GP Silverstone F1 2017, qualifiche Mercedes. Hamilton: “E’ stato un giro spettacolare”

Netta superiorità di Hamilton nelle qualifiche del GP di Silverstone F1 2017. Problematiche, invece, per Valtteri Bottas

da , il

    GP Silverstone F1 2017, qualifiche Mercedes. Hamilton: “E’ stato un giro spettacolare”

    Una disattenzione che poteva costare cara. Ma Lewis Hamilton conserva la pole conquistata con merito nelle qualifiche del GP di Silverstone F1 2017. Nessuna sanzione per aver disturbato il giro veloce di Romain Grosjean alla curva Vale (la penultima prima del traguardo). Graziato. Si prospetta una gara da naturale favorito, perché alla velocità espressa su un giro di Q3 da incorniciare va da supporto il ritmo gara registrato al venerdì. Non un gran margine sulle Ferrari, nel complesso dei giri, ma la capacità di affondare e trovare la prestazione, il giro veloce nel run, come non è riuscito a Raikkonen e Vettel che gli partono accanto. Ferrari migliorata, però, al sabato, così in gara potrebbero nascere altri scenari che non quelli immaginabili sulla base dei dati del venerdì.

    In Mercedes sorride Lewis, molto meno Valtteri. Bottas scatterà nono per l’arretramento di 5 posizioni. Una qualifica difficile, come ha ammesso lo stesso pilota. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Silverstone F1 2017 con risultati e classifica!

    «La qualifica è stata difficile, condizioni complicate per tutti, ma una volta che la pista si è asciugata è stata normale e semplicemente non ho trovato un buon feeling con la macchina. In termini di bilanciamento non era terribile, è mancata però aderenza in generale. Credo che Lewis sia riuscito a fare qualcosa di diverso nei giri d’uscita, preparando meglio le gomme, è stato davvero veloce oggi

    Il bloccaggio (nel primo settore, secondo giro di Q3; ndr) mi è costato un decimo, forse un po’ di più, ma non spiega la differenza da chi sta davanti. Sono fiducioso per domani, di poter esser forte. Partirò con le gomme soft e questo può creare buone opportunità con la strategia», ha commentato.

    Ripaga il pubblico di Silverstone e si rifà dell’assenza all’evento della Formula 1 a Londra, Lewis Hamilton. Lo fa con la pole position e dice: «Ho cercato di tenermi il meglio all’ultimo e ce l’ho fatta. Con tutto il sostegno che ho avuto dovevo fare questo giro. Grazie ai tifosi, ce l’ho fatta. In generale in queste condizioni complicate, sono quelle con cui sono cresciuto, mi sento molto a mio agio. Quando si è asciugato le gomme hanno funzionato perfettamente.

    La Copse si può fare a tutta – dice a Button, nelle vesti di intervistatore – ma dipende dall’uscita di curva 8. La più interessanti però sono Maggotts e Becketts, sono incredibili quando entri lì. Ho la miglior posizione dalla quale partire, però dovrò tenere a bada chi mi sta dietro, il long run era buono».

    Mentre i commissari decidevano di non intraprendere alcuna azione per l’episodio con Romain Grosjean, Lewis commentava: «In quel breve istante in cui ho notato che stava arrivando ho dato subito gas e preso distanza. Non avevo assolutamente la volontà di intralciare nessuno, non era la mia intenzione, gli chiedo scusa e vedremo cosa decideranno i commissari». Si dice anche sorpreso del divario inflitto alle Ferrari: «Gli ingegneri hanno fatto un lavoro fantastico per trovare l’assetto ideale per me. Sono state qualifiche complicate, con tante macchine in pista, un po’ di pioggia. Sono riuscito a sfruttare le gomme e nell’ultimo giro non mi aspettavo un tale distacco.

    Le condizioni erano complicate per tutti, verso la fine si è asciugato e dipendeva da quanto riuscivi a spingerti al limite, trovare aderenza, è stato un giro spettacolare, l’ho adorato».