GP Monza F1 2017, Vettel: “Giornata difficile ma siamo sulla strada giusta”

Vettel perde la testa del mondiale nel GP d'Italia a Monza. Ferrari in difficoltà, le parole dei piloti e di Marchionne

da , il

    GP Monza F1 2017, Vettel: “Giornata difficile ma siamo sulla strada giusta”

    Sette decimi al giro più lento. E’ il distacco medio accusato da Sebastian Vettel nel Gran Premio d’Italia F1 2017 a Monza rispetto a Lewis Hamilton. Sono parecchi, su una pista che ha riportato le Mercedes a dominare e la Ferrari a un inseguimento mai concreto. Anzi, è stato un confronto più con Red Bull che con i rivali nel mondiale, vedi gran ritmo di Ricciardo. Sebastian perde la leadership del mondiale proprio nel gran premio di casa ma è una tappa delle tante che ancora mancano fino ad Abu Dhabi.

    Tutto aperto e da decidere, è ovvio. Non ci saranno più piste critiche per la Rossa come Monza. Anzi, già dal prossimo appuntamento a Singapore si potrà tornare a battagliare alla pari, se non da favoriti, per la vittoria. L’amaro in bocca per non aver potuto offrire al pubblico il risultato sognato c’è, ma è un Vettel determinato quello che via radio prima e dal podio dopo parla al pubblico: «Giornata difficile ma tanti tifosi, grazie ai tifosi. Gli ultimi 20, 15 giri, c’era qualcosa che non andava e per questo andavo su e giù. Grazie a tutti i tifosi, siete il pubblico migliore al mondo, davvero. Anche se questa gara è stata difficile, so che arriviamo, arriviamo. Forza Ferrari, grazie!».

    L’analisi della gara inizia dal via, «E’ stato divertente, una partenza non molto buona, tanto pattinamento, c’è voluto un po’ prima di potermi fidare della macchina, poi abbiamo fatto sorpassi ma sono rimasto isolato, non avevamo il passo di chi era davanti. So che abbiamo una macchina molto molto forte, anche se questa gara è stata difficile. Onestamente sono ancora sopraffatto dalle emozioni provate nel giro di rientro ai box e sul podio. E’ fantastica l’energia della gente, vedere così tanti tifosi, è incredibile. E’ stata una giornata, una partenza, difficile. Non sono riuscito a tenere il ritmo di Kimi e Valtteri, ho dovuto attendere e poi ho fatto una gara isolata. Non abbiamo avuto il passo per tantissimi motivi, negli ultimi giri ho faticato perché sono uscito in curva 1, lo sterzo era un po’ giù verso sinistra e in frenata non avevo fiducia. Nel complesso è una giornata negativa, ma il team è sulla strada giusta e ci sono tante cose sulle quali miglioreremo. Sono molto ottimista nonostante tutti i numeri che possiamo leggere. Questo week end è stato pieno di alti e bassi, avremmo voluto testare delle cose ma non abbiamo potuto (per la pioggia; ndr)».

    La mancanza di velocità è evidente. Non è il caso di suonare il de profundis, ma il presidente Marchionne ha voluto tenere alta l’attenzione del team e a fine gara ha commentato: «Abbiamo sofferto, la macchina dal Belgio a qui non è migliorata, c’è qualcosa che non ha funzionato nell’assetto. La mancanza delle prove del sabato, delle qualifiche (sull’asciutto; ndr), ha impattato nello sviluppo della vettura. Oggi la Mercedes era superiore, abbiamo fatto il meglio possibile ora ce la vediamo a Singapore. C’è un problema di base da risolvere, oggi è stato quasi imbarazzante vedere questa differenza. Il week end scorso era diverso, era capovolto, qualcosa abbiamo sbagliato, non so cosa ma dobbiamo capirlo. L’obiettivo non è cambiato, sia sul campionato piloti che costruttori».

    In partenza Kimi Raikkonen ha tenuto la posizione davanti a Vettel, ma in fretta c’è stato il sorpasso. Kimi in difficoltà con le sensazioni dal retrotreno della SF70H, ha passato un po’ in ritardo Ocon e nel finale Ricciardo l’ha fulminato in prima variante. Al via ha provato ad attaccare Bottas, un giro intero in lotta, ma Valtteri è stato deciso a sbarrare la strada. Senza i guai di bilanciamento sarebbe cambiato qualcosa? «Non so quanto l’abbia condizionata, però è stata una fatica per tutta la gara, lottare con il bilanciamento. Non ho mai sentito la macchina come avrei dovuto, dobbiamo capire come mai è stata così difficile in entrambe le condizioni in questo week end, specialmente sul bagnato. Ricciardo ovviamente aveva gomme migliori, più veloci. Mi ha fregato, ha frenato molto tardi ma sarebbe stata molto dura tenerlo dietro. Non è stato semplice e siamo ovviamente ben lontani da quello che avremmo voluto».