GP Singapore F1 2010, prove libere 3: Vettel si conferma, Alonso lo insegue

Formula 1: Vettel chiude al comando anche l'ultima sessione di prove libere del Gran Premio di Singapore e, a due ore dalle qualifiche, si pone come favorito per la pole position dove dovrà vedersela con i soliti Hamilton e Alonso

da , il

    vettel singapore f1 2010 prove libere

    Sebastian Vettel fa segnare il miglior tempo anche nell’ultima sessione di prove libere del Gran Premio di Singapore 2010 e, confermando le aspettative, mette già una piccola ipoteca sulla pole position. Le qualifiche, lo ricordiamo, andranno in scena quando in Italia saranno le ore 16.00. Scorrendo la classifica dei tempi troviamo Fernando Alonso al secondo posto seguito da Lewis Hamilton. Per tutti distacchi piuttosto netti dal tedesco della Red Bull che ha visto il primato difeso nel finale dalla presenza di alcune bandiere gialle.

    PROVE LIBERE F1. Aveva detto di sentirsi a suo agio sul circuito di Marina Bay. Ha fatto capire che è arrivato il suo momento. Sebastian Vettel si pone come pilota favorito per la pole position del GP di Singapore dopo aver chiuso anche l’ultima sessione di prove libere al comando. I distacchi sono notevoli. Fernando Alonso, secondo, è ad oltre mezzo secondo. Lo spagnolo si è mostrato ancora incerto sull’utilizzo dell’F-Duct. Hamilton, Massa, Rosberg, Webber, Hulkenberg, Kubica, Sutil e Buemi, vale a dire coloro che completano la top ten, oscillano da uno a due secondi di distanza dalla vetta. Jenson Button, unico dei 5 piloti in lizza per il mondiale a non entrare tra i primi dieci, ha chiuso con il 13° tempo. Per la cronaca, Vettel è stato aiutato da Bruno Senna che ha causato l’esposizione delle bandiere gialle nel finale della sessione impedendo agli altri piloti di migliorarsi.

    GP Singapore F1 2010, prove libere 3: classifica dei tempi e giri percorsi

    1. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m48.028s 15

    2. Fernando Alonso Ferrari 1m48.650s + 0.622s 16

    3. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m49.000s + 0.972s 12

    4. Felipe Massa Ferrari 1m49.023s + 0.995s 18

    5. Nico Rosberg Mercedes 1m49.056s + 1.028s 17

    6. Mark Webber Red Bull-Renault 1m49.212s + 1.184s 13

    7. Nico Hulkenberg Williams-Cosworth 1m49.304s + 1.276s 17

    8. Robert Kubica Renault 1m49.520s + 1.492s 16

    9. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m49.916s + 1.888s 15

    10. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m49.949s + 1.921s 16

    11. Vitaly Petrov Renault 1m50.040s + 2.012s 15

    12. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m50.053s + 2.025s 16

    13. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m50.060s + 2.032s 12

    14. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m50.067s + 2.039s 16

    15. Michael Schumacher Mercedes 1m50.067s + 2.039s 14

    16. Tonio Liuzzi Force India-Mercedes 1m50.868s + 2.840s 16

    17. Nick Heidfeld Sauber-Ferrari 1m51.016s + 2.988s 15

    18. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m51.027s + 2.999s 17

    19. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m52.340s + 4.312s 14

    20. Heikki Kovalainen Lotus-Cosworth 1m53.146s + 5.118s 15

    21. Lucas di Grassi Virgin-Cosworth 1m53.297s + 5.269s 15

    22. Jarno Trulli Lotus-Cosworth 1m53.681s + 5.653s 17

    23. Christian Klien Hispania-Cosworth 1m54.826s + 6.798s 16

    24. Bruno Senna Hispania-Cosworth 1m55.367s + 7.339s 16

    F1 2010. Il gioco preferito nel paddock della F1 a Singapore e che continuerà a catalizzare l’attenzione di addetti ai lavori di ogni tipo fino al termine della stagione è il toto-campione del mondo 2010. Briatore è stato il primo a lanciarsi nel pronostico:“Alonso o Webber”, ha detto. Non di diverso avviso è l’amico Bernie Eccelestone:“Sono un grande fan di Sebastian Vettel ma Webber ha più fame, è più maturo ed ha più punti di tutti”. Webber favorito anche secondo Alonso:“Mark ci ha sorpreso tutti. In questo momento merita la prima posizione in classifica”. Chiudo riportando l’opinione più diffusa nell’ambiente: senza Vettel in squadra, per Webber sarebbe impossibile perdere il titolo. L’australiano lo sa bene e, infatti, lo guarda con sospetto. I vertici del team, invece, sembra non comprendano il rischio che mina l’intero successo dell’annata.