GP Singapore F1 2012, prove libere 1: Vettel torna a comandare

da , il

    GP Singapore F1 2012   Giovedì pregara

    AP/LaPresse

    Il primo turno di prove libere del Gran Premio di Singapore si chiude con un Sebastian Vettel nuovamente davanti a tutti. Su una pista favorevole alla Red Bull, il tedesco torna a guardare gli avversari dall’alto. Ma il margine su Lewis Hamilton è minimo: appena 49 millesimi. Terza piazza per l’altro pilota McLaren, decisamente più staccato. Alle spalle di Button finisce Alonso con un ritardo di 9 decimi. L’asturiano ha lavorato a lungo per confrontare le nuove soluzioni aerodinamiche provate a Magny Cours nei test, in particolare sull’ala posteriore.

    Nel box Ferrari attenzione anche all’usura delle gomme, con Massa impegnato a trovare il set up corretto per non surriscaldare le Pirelli che decadono rapidamente perdendo grip.

    La pioggia ha risparmiato i primi 90 minuti di prove, dopo che un acquazzone a due ore dal via aveva allagato Marina Bay. Si riprenderà alle 15:30 con la seconda sessione di prove libere e la diretta scritta su Derapate.

    Cronaca prove libere GP Singapore 2012

    13:25 – Alonso migliora il suo tempo e agguanta la terza posizione a 9 decimi da Vettel, con Massa fermo in 16ma. Felipe si è concentrato sulla valutazione dell’usura delle gomme, visto che dal box via radio gli è stato detto di provare a mantenere quanta più temperatura possibile sugli pneumatici. Rispetto all’avvio delle prove, l’asfalto è passato da 29° C a 26° C, mentre l’aria è diminuita di un solo grado dai 29° C iniziali.

    C’è anche chi come Rosberg ha utilizzato gli ultimi minuti di prove per simulare un mini-stint in assetto da gara, marcando una differenza di passo sui 7″ con il miglior giro.

    13:15 - L’ultimo quarto d’ora delle prove libere si apre con Vettel (1’50″566) davanti a Hamilton per pochi millesimi. L’inglese ha chiuso in anticipo le prove con la McLaren ferma ai box: regolazioni da apportare o problema tecnico, non è ancora stata resa nota la causa.

    In pista, Maldonado è andato lungo nella via di fuga, ed è stato costretto a innestare la retromarcia per tornare sul tracciato.

    13:05 – Interessante la comunicazione tra il muretto Ferrari e Massa, che si è lamentato per la perdita di aderenza delle gomme e Rob Smedley a suggerire il raffreddamento per trovare nuovamente grip. Sarà un tema fondamentale per la gara quello del surriscaldamento, perché il decadimento della prestazione è repentino.

    Guardando ai tempi, Lewis Hamilton guida con 1’51″172 davanti a Vettel, Maldonado, Webber, Hulkenberg, Di Resta, Perez, Button, Ricciardo e Senna. Nonostante il miglior tempo, Hamilton perde notevolmente nel T2, addirittura 6 decimi rispetto al tempo di Vettel, mentre nel T1 fa il record e nel T3 paga 1 decimo.

    13:00 – Risale la classifica Hamilton, piazzandosi quarto dietro Maldonado, Hulkenberg e Di Resta. L’inglese della McLaren è il più veloce nel primo settore ma paga 4 decimi nel secondo e 6 nel terzo. In Sauber e Mercedes, meccanici al lavoro per sistemare le monoposto di Perez e Schumacher, quest’ultimo con la paratia laterale dell’ala rotta.

    12:55 - In Lotus Raikkonen segna il miglior tempo (1’53″268) e Grosjean si lamenta del bloccaggio dell’anteriore in frenata. Proprio il francese ha rischiato di danneggiare la E20 nella chicane della curva 10, saltando eccessivamente sui cordoli.

    La Sauber conferma di esser in palla e con Perez ottiene il nuovo crono di riferimento, prima che Vettel lo superi scendendo per la prima volta sotto l’1’52″.

    12:50 - Gira ancora con le gomme intermedie Fernando Alonso, impegnato sulla comparazione tra due alettoni posteriori: presumibilmente la specifica precedente e quella introdotta nei test. Chi gira con le gomme da asciutto utilizza le morbide, che valgono il miglior tempo a Rosberg con 1’53″4. Si vede anche Raikkonen con la Lotus, ma non va oltre il settimo crono. La top ten a 40 minuti dal termine dice: Rosberg, Perez, Kobayashi, Schumacher, Maldonado, Hulkenberg, Button, Senna, Raikkonen, Vettel

    12:45 - Scende la notte su Singapore e si inizia a far sul serio. Bruno Senna – con la Williams con un nuovo muso, più sottile nella parte tra i piloncini di supporto dell’ala – prova a spingere e quasi tocca il muro prima dell’ultima curva, mentre Kobayashi abbassa ancora il tempo (1’54″017) davanti a Rosberg (+0.8) e Schumacher

    12:40 - Non solo novità tecniche in Ferrari, ma anche un nuovo casco per Fernando Alonso. Quanto alle strategie in vista di un’eventuale qualifica con asfalto umido, le intermedie hanno raggiunto il punto di passaggio alle gomme da asciutto intorno al 1’59″. Kobayashi nel frattempo fa segnare 1’58″550, davanti ad Alonso, distanziato di 3″. Da segnalare il solo giro effettuato da Massa e Button.

    Fonte: Twitter Ferrari

    12:30 – Tempi cronometrati ancora insignificanti, con Vergne primo (2’04″866) davanti a Grosjean 2’05″1. Con il progressivo girare delle monoposto la pista migliora progressivamente e Hulkenberg marca 2’02″8 mentre Alonso gira con la Ferrari per fare misurazioni aerodinamiche.

    12:25 - Con la minaccia della pioggia, attesa nuovamente sul finire della sessione, Vergne iniziato un breve stint di sei giri con le gomme intermedie, seguito in pista da Vettel. Sulla Red Bull è apparso nuovamente il profilo verticale sotto l’ala posteriore, il monkey seat, per incrementare il carico aerodinamico. Tra i rilevamenti portati avanti sulla Red Bull, quelli sull’andamento dei flussi nella parte inferiore delle pance laterali.

    Su un circuito che potrebbe presentarsi impegnativo sui freni, la Ferrari ha scelto le prese d’aria anteriori aerodinamiche, con il flap che sigilla la ruota, anziché la soluzione più tradizionale, impiegata ad esempio dalla McLaren.

    12:15 - Arriva dopo 15 minuti il primo tempo cronometrato delle prove libere e lo fa segnare Timo Glock: 2’24″4, praticamente un installation lap.

    La Mercedes, molto attesa dopo gli aggiornamenti dei test di Magny Cours, in questa sessione monta i nuovi scarichi con soffiaggio esterno – in stile McLaren, Ferrari – mentre manca il sistema di super-Drs.

    12:05 - Molte novità tecniche sulle monoposto a Singapore e di pari passo arriva il vernice fluorescente su alettoni, deflettori e diffusori per valutare l’andamento dei flussi. Sulla Ferrari di Alonso è stata l’ala posteriore il primo elemento a esser ricoperto del tradizionale giallo-fluo. Non tutti i team utilizzeranno in questo turno di prove libere i nuovi pezzi, per il rischio di danneggiarli considerando l’asfalto ancora umido.

    12:00 – Iniziano gli installation laps, il primo a scendere in pista è Sergio Perez, con gomme intermedie perché a Singapore è piovuto fino a due ore prima dell’inizio delle prove libere. Temperatura di 29° C e previsioni di pista asciutta nel corso della sessione.

    11:55 - La Fia ha diramato stamane la prima bozza del calendario 2013. Poche le novità di rilievo: Valencia cede il posto al Gran Premio del New Jersey, previsto il 16 giugno, una settimana dopo l’appuntamento di Montreal. E’ tutta da confermare la presenza del secondo gran premio negli States, visto che Ecclestone ha più volte escluso si possa correre già nel 2013. Un punto interrogativo anche sulle date del Gran Premio di Singapore, al momento previsto per il 22 settembre 2013 e quello di Corea.

    Si partirà dall’Australia il 17 marzo 2013, mentre i giochi per il titolo si chiuderanno in Brasile il 27 novembre.

    Classifica tempi prove libere 1 – GP Singapore 2012

    1. VETTEL -Red Bull- 1:50.566 -24 giri

    2. HAMILTON -McLaren- 1:50.615 -15

    3. BUTTON -McLaren- 1:51.459 -17

    4. ALONSO -Ferrari- 1:51.525 -20

    5. MALDONADO -Williams- 1:51.576 -20

    6. WEBBER -Red Bull- 1:51.655 -19

    7. HULKENBERG -Force India- 1:51.658 -24

    8. DI RESTA -Force India- 1:51.943 -21

    9. RICCIARDO -Toro Rosso- 1:52.275 -24

    10. PEREZ -Sauber- 1:52.296 -19

    11. SENNA -Williams- 1:52.629 -25

    12. RAIKKONEN -Lotus- 1:52.716 -16

    13. KOBAYASHI -Sauber- 1:52.839 -23

    14. SCHUMACHER -Mercedes- 1:52.986 -21

    15. GROSJEAN -Lotus- 1:53.028 -20

    16. MASSA -Ferrar-1:53.080 -17

    17. VERGNE -Toro Rosso- 1:53.189 -25

    18. ROSBERG -Mercedes- 1:53.227 -26

    19. GLOCK -Marussia- 1:54.908 -20

    20. KOVALAINEN -Caterham- 1:55.091 -16

    21. PIC -Marussia- 1:55.335 -22

    22. PETROV -Caterham- 1:55.760 -22

    23. DE LA ROSA -HRT- 1:56.656 -21

    24. MA -HRT- 1:58.053 -20