GP Monza F1 2015, Massa ancora a podio: “Sto diventando vecchio!”

Per il secondo anno di seguito, Felipe Massa sale sul podio del Gran Premio d'Italia a Monza. Le parole del pilota brasiliano, in lotta con Bottas fin sotto la bandiera a scacchi.

da , il

    Un pit-stop non velocissimo, Rosberg che prova l’undercut e Felipe Massa sembrava dovesse dire addio al podio nel Gran Premo d’Italia a Monza. Le battute iniziali di gara lo hanno visto resistere agevolmente a Bottas e Rosberg alle sue spalle, poi nella seconda metà insegue la Mercedes, ma il ritmo è tutta un’altra cosa.

    Finché a due giri dal termine il V6 di Stoccarda, con milioni di chilometri sulle spalle, esala l’ultimo respiro e parcheggia Nico alla Roggia. Ancora terzo posto per Felipe, o almeno quel che si prospetta, perché Bottas vuole rendergli la vita difficile e provare a guadagnarlo lui quel gradino.

    Le parole dei piloti

    «E’ stata molto dura, sto diventando un po’ vecchio per queste cose e gli ultimi tre giri sono stati difficili, in lotta con il mio compagno. Questo podio meraviglioso, grazie davvero, siete tutti qui nel mio cuore», dirà sul podio a una folla che lo acclama, perché i trascorsi Ferrari non si dimenticano.

    | LEGGI ANCHE: LA CRONACA DELLA GARA | FERRARI: VETTEL RAGGIANTE, DELUSIONE RAIKKONEN | MERCEDES SOTTO INCHIESTA: I FATTI | HAMILTON SERENO: UNA PENALITA’? NON CAMBIA NULLA |

    «Ero teso, sbagliare-non sbagliare, pregavo Dio di tenermi in quella posizione, un momento così difficile che al termine ero stanco per quei tre giri. E’ stata una bella corsa, fenomenale, in lotta dall’inizio alla fine e pensavo solo al podio per vedere tutta questa gente meravigliosa. Non ho fatto una super partenza, ma ho tenuto la posizione e sono riuscito a sorpassare; il ritmo era quello che avevamo, la Ferrari era più forte di noi e anche la Mercedes era un’altra categoria. La Ferrari è stata forte, alla fine è stata la Mercedes a essere di un’altra categoria», analizza nel dopogara.

    I 34 anni non pesano e quando c’è da tenere giù il piede dimostra di valere tanto quanto Bottas.