GP Roma F1: Ecclestone dice no

Roma non avrà il suo gran premio

da , il

    bernie2011

    Monza vince su Roma. La città capitolina non ospiterà la Formula1 e lo storico circuito brianzolo può così tornare a dormire sonni tranquilli. La comunicazione ufficiale è arrivata direttamente dal patron del Circus, Bernie Ecclestone, che ha così spento definitivamente le speranze per un futuro appuntamento nella città eterna. Tramite una lettera indirizzata al Sindaco della Capitale, Gianni Alemanno, MR E. ha ribadito l’intenzione di fare sì che ogni Paese ospiti solamente un gran premio e, dal momento che l’Italia possiede già la sua gara storica, il progetto di “Roma Formula Futuro” è stato definitivamente accantonato.

    GP ROMA F1. La Formula1 non farà tappa a Roma. Dopo mesi di conferme, smentite, proteste da parte dei cittadini e presentazioni di progetti che ormai sembravano prossimi ad essere realizzati, è arrivata la comunicazione ufficiale da parte di Bernie Ecclestone, che ha scritto direttamente al Sindaco capitolino Gianni Alemanno, informandolo sull’impossibilità della coesistenza di due gran premi nello stesso Paese: e l’Italia ha già Monza, gara storica e intoccabile secondo tutti gli appassionati e addetti ai lavori del settore. Il circuito brianzolo vince così la sua “battaglia” contro il progetto capitolino di “Roma Formula Futuro”: lo stesso Alemanno si era comunque dichiarato disposto a fare un passo indietro nel caso in cui l’approvazione del gran premio dell’Eur avrebbe significato la scomparsa di quello di Monza.

    BERNIE ECCLESTONE. Dal canto suo Bernie Ecclestone, sempre alla ricerca di nuovi spazi dove far sbarcare la Formula1, non si era comunque mai sbilanciato eccessivamente sulla reale attuazione del progetto e, proprio negli ultimi mesi, le sue perplessità in merito al gran premio di Roma erano aumentate. La Formula1 di certo non naviga nell’oro e il dictat delle ultime stagioni per team e organizzatori è quello di stringere la cinghia. Inutile quindi lanciarsi in una nuova e dispendiosa avventura quando l’Italia possiede già un appuntamento che richiama un’altissima affluenza. Sono altre quindi le località da depennare dal calendario della Formula1, considerato già troppo affollato, e quelle eventualmente da aggiungere, leggi Paesi emergenti e facoltosi. Inoltre, la fila per un posto nel Circus si allunga ogni anno che passa e gli spalti di molte delle nuove gare attualmente presenti in calendario non sono più pieni come una volta e i conti dei circuiti sono sempre più in rosso… Impensabile dunque aggiungere altra acqua sul fuoco.