GP Russia F1 2017, prove libere Ferrari. Vettel: “Contenti, possiamo migliorare ancora”

Sorprende la velocità della SF70H su una pista storicamente ostica. Vettel e Raikkonen veloci sul giro singolo, fulminei sul passo

da , il

    GP Russia F1 2017, prove libere Ferrari. Vettel: “Contenti, possiamo migliorare ancora”

    Inizia bene il venerdì Ferrari nel Gran Premio di Russia F1 2017. Prove libere 2 affrontate sugli scudi, dal giro secco al passo gara. Forte come non ci si aspettava la SF70H, che è sì andata sempre forte dall’Australia al Bahrain, ma la controprova offerta a Sochi vale doppio. Pista da motore, pista da trazione, pista solitamente Mercedes. Basti ricordare i 159 giri sui 159 previsti nelle tre edizioni precedenti con una Freccia d’argento sempre al comando.

    E’ solo venerdì e ci sarà tempo per modificare quel che non ha funzionato, nel box Mercedes ma non solo. Perché Sebastian Vettel lascia intendere che resta del margine da sfruttare anche per la Rossa. La qualifica, con la possibilità di adottare una mappatura ancor più aggressiva rispetto alla Ferrari, potrebbe essere ancora un esercizio a vantaggio di Hamilton e Bottas, tuttavia, a Sochi si è presentato un altro tema: come attivare al meglio la gomma ultrasoft per avere anteriore e posteriore pronti il prima possibile, aderenza uniforme sui due assi. Per seguire LIVE in diretta web la gara LIVE in diretta del GP Russia F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    Vettel e Raikkonen hanno provato due approcci diversi per realizzare la miglior prestazione. Sebastian ha effettuato due giri di lancio, poi uno veloce, uno di rallentamento e un secondo veloce, nel quale ha staccato la prestazione di riferimento. Raikkonen, invece, ha mantenuto un approccio “classico”: giro di preparazione, giro veloce, giro lento, giro veloce. Entrambi hanno trovato il tempo al secondo giro veloce.

    «Possiamo essere contenti, anche se non del tutto. Abbiamo avuto una partenza falsa stamani, con il primo set di supersoft non è andata molto bene e ho dovuto ritrovare il passo più avanti. Crediamo di poter migliorare ancora e vedremo dove troveremo questo qualcosa in più. E’ un circuito sul quale devi aver fiducia, tante curve sulla carta sembrano le stesse, e danno sensazioni simili in macchina, ma è complicato azzeccare tutto. Sarebbe stato bello se avessero piantato più alberi ai lati della pista per avere punti di riferimento. Sull’assetto non abbiamo cambiato molto, dovevo recuperare il passo e solo verso la fine ho trovato quel che volevo. Sulla carta sembra una pista Mercedes, sono sicuro che oggi non abbiano mostrato tutto il loro potenziale e il divario che vedete è artificiale», commenta Vettel. Fiducia ma anche calma vista la fase del week end.

    Prove libere 2 GP Russia, a Sochi brillano le Ferrari

    Ma quanto sia stato positivo il venerdì della Ferrari lo dice Raikkonen tra le righe. Non si lamenta della monoposto e conserva il basso profilo d’ordinanza. I 2 decimi però rimediati da Vettel sono inferiori al solito e il passo gara è stato competitivo tanto quanto Vettel: «E’ solo un giorno e purtroppo è venerdì, sono però contento che le cose siano andate lisce. Finora è andato tutto bene, vedremo domani, dovremo sfruttare al meglio la giornata e poi vedremo. Se vediamo gli ultimi tre anni, gran parte delle piste erano Mercedes, hanno vinto quasi dappertutto. Questo è un anno nuovo, macchine del tutto diverse, la lotta è più ravvicinata, domani sarà un altro giorno con le qualifiche, poi la gara e noi possiamo provare a fare del nostro meglio, poi vedremo».