GP Silverstone F1 2015, Ferrari da rifinire: Vettel e Raikkonen aspettano progressi

Vettel e Raikkonen chiudono dietro Rosberg nelle prove libere del Gran Premio di Silverstone 2015, ma entrambi si aspettano di più dalla Ferrari. Le loro parole.

da , il

    Rimediare solo 3 decimi su una pista come Silverstone è un risultato tutto sommato positivo in vista del Gran premio di Gran Bretagna 2015. E’ il ritardo delle due Ferrari dalla vetta, da Nico Rosberg. Ma come è maturato? I primi tre non hanno fatto un giro perfetto su gomme medie: sbavature alla Copse per Rosberg e Vettel, addirittura tempo al secondo giro per Raikkonen. Insomma, c’è ancora margine per migliorare e, soprattutto, c’è il tesoretto di potenza da aspettarsi in qualifica per le due Mercedes. Sarà lotta per la seconda fila, da monopolizzare per poter dire che la SF15-T ha ottenuto un gran risultato. Già, perché Kvyat sembra particolarmente in forma e cosa riusciranno a fare le Williams è sempre un’incognita. Per seguire il LIVE della gara in diretta del GP Silverstone F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei piloti

    | LEGGI ANCHE: ANALISI PASSO GARA GP SILVERSTONE | MERCEDES: ROSBERG E HAMILTON A CACCIA DI MIGLIORAMENTI | CRONACA PROVE LIBERE 2 |

    «Non abbiamo avuto problemi, siamo riusciti a fare tutto quello che volevamo, ma non sono ancora totalmente soddisfatto delle sensazioni che dà la macchina», spiega Vettel. Si è lamentato soprattutto del grip della monoposto e si dovrà lavorare in vista della qualifica. E’ una Ferrari modificata, quella presente a Silverstone. L’anteriore in particolare ha messo in mostra la nuova ala, rivista con un elemento verticale supplementare, posizionato sui profili a sbalzo e svergolata per direzionare i flussi verso l’esterno delle ruote. Modifiche anche al flap superiore, con un tagli differente, mentre si è provato a lungo al mattino con la vernice fluorescente sulla zona del fondo dietro le pance, davanti alle ruote e tra quest’ultime e le paratie dell’ala posteriore. Probabilmente si saranno voluti rilevare i flussi e come le modifiche all’ala interagiscono con l’andamento complessivo.

    Problemi con le gomme più dure, invece, per Raikkonen: «Con le gomme dure ho faticato e non so perché. Non so se sia il nostro assetto o se sia proprio la gomma, con la media sul giro secco sono andato piuttosto bene, ho ancora del lavoro da fare soprattutto con le dure. Abbiamo provato il massimo come ogni venerdì, alcune volte va un po’ meglio e dipende dal circuito, non è stata una giornata facile ma credo abbiamo imparato un po’ di cose».