GP Russia F1 2016, Kvyat a Vettel:”Incidente? Io non cambio”

GP Russia F1 2016, Kvyat a Vettel:”Incidente? Io non cambio”
da in Circuito Sochi F1, Danill Kvyat, Formula 1 2017, GP Russia-f1, Incidenti Formula 1, News F1, Sebastian Vettel
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/11/2016 07:01

    GP Russia F1 2016, Kvyat a Vettel:"Incidente? Io non cambio"

    Dopo l’incidente al via del GP di Russia 2016 di Formula 1, qualcuno ha pensato che Sebastian Vettel avrebbe atteso Daniil Kvyat bel box Red Bull per un regolamento di conti alla “vecchia maniera”. Il pilota della Ferrari, invece, è apparso ben più pacato rispetto al diverbio di due settimane prima. Ma non l’ha mandata a dire:“Ho fatto una grande partenza e, senza colpe, sono stato preso in pieno da qualcuno che non ha frenato. Se qualcuno non frena, io non posso farci nulla. Non ho colpe. Sono stato tamponato tre volte. A me risulta che la gara sia di 53 giri, non penso di dover aggiungere altro”. Immediata la replica di Kvyat:“Non cambierò il mio approccio. E’ normale che un pilota voglia recuperare posizioni in partenza e deve affidarsi all’istinto”.

    “In partenza c’è stata grande confusione e mi sono trovato con le ruote posteriori bloccate alla chicane. Purtroppo ho finito con il colpire Sebastian e la mia gara è stata completamente rovinata. Avevo una vettura fuori controllo e non ho potuto evitare il contatto. Dopodiché non so per quale ragione Seb ha rallentato in uscita di curva. Non so perché. So solo che non ho avuto il tempo di reagire e ci siamo toccati di nuovo”, ha spiegato Danill Kvyat. A motori freddi, resosi conto di averla combinata grossa, il russo della Red Bull prova a tendere la mano a Sebastian Vettel:“Mi dispiace molto, in particolare per aver messo fine alla sua gara e per come abbiamo buttato via tanti punti. E’ stato il primo giro di gara più difficile della mia intera carriera in Formula 1″. Dopo averlo cercato invano nel paddock, pare che Kvyat sia riuscito a parlare telefonicamente con il pilota Ferrari per porgergli personalmente le sue scuse.

    Sono stati quelli della Red Bull a far sapere che la decisione era stata già presa. O quasi. Sono stati loro a lasciar intendere che Max Verstappen avrebbe tolto il sedile a Daniil Kvyat in vista della prossima stagione di Formula 1. Ora, preso atto che il pilota russo non è nelle condizioni mentali ideali per correre a 300 all’ora, Helmut Marko prova a ritrattare:“Ho detto delle parole che sono state mal interpretate. Ho solo lodato i progressi fatti da Max e che è sulla strada giusta per diventare un grande pilota. Non abbiamo ancora deciso nulla sul suo futuro. Sarà una decisione che maturerà in estate e faremo un annuncio pubblico a Spa (inizio settembre, ndr)”. Parlando in particolare di Kvyat, il talent scout della Red Bull ha aggiunto:“Sta cercando di tenere il passo di Ricciardo e non credo gli sia inferiore. Sta facendo bene nonostante la giovane età”.

    618

    PIÙ POPOLARI