GP Russia F1 2015, qualifiche Mercedes. Preoccupa il degrado in gara

Pole per Rosberg nelle qualifiche del Gran Premio di Russia a Sochi, ma in Mercedes temono il degrado gomme in gara. Le parole di Nico, Hamilton e Wolff.

da , il

    Non solo un giro perfetto in Q3, nelle qualifiche del Gran Premio di Russia, ma un’intera sessione su alti livelli, per Nico Rosberg. Dopo Suzuka, dove la pole era sembrata forse fortunosa, anche per l’incidente di Kvyat a impedire il secondo tentativo e la risposta di Hamilton, a Sochi autorevolmente sta davanti e senza possibilità di replica per il campione del mondo, che sbaglia, va lungo in curva 13, rientra ai box e non prova il giro finale, anche perché quello buono lo ha rovinato lui.

    Domani partiranno affiancati come Suzuka e come 12 mesi fa a Sochi, quando Nico sbagliò clamorosamente punto di staccata e fu costretto alla rimonta dal fondo. Dovrà anzitutto scattare bene dalla pole, cosa che recentemente non gli riesce, da quando il sistema di start è stato modificato dalla FIA, poi si valuterà il passo gara. Seguite insieme a noi la gara LIVE in diretta web del GP Russia F1 2015 da Sochi.

    Le parole dei protagonisti

    A tal proposito, Toto Wolff ha detto: «Il degrado è un problema per la gara, il passo al sabato è stato forte e non è semplice passare qui, per cui dovremmo essere in forma. Ma non si sa ma, sui long run siamo un po’ preoccupati, il degrado al posteriore è piuttosto alto, è lo stesso per tutti, ma domani dovremo gestire le gomme posteriori». Parole che regalano un po’ di incertezza, vista anche la Ferrari delle libere 3, apparsa in forma e costante sul passo gara.

    | LEGGI ANCHE: QUALIFICHE, SUPER-POLE DI ROSBERG |

    Tornando alle qualifiche, Nico ha commentato: «Sono molto soddisfatto, è stato un week end molto difficile perché abbiamo girato poco, le qualifiche però sono andate bene, c’era un buon bilanciamento e tutto è filato alla perfezione. Abbiamo provato a prepararci al meglio per la gara, abbiamo fatto alcuni run con tanta benzina al mattino e abbiamo un’idea di cosa troveremo domani, non sarà un andare a indovinare».

    Prestazione sotto le attese per Hamilton, che rimedia un gap importante. «Ho provato a fare il secondo giro, ma ho fatto un errore. Nico ha fatto un ottimo lavoro, io non sono del tutto contento del bilanciamento, ma nel complesso è un ottimo risultato per il team. Prima fila, secondo posto, non è un cattivo risultato. Domani al via c’è uno dei rettilinei più lunghi dell’anno e dovrebbe offrire delle opportunità, ma ce ne saranno altre in gara, ne sono certo», ha commentato. Pur essendo al comando del campionato, proverà l’attacco, in curva 2 anzitutto, quindi prepariamoci a un via tutto da seguire.