GP Monza F1 2015, motori: Mercedes usa 7 gettoni, Ferrari corteggia Red Bull

Formula 1 2015: Mercedes a Monza per il GP d'Italia con super motore nuovo. Ferrari, intanto, prova a trattare con Red Bull per la fornitura dei motori ma sembra già fatto l'accordo con i tedeschi

da , il

    Il fine settimana del Gran Premio d’Italia 2015 di Formula 1 rappresenta una tappa cruciale anche sul fronte delle power unit. In particolare, la Mercedes spende tutti e 7 i gettoni rimasti a decide di sfoggiare sull’esigente circuito di Monza, sulle sole monoposto di Hamilton e Rosberg, l’ultima versione più evoluta del proprio motore come se non fossero già in una posizione dominante. Nel frattempo i tedeschi sono anche vicinissimi all’accordo di fornitura con la Red Bull che vive ormai da mesi come separata in casa con Renault. Proprio su questo fronte, tenta un intervento in extremis Sergio Marchionne. Il presidente della Ferrari aveva già provato a corteggiare i lattinari durante il GP d’Austria. Ora è deciso a passare nuovamente all’attacco. Se riuscirà a convincerli, avrà messo in atto un capolavoro ed avrà fatto felice persino Lewis Hamilton il quale ha pubblicamente criticato la scelta Mercedes di entrare in collaborazione con un diretto rivale. Per seguire con noi il LIVE della gara in diretta web del GP Monza F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Mercedes: super motore per Monza

    Come se non fossero già nettamente i più forti, quelli della Mercedes decidono di spendere in un sol colpo tutti i gettoni rimasti a loro disposizione per sviluppare la power unit durante la stagione 2015 di Formula 1 proprio a Monza, dove i cavalli contano più che in qualunque altra pista. Insomma, non lasciano nulla al caso tant’è che buona parte di questo lavoro sarà poi utile anche in vista del 2016 quando gli interventi, stando a quanto previsto dall’attuale regolamento, saranno molto più limitati. Ricordiamo che, dei quattro motori a disposizione per l’intera annata 2015, la Mercedes ne ha utilizzati fino ad oggi solo due. A Monza debutterà il terzo mentre la Ferrari utilizzerà già il quarto che sarà potenziato con la “spesa” di soli 2-3 gettoni. Come aveva anticipato direttamente il team principal Maurizio Arrivabene, per la gara di casa non ci sarà il tanto atteso super motore che, invece, scenderà in pista verosimilmente nel terzultimo appuntamento del calendario grazie ai 5 gettoni rimasti ancora in tasca. Tuttavia, a quel punto, con i giochi già chiusi per il campionato 2015, la scuderia italiana ragionerà soprattutto in ottica 2016.

    Ferrari non molla: Marchionne corteggia la Red Bull

    Per le trattative importanti, è direttamente Sergio Marchionne a scendere in campo. E questa lo è senza dubbio alcuno visti i soldi che può portare nelle casse della scuderia del Cavallino Rampante. Parliamo della fornitura delle power unit per le prossime stagioni. La Ferrari pare molto vicina ad un accordo con la Toro Rosso ma non è abbastanza per il presidente che vuole prendersi anche la sorella maggiore Red Bull. Come tutti ormai sanno, però, i lattinari sono vicinissimi al firmare con la Mercedes che garantisce prestazioni senza pari. Come far cambiare idea al team austriaco visto che considerato che i tedeschi hanno già dato il loro parere positivo? Forse il buon Sergio proverà a stuzzicare Dietrich Mateschitz in persona, mai indifferente al fascino di Maranello. Forse nella trattativa inserirà anche il pagamento di alcuni bonus per l’ingaggio, in ottica 2017, di uno come Daniel Ricciardo per sostituire Kimi Raikkonen. Staremo a vedere. Ad oggi, sulla buona riuscita dell’operazione non scommetteremo un centesimo.

    Hamilton invita Mercedes a non collaborare con Red Bull

    A tifare Ferrari nella trattativa con la Red Bull c’è anche un nome che non ti aspetti. E’ Lewis Hamilton. Il pilota inglese non nasconde il proprio disappunto:Fornire i nostri motori alla Red Bull è un’ottima idea solo se vogliamo perdere il nostro dominio – ha dichiarato ad ESPN – loro sono una grande squadra e non esiste in Formula 1 di aiutare i propri rivali diretti. Siamo qui per vincere e fornire la Red Bull non ci garantirebbe più il vantaggio che abbiamo adesso. In definitiva spero che resti tutto come è adesso”.