GP Monza F1 2017, Hamilton: “Siamo stati nettamente più forti della Ferrari”

Mercedes domina il Gran Premio d'Italia F1 2017 a Monza. Hamilton strappa la leadership del mondiale

da , il

    GP Monza F1 2017, Hamilton: “Siamo stati nettamente più forti della Ferrari”

    Una vittoria di portata superiore alle attese, quella della Mercedes nel Gran Premio d’Italia a Monza. Il mondiale di Formula 1 cambia leader, conterà però essere davanti dopo Abu Dhabi. Sorride Hamilton a Monza, quarta vittoria in carriera, dominio su ogni fronte, completato dalla doppietta, con un ottimo Valtteri Bottas secondo.

    Ha girato bene, nel primo stint praticamente sui tempi di Hamilton ed è stata una parata dopo l’arrivo. Messa da parte la gara che insieme a Silverstone più esaltava i punti di forza della W08, ora l’obiettivo si sposta su Singapore, che rischia di essere indigesta, a meno di grandi progressi dopo l’Ungheria su piste da alto carico aerodinamico. Sul podio non è mancato qualche fischio all’indirizzo di Hamilton, normale quando sei nella patria della Ferrari. «Adoro l’Italia e adoro la passione dei tifosi, in particolare i tifosi della Ferrari sono fantastici. Quest’energia non si vede da nessun’altra parte, forse a Silverstone. Il team e Valtteri hanno fatto un gran lavoro. Credo che il motore Mercedes sia decisamente migliore del Ferrari e questo week end l’ha dimostrato. La partenza è stata un po’ difficile perché c’era poco grip, è stata una grandissima giornata, con tanti tifosi inglesi anche».

    Prime parole a caldo, seguite da un’analisi della gara nella quale a “stupire” Lewis è il vantaggio sulle Ferrari. «E’ una stagione entusiasmante, le ultime due gare sono state forti per noi come team, stiamo mostrando la nostra vera consistenza e il modo in cui stiamo mettendo insieme le forze è eccezionale. Non so bene perché il passo della Ferrari non sia stato più vicino come al solito, la macchina ha dato sensazioni fantastiche, specialmente nel primo stint. Avevamo più margine di manovra, è stato più semplice portare le gomme in avanti (allungare lo stint; ndr), la settimana scorsa avevamo la Ferrari più vicina. Valtteri ha fatto un ottimo lavoro, il migliore, con la doppietta. La battaglia è ravvicinata e la strada molto lunga, ora andiamo su una pista sulla quale la Ferrari dovrebbe essere molto veloce grazie al carico extra. Era da molto tempo che Sebastian era in testa al campionato, con tutti gli alti è bassi è una gran sensazione essere ora davanti, anche se di poco. Di questo week end ricorderò la pole, ho fatto la storia su questo circuito. Oggi è stata un po’ come una giornata di prova, a me piace avere più sfide, oggi non avevamo nessuna pressione, senza battaglie. Ricorderò questo week end come il settantesimo anniversario della Ferrari, è un posto che amo, c’è qualche buuh ma mi godo la giornata. Non è stata una giornata particolarmente difficile. Non so perché ma siamo stati nettamente più veloci della Ferrari, hanno faticato già in qualifica, in gara anche parecchio per rimontare, oggi avevamo troppo passo per loro».

    Tra i pochi a regalare azione, seppur solo al primo giro, nel confronto con Kimi Raikkonen, Valtteri Bottas. Ha colpito favorevolmente il passo gara pari a Hamilton e come Lewis individua l’unico momento difficile della gara nella partenza: «Come per Lewis anche per me è stata un partenza complicata. Ho recuperato passo dopo passo le posizioni e la macchina era davvero fortissima. E’ stata pura gioia guidarla, voglio ringraziare il team perché è grazie a loro che abbiamo vinto. Ho fatto tre sorpassi, a causa di una partenza non molto buona. Ho dovuto superare una Ferrari, alla fine siamo riusciti a gestire abbastanza bene, sono arrivato in fretta alla seconda posizione. Il bilanciamento era perfetto, eravamo molto veloci praticamente su ogni curva, abbiamo trovato una stabilità superiore che finora non avevamo trovato. Però questa è una pista unica, già a Singapore sarà una storia tutta diversa. Ora quel che possiamo imparare da questo week end dobbiamo portarlo a casa per essere forti a Singapore».

    E’ stato il week end della vicenda olio, il debutto anticipato della quarta unità Mercedes, che vorrà dire non avere più motori nuovi fino a fine anno, a meno di non voler andare in penalità. Toto Wolff mette in conto il fattore power unit e sul complesso del fine settimana di Monza dice: «Era un week end più facile del previsto, perché la qualifica bagnata di ieri era facile sbagliare. E’ andata molto bene, come oggi. La Ferrari non ha trovato il ritmo ma può cambiare tutto a Singapore. Sul motore abbiamo provato ad averne uno nuovo a Spa e Monza, verso la fine del campionato potrebbe essere difficile, con un motore vecchio. Sono tutti fattori che abbiamo considerato».