GP Monza F1 2015, Vettel: “I due davanti sono lontani”

Ferrari a caccia del podio a Monza. Dopo le prove libere del Gran Premio d'Italia, Vettel e Raikkonen fanno un bilancio della giornata.

da , il

    Si trova a più di 7 decimi, Sebastian Vettel al termine delle prove libere 2 del Gran Premio d’Italia a Monza. A ben vedere, considerando lo step evolutivo introdotto in Mercedes e gli altri motorizzati da Stoccarda (sebbene con la specifica vecchia) favoriti dalla conformazione del circuito, è un distacco “accettabile”. Resta da capire quanto potenziale ancora può essere estratto dalla SF15-T in qualifica, fondamentale per stare in seconda fila e puntare a una gara solida, lavorando per il podio. Partire dietro a Williams, Force India e Lotus vorrebbe dire perdere tantissimo tempo e affossare ogni ambizione. Per seguire con noi il LIVE della gara in diretta web del GP Monza F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    La differenza di velocità massima in fondo al rettilineo è stata pari a 10-11 km/h nelle due sessioni di libere, troppi per immaginare di recuperarli con il DRS.

    «E’ stata una giornata positiva, senza problemi con la macchina. Abbiamo fatto molti giri ed è importante per trovare il rimo anche se non siamo dove vorremmo e dovremo fare degli aggiustamenti. La qualifica sarà molto importante, è possibile superare, ma aiuta sempre. La prima curva è molto stretta e più sei davanti meglio è, vedremo cosa potrà accadere con il passo gara domenica anche se le due macchine davanti sono lontane», dice riferendosi alle Mercedes.

    | LEGGI ANCHE: PROVE LIBERE 2, MERCEDES SENZA AVVERSARI | ANALISI PASSO GARA: MERCEDES, POI FERRARI |

    Qualche problema in più l’ha avuto Raikkonen, ma è onesto nell’ammettere che: «Ci sono sempre cose da migliorare, oggi non ho guidato benissimo, non ho fatto un bel giro ma resta un venerdì normale». Con le gomme morbide le Ferrari si sono trovate più a loro agio, mentre al mattino in particolare i piloti hanno lamentato una scarsa aderenza e una tendenza al sottosterzo.