GP Singapore F1 2013, Alonso: “Ferrari con problemi”, Vettel: “Prove libere non veritiere” [FOTO]

Non cambia la musica in casa Ferrari nemmeno al termine delle prove libere del venerdì del Gran Premio di Singapore 2013

da , il

    GP Singapore F1 2013, Alonso: "Ferrari con problemi"

    Non cambia la musica in casa Ferrari nemmeno al termine delle prove libere del venerdì del Gran Premio di Singapore 2013. Fernando Alonso affronta i giornalisti per la solita conferenza stampa senza regalare troppe illusioni. Le novità portate sul circuito di Marina Bay sono molte ma ci vuole ancora tempo per analizzare i dati raccolti e capire se, quanto e come funzionano. Sicuramente le prime impressioni non sono positive. L’idea iniziale è che la Ferrari sia dietro a Red Bull, ovviamente, ma anche Mercedes, Lotus e persino McLaren! Atmosfera completamente diversa nel box degli austriaci con Sebastian Vettel che, però, predica prudenza. Fa sempre così al venerdì. Ma poi domina anche sabato e domenica. Ormai lo conosciamo…

    Alonso: “Per ora ce la giochiamo con la McLaren”

    Come anticipato, Fernando Alonso non si fa illusioni:“La Red Bull ha un buon passo e non sembra l’unica. La Mercedes è alla pari, la Lotus va bene e persino la McLaren sembra avere qualcosa in più di noi. Per noi è stata una giornata difficile come in Ungheria. Non ci sono buone notizie – ha proseguito il pilota della Ferrari - dobbiamo migliorare la macchina soprattutto in vista delle qualifiche. L’unica consolazione è ricordarci che un anno fa siamo partiti nella stessa situazione ma poi abbiamo concluso sul podio”. In queste ore è girata un’ultima voce di mercato secondo la quale Alonso sarebbe stato pronto a tornare in McLaren. Il diretto interessato ha smentito seccamente:“Devo ripeterlo anche qui? Amo la Ferrari e starò in Ferrari fino alla fine. Mi fa piacere sentire bei commenti soprattutto dalla McLaren anche perché lì non ho mai avuto problemi se non con una persona (Ron Dennis, ndr) ma non mi muoverò dal mio attuale team con il quale ho altri tre anni di contratto e con il quale spero di poter restare anche oltre quella data”.

    Vettel teme la Mercedes

    Sebastian Vettel non sembra pensare al campionato. Il pilota della Red Bull si limita a guardare alle qualifiche di domani. Con questo atteggiamento riesce a dare sempre il massimo e non perdere mai la concentrazione. “Mi aspetto di dovermela giocare con la Mercedes in qualifica – ha dichiarato al termine della seconda sessione di prove libere di Singaporemi ha stupito il distacco inflitto soprattutto quando siamo passati dalle mescole Medium alle Supersoft. Non credo, quindi, che la classifica dei tempi sia rappresentativa”.

    Hamilton: “C’è tanto lavoro da fare”

    Lewis Hamilton è stato il più veloce nella prima sessione di libere per poi doversi accontentare del 4° tempo nella seconda con 1” circa di distacco da Sebastian Vettel. “Non è stato un primo giorno perfetto - ha ammesso l’inglese – pensiamo di sapere come migliorarci domani. Il bilanciamento anziché migliorare è peggiorato. Domani ci continueremo a concentrare sulla prestazione per fare una buona qualifica. Visto che qui è difficile superare, proveremo a partire più avanti possibile”.

    Pirelli conferma: “2 pit stop in gara”

    Paul Hembery conferma le previsioni della vigilia quanto a comportamento degli pneumatici sul circuito di Marina Bay:“Trattandosi di una gara completamente diversa dalle altre, il lavoro svolto durante le prove libere è fondamentale per raccogliere informazioni con carichi di benzina, set-up e mescole differenti. Questi dati sono fondamentali per costruire la strategia di gara, anche se l’elevata probabilità di ingresso della safety car impone alle squadre di essere estremamente flessibili. In condizioni normali, ci aspettiamo una media di due pit stop. L’usura è bassa e il divario di prestazioni tra le due mescole è notevole, circa due secondi, il che aumenta le opportunità di strategia”, ha spiegato il capo della Pirelli in F1.