GP Silverstone F1 2017. Raikkonen: “Dobbiamo migliorare su piste come questa”

In attesa di capire il perché del cedimento della gomma su entrambe le Ferrari, Kimi ammette la superiorità Mercedes a Silverstone, vantaggio legato al circuito, dice

da , il

    GP Silverstone F1 2017. Raikkonen: “Dobbiamo migliorare su piste come questa”

    Un secondo e un quarto posto. Non male viste le condizioni e la superiorità Mercedes nel Gran Premio di Silverstone F1 2017. Ma alla Ferrari va peggio, Raikkonen perde una meritatissima seconda piazza per il blistering che porta a perdere pezzi di gomma sull’anteriore sinistra al giro 49. Bottas era sì in rimonta, ma avrebbe saputo gestirlo Kimi. E Vettel? Dalla quarta posizione sprofonda settimo, al penultimo giro i danni sono anche peggiori di quelli sofferti da Raikkonen, perché la gomma si sfilaccia del tutto, va fuori alla Luffield e ha dovuto coprire tre quarti di giro prima di entrare al box e sostituire le gomme. Meritava di più la Ferrari a Silverstone, il cedimento delle gomme andrà esaminato e spiegato dalla Pirelli. Run troppo lungo? Al giro 49 Vettel aveva le soft da 32 tornate, tante quante ne ha effettuate Bottas a inizio gara con la stessa mescola ma macchina molto più pesante. Raikkonen aveva 6 giri in meno all’attivo, per cui le cause del cedimento andranno analizzate attentamente, tanto più essendo legate alla sola Ferrari.

    Sebastian Vettel è buio in volto nelle interviste post-gara. Vede erodersi tutto il vantaggio costruito tassello dopo tassello in nove gare. Laconico, sul cedimento della gomma, dice: «Non credo di aver trovato detriti. Non so che problema ho avuto. E’ stata una gara difficile, perché i freni hanno preso fuoco in griglia e non ho avuto aderenza. Sono rimasto bloccato dietro Verstappen l’abbiamo passato al pitstop e alla fine la foratura». Confronto corretto con l’olandese, Vettel ha tenuto largo in uscita dalla Stowe Max, sempre affiancati, non si è trovato mai chiaramente davanti Seb e Max ha pensato bene di non mollare oltre il cordolo e tirare la staccata alla Vale, portando lungo lui Vettel. Seb si limita a dire: «Non sono io a dover giudicare la difesa di Verstappen».

    Kimi Raikkonen ha provato a tenere il passo indiavolato di Hamilton in avvio, poi a ridosso del pit-stop ha dovuto sempre più cedere terreno e gestire la seconda posizione. Sarebbe stata sua senza grandi difficoltà, non fosse intervenuto il cedimento della gomma. Kimi, però, avvisa: è una Ferrari che deve migliorare, perché la velocità Mercedes a Silverstone è stata semplicemente superiore. E’ un dato di fatto. «Più o meno per gran parte della gara la macchina è andata bene ma loro erano un po’ più veloci. Ci sentivamo a nostro agio, il secondo posto chiaramente non è il primo. Per tutto il week end ci sono stati punti della pista più difficili per noi, è stato simile anche in gara.

    Ho provato a tenere il passo di Lewis, ma non avevamo sufficiente velocità. A quel punto avevamo un buon vantaggio, mancavano 2 giri e non so cosa sia successo. Poco prima della curva 6 la gomma sinistra non è che sia esplosa, ma parte di gomma è venuta via. Non credo d’aver colpito nulla. Per fortuna sono riuscito a rientrare abbastanza rapidamente, ho faticato ma ho conservato almeno la terza posizione. Ho avuto una grande sfortuna, poi però un po’ di fortuna, non avrei voluto capitasse lo stesso a Seb.

    Non avevamo proprio la velocità per lottare con Lewis, c’è del lavoro da fare per migliorare su circuiti come questo, sono curioso di vedere come andremo nella prossima».