica ma decisamente “umano” sul ritmo gara.

    Non solo i tempi sono assimilabili a quelli ottenuti dalla Ferrari con Raikkonen, restano lontani un paio di decimi dalla minaccia principale: la Williams. «Oggi è andato tutto bene, gli altri sembrano essere più vicini e dovremo lavorare per ottimizzare il tutto domani. La macchina sembra andare meglio sul giro secco rispetto ai long run e sarà su questo che dovremo concentrarci per essere i più veloci», spiega Rosberg dopo le prove. Per seguire il live in diretta web delle qualifiche, basta cliccare qui!

    | ALONSO PARAGONA LA FERRARI AL REAL MADRID |

    Si può vincere la gara senza il miglior passo gara ma partendo davanti? Rosberg non si affida più di tanto alla statistica e alla pole: «La qualifica qui è importante ma in gara si può sorpassare ed è importante andare bene sia sul giro secco che sul passo. Non sono contento al 100% della macchina oggi, dovrò lavorare ancora sul bilanciamento».

    | LA CRONACA DELLE PROVE LIBERE 2 DEL GP DI MONZA |

    Per quanto debba ancora sistemare qualcosa sulla W05, al leader del mondiale è andata decisamente meglio che a Lewis Hamilton, fermato a lungo al box da un guasto di natura elettrica. Ci ha fatto l’abitudine l’inglese, che dice: «Dopo l’esperienza del passato sono più preparato per situazioni come questa e sono certo riusciremo a far funzionare la macchina e metterla nella giusta posizione». In seguito ha aggiunto che studierà i dati raccolti da Rosbeg per indirizzare il lavoro di sviluppo sulla sua macchina: «Proverò a capire quel che ha raccolto Nico, abbiamo stili di guida piuttosto simili, con qualche differenza, ma in generale quando sovrapponiamo i giri risultano molto vicini. Il team lavora unito e quando una macchina fa un progresso, tutto il team si sposta in quella direzione».

    | I RISULTATI DELLE PROVE LIBERE 1 A MONZA |

    A Silverstone accadde una situazione simile al venerdì, quando perse il long run pomeridiano e si presentò alla domenica con l’incognita del passo gara. Un sabato mattina dedicato allo sviluppo gli permise di andare più forte di Rosberg e vincere la corsa, con ben altre incognite sulla durata e prestazione delle gomme.

    Saprà replicare l’exploit a Monza?

    Fabiano Polimeni