GP Singapore F1 2013: domina Vettel! Alonso 2° con l’orgoglio Ferrari [FOTO]

Vettel vince il Gran Premio di Singapore 2013 di F1

da , il

    GP Singapore F1 2013, gara: diretta LIVE

    Sebastian Vettel vince, stravince, domina a mani basse il Gran Premio di Singapore 2013 di F1. Sul circuito di Marina Bay la Red Bull numero 1 è più forte della safety car e dei problemi di affidabilità che, invece, mettono KO Mark Webber a pochissimi chilometri dal traguardo. Sul podio sale un Fernando Alonso mai domo che sfrutta una partenza da urlo ed una tattica molto intelligente da parte della Ferrari. Lo stesso dicasi per il dolorante alla schiena Kimi Raikkonen che agguanta il terzo gradino del podio. A punti vanno anche Rosberg, Hamilton, Massa, Button, Perez, Hulkenberg e Sutil. In classifica ora Vettel ha 60 punti su Alonso che fa i miracoli per limitare i danni ma non sembra avere, in prospettiva del finale di stagione, un mezzo in grado di fargli impensierire l’attuale leader del campionato.

    GP Singapore F1 2013: ordine di arrivo ufficiale

    1. Vettel — Red Bull-Renault

    2. Alonso — Ferrari

    3. Raikkonen — Lotus-Renault

    4. Rosberg — Mercedes

    5. Hamilton — Mercedes

    6. Massa — Ferrari

    7. Button — McLaren-Mercedes

    8. Perez — McLaren-Mercedes

    9. Hulkenberg — Sauber-Ferrari

    10. Sutil — Force India-Mercedes

    11. Maldonado — Williams-Renault

    12. Gutierrez — Sauber-Ferrari

    13. Bottas — Williams-Renault

    14. Vergne — Toro Rosso-Ferrari

    15. Webber — Red Bull-Renault

    16. van der Garde — Caterham-Renault

    17. Chilton — Marussia-Cosworth

    18. Bianchi — Marussia-Cosworth

    19. Pic — Caterham-Renault

    DNF Di Resta — Force India-Mercedes

    DNF Grosjean — Lotus-Renault

    DNF Ricciardo — Toro Rosso-Ferrari

    F1 2013: classifica piloti dopo 13 GP

    1. Vettel 247

    2. Alonso 187

    3. Hamilton 151

    4. Raikkonen 149

    5. Webber 130

    6. Rosberg 116

    7. Massa 87

    8. Grosjean 57

    9. Button 54

    10. Di Resta 36

    11. Sutil 26

    12. Perez 22

    13. Hulkenberg 19

    14. Ricciardo 18

    15. Vergne 13

    16. Maldonado 1

    F1 2013: classifica costruttori dopo 13 GP

    1. Red Bull-Renault 377

    2. Ferrari 274

    3. Mercedes 267

    4. Lotus-Renault 206

    5. McLaren-Mercedes 76

    6. Force India-Mercedes 62

    7. Toro Rosso-Ferrari 31

    8. Sauber-Ferrari 19

    9. Williams-Renault 1

    GP Singapore F1 2013: cronaca gara

    GIRO 61/61 Al limite delle due ore massime di gara è Sebastian Vettel il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi! Sul podio sale anche Fernando Alonso sfruttando una tattica migliore rispetto agli avversari così come fa Kimi Raikkonen. A punti vanno anche Rosberg, Hamilton, Massa, Button, Perez, Hulkenberg e Sutil. Ritiro amarissimo nel finale per Webber. Anche Grosjean non vede la bandiera a scacchi per ko tecnico mentre era nella top 5. Questo l’ordine di arrivo.

    GIRO 60/61 Incredibile: Webber rallenta per problemi al motore!! Rosberg e Hamilton lo passano con facilità. Lui prosegue ma è più lento di oltre 10” rispetto agli altri. Tutti lo superano. La Red Bull quella buona, di Vettel, invece, prosegue come un treno,…

    GIRO 59/61 Problemi al cambio per Webber così come a Monza. Gli chiedono di non tirare le marce.

    GIRO 58/61 Button viene superato anche da Hamilton e Massa. Ora è 8° davanti a Perez.

    GIRO 57/61 Rosberg supera Perez e Button. Anche Hamilton e Massa poi scavalcano il messicano. Le McLaren sono in piena crisi di gomme.

    GIRO 56/61 Questa la nuova classifica quando mancano meno di 10 minuti allo scadere delle due ore come durata massima della gara.

    GIRO 55/61 Di Resta sbatte alla curva 7 ma non c’è bisogno della safety car per sgomberare la pista. Hulkenberg viene sfilato, intanto, da Rosberg, Hamilton e pure da Massa.

    GIRO 54/61 Raikkonen supera di forza Button ed arriva in zona podio!. Grandi battaglie tra Perez e Webber per la 5a posizione. Così come tra Rosberg, Hamilton e Hulkenebrg per la 7a!

    GIRO 53/61 Webber supera Hulkenberg ed ora è 6°. Button, 3°, è in crisi e gira sull’1’54”0 mentre gli altri hanno un passo sul’1’51” netto. Alonso è sull’1’52” ma può amministrare circa 20”.

    GIRO 52/61 In Ferrari chiedono ad Alonso di rallentare per gestire gli pneumatici fino alla fine. Si teme che possano avere un decadimento improvviso negli ultimissimi giri. Per ora, però, i tempi dello spagnolo sono ottimi mentre stanno peggiorando quelli dei piloti che hanno montato le gomme assieme a lui.

    GIRO 51/61 Via radio avvisano Vettel di vibrazioni eccessive all’impianto frenante. L’impressione è che sia l’unico modo che hanno trovato quelli della Red Bull per dare l’impressione che la gara non sia già andata in archivio. Staremo a vedere…

    GIRO 50/61 Raikkonen è ora nei tubi di scarico di Button e lotta per la terza posizione.

    GIRO 48/61 Webber, Rosberg e Hamilton si sbarazzano di Gutierrez con facilità. Ora mettono nel mirino Hulkenberg.

    GIRO 47/61 Webber, Rosberg, Hamilton ma anche Di Resta e Massa sono chiamati ora a rimontare sui piloti che li precedono e vanno più lenti. Riusciranno a superare nell’angusto circuito di Marina Bay? Al tempo stesso non è chiaro se i piloti che hanno fatto l’ultima sosta durante la safety car arriveranno in fondo al GP senza problemi.

    GIRO 46/61 1’48”574 per Vettel che segna il giro più veloce della gara. Dal team lo avvisano di stare attento all’affidabilità della macchina.

    GIRO 45/61 Nessuno dovrà più fermarsi da qui alla fine. Ecco la nuova classifica.

    GIRO 44/61 Pit stop di Vettel che monta gomme supersoft nuove e rientra in pista ancora al primo posto con 4” su Alonso.

    GIRO 43/61 Pit stop di Hamilton. Ora Alonso è secondo a 30,6” dall’imprendibile Vettel. Non è chiara la strategia fatta dalla Ferrari con Massa che, a quest’ora, poteva essere dietro al compagno di squadra mentre, invece, avendo montato gomme supersoft con l’ingresso delle safey car, ha dovuto fare un ulteriore pit stop.

    GIRO 42/61 Pit stop di Massa e Di Resta con lo scozzese che conserva la posizione davanti al brasiliano. Gomme Medium per loro.

    GIRO 41/61 Pit stop di Rosberg che rientra in pista dietro a Webber! Vettel vola ancora con 1’50”022. Il vantaggio su Alonso è di 28”. Gliene servono 30 per essere sicuro di fare il proprio cambio gomme senza perdere la leadership.

    GIRO 40/61 Pit stop di Webber che monta gomme Medium.

    GIRO 38/61 1’50”123 per Vettel che distrugge ancora il giro più veloce della gara. Rosberg è a 18,7”. Grosjean, intanto, ritorna al box per altri problemi tecnici. Stavolta si ritira!

    GIRO 37/61 Della gomma raccolta sulla pista si è incastrata sull’ala anteriore di Rosberg e lo rallenta leggermente. Così, almeno, gli dicono via radio.

    GIRO 36/61 Ecco la classifica aggiornata. Da apprezzare il grandissimo gap che Vettel ha messo su chi lo segue…

    GIRO 34/61 Vettel ha 10” su Rosberg in 4 giri dalla ripartenza! Fa gara a sé. Alonso, però, si mantiene a 3” dal tedesco pur avendo davanti a sé anche Webber e Hamilton. La Ferrari, quindi, può aspirare al secondo posto in attesa che anche gli altri facciano il secondo cambio gomme.

    GIRO 33/61 Problema tecnico per Grosjean! Viene richiamato al box dove stanno adesso controllando qualcosa sul motore. Dopo una sosta di circa mezzo minuto riparte ma si trova in fondo al gruppo…

    GIRO 32/61 Pazzesco Vettel! 5”5 di vantaggio su Rosberg in 2 giri. 1’50”6 per lui adesso contro 1’52”9 per il pilota della Mercedes il quale ha lo stesso ritmo dei 6 piloti che lo seguono.

    GIRO 31/61 Via radio viene detto a Vettel di spingere a fondo per aumentare il vantaggio. Il tedesco non aspettava altro e nel primo giro lanciato rifila 2”2 a Rosberg! Hamilton, intanto, si lamenta di aver colpito un detrito.

    GIRO 30/61 La safety car esce di scena, la gara riparte! Attenzione: Massa ha gomme supersoft e sta tallonando Di Resta. Per ora nessun sorpasso da segnalare. Il gruppo si sta snodando lungo le curve del Marina Bay.

    GIRO 29/61 Tra un giro ci sarà la ripartenza. Rosberg lamenta problemi alla radio e chiede di usarla solo per comunicazioni veramente importanti.

    GIRO 28/61 Si deve attendere ancora qualche minuto prima di partire perché non tutte le vetture sono ancora correttamente accodate al gruppo.

    GIRO 27/61 Ogni ulteriore giro che trascorre dietro alla safety car rappresenta un vantaggio per i piloti che hanno già fatto il secondo pit stop, perché diminuisce la distanza di gara senza stressare gli pneumatici con i quali dovranno affrontare oltre metà dell’intera lunghezza del GP.

    GIRO 26/61 Il punto è che i piloti che si sono fermati per il secondo pit stop possono adesso andare dritti fino alla fine della gara. Gli altri dovranno fermarsi almeno un’ulteriore volta. Prima della ripartenza, questa è la nuova classifica.

    GIRO 25/61 Attenzione: situazione cruciale sul fronte delle tattiche. Qualcuno azzarda il pit stop. Altri proseguono con le gomme montate pochi giri prima! Quelli che vanno avanti sono Vettel, Rosberg, Webber e Hamilton. Quelli che si fermano, tra i big, sono Alonso, Grosjean, Massa, Button, Raikkonen e Perez…

    GIRO 24/61 Ricciardo va a muro alla curva 18!! Entra la safety car! Proprio quello che ci voleva per ravvivare la situazione…

    GIRO 23/61 Vettel viaggia sull’1’51”8. Alonso con pista libera gira sullo stesso ritmo di Rosberg, vale a dire 1’52”6. Gli altri che seguono sono sull’153”0.

    GIRO 22/61 Raikkonen lamenta via radio un non ben precisato problema tecnico. Il team gli risponde che non è possibile intervenire per migliorare la situazione. Il finlandese, comunque, prosegue senza rallentamenti.

    GIRO 21/61 Questa è la nuova classifica. Da notare quanto sia aumentato il distacco tra Alonso e chi lo precede rispetto a prima del pit stop.

    GIRO 20/61 Pit stop di Di Resta. Era rimasto l’unico a non essersi ancora fermato dalla partenza.

    GIRO 19/61 Alonso non riesce ancora a passare Di Resta che ha un ottima velocità di punta! Vettel e Rosberg si allontanano ancora mentre Webber, Grosjean, Hamilton e Massa gli sono dietro.

    GIRO 17/61 Pit stop di Vettel che conserva il primato seguito da Rosberg, Di Resta, Alonso, Webber, Grosjean, Hamilton, Massa, Button e Raikkonen. Lo scozzese della Force India non si è ancora fermato e sta facendo da tappo ad Alonso! La tattica Ferrari non ha tenuto conto di questo problema…

    GIRO 16/61 Vettel prosegue girando sull’1’53”7 mentre gli altri che hanno montato gomme Medium sono sull’1’54”3. A breve, però, anche il tedesco si fermerà.

    GIRO 15/61 Alonso ha marcato Webber e ora Rosberg marca Alonso: pit stop per il tedesco! Alonso è bloccato dietro a Di Resta in 6a posizione. Anche Grosjean e Hamilton fanno il pit stop. Gomme Medium per tutti tranne per i piloti della Lotus.

    GIRO 14/61 Pit stop di Alonso. Massa è rienrtato in 13a posizione bloccato dietro a Maldonado.

    GIRO 12/61 Pit stop di Webber: gomme Medium anche per lui. Vettel, intanto, stampa il giro record della gara con 1’52”756. Alonso recupera altri decimi su Rosberg con 1’53”1 contro 1’53”4. Ora è a 3” dalla Mercedes e a 11” da Vettel.

    GIRO 12/61 Pit stop di Massa che passa alle gomme medium. Alonso continua ad essere il più veloce in pista ma recupera solo pochi decimi su Vettel e Rosberg che hanno adesso lo stesso ritmo. Webber, quarto, invece, rallenta e lamenta problemi di trazione.

    GIRO 11/61 Alonso ora fa segnare il giro più veloce della gara con 1’52”849. Questa la classifica mentre cominciano i primi pit stop.

    GIRO 10/61 Pit stop anticipato di Kimi Raikkonen che monta un altro set di gomme supersoft. Il finlandese era bloccato nel traffico. Forse così riuscirà ad avvantaggiarsi indirettamente.

    GIRO 09/61 Vettel torna a guadagnare su tutti! Grosjean tallona Webber per la 4a posizione.

    GIRO 08/61 Per la prima volta Rosberg recupera tre decimi a Vettel andando sull’1’52”9. Anche Alonso migliora il ritmo ed eguaglia Vettel con 1’53”2. L’impressione è che il tedesco della Red Bull stia già iniziando ad amministrare il vantaggio.

    GIRO 07/61 La Red Bull chiede a Webber di girare a 2” di distanza da Alonso per non surriscaldare macchina e gomme. Lo spagnolo ora abbassa il proprio limite a 1’53”5 eguagliando Rosberg mentre Vettel prosegue come un orologio sull’1’53” netto.

    GIRO 06/61 Vettel continua a guadagnare mezzo secondo su Rosberg e uno pieno su Alonso, Webber, Grosjean e Massa che girano più o meno tutti sul piede del 1’54”1-2

    GIRO 05/61 Dalla Lotus fanno sapere che Raikkonen sta già soffrendo per il dolore alla schiena. Gli antidolorifici non possono fare miracoli. Riuscirà ad arrivare in fondo alla gara? Per il momento è 11° e tallona Perez per entrare in zona punti.

    GIRO 04/61 Ora Rosberg riesce ad abbassare il proprio limite e perde “solo” 6 decimi su Vettel. Il divario, però, è già di 6”! Alonso lo segue a 3”.

    GIRO 03/61 Incredibile. Vettel riesce ancora a stupire. Sta girando 2” al giro più veloce di tutti gli altri!! 1’53”0 per lui contro 1’54”6 per Rosberg e 1’55” per gli altri!

    GIRO 02/61 Questa la classifica dopo 2 giri con le posizioni che si stanno stabilizzando. Da notare che Vettel prende già il largo…

    GIRO 01/61 Rosberg attacca Vettel ma il tedesco riprende la prima posizione dopo la prima curva. Alonso è un fulmine, si smaterializza e ricompare magicamente in terza posizione!! Webber è quarto, seguito da Grosjean, Massa, Hamilton, Button, Hulkenberg e Perez per quel che riguarda la top ten.

    PARTENZA Si spengono i semafori!! Inizia il GP di Singapore 2013…

    ORE 14.00 Inizia il giro di formazione!

    ORE 13.59 31°C sull’asfalto, 29°C nell’eria. Visto l’arrivo del buio, le temperature andranno via via abbassandosi nel corso delle prossime due ore.

    ORE 13.58 Solo Sutil parte con gomme Medium. Tutti gli altri sono con Supersoft.

    ORE 13.55 5 minuti al via. Riepiloghiamo la griglia di partenza:

    1 Sebastian Vettel Red Bull

    2 Nico Rosberg Mercedes

    3 Romain Grosjean Lotus

    4 Mark Webber Red Bull

    5 Lewis Hamilton Mercedes

    6 Felipe Massa Ferrari

    7 Fernando Alonso Ferrari

    8 Jenson Button McLaren

    9 Daniel Ricciardo Toro Rosso

    10 Esteban Gutierrez Sauber

    11 Nico Hulkenberg Sauber

    12 Jean-Eric Vergne Toro Rosso

    13 Kimi Raikkonen Lotus

    14 Sergio Perez McLaren

    15 Adrian Sutil Force India

    16 Valtteri Bottas Williams

    17 Paul di Resta Force India

    18 Pastor Maldonado Williams

    19 Charles Pic Caterham

    20 Giedo van der Garde Caterham

    21 Jules Bianchi Marussia

    22 Max Chilton Marussia

    ORE 13.50 Mancano 10 minuti alla partenza. Il traffico in griglia di partenza si va sfoltendo. Via gli sponsor, via i VIP, via gli amici, via i giornalisti! Restano solo i tecnici, i meccanici, le macchine e i piloti…

    ORE 13.48 In griglia di partenza compare David Beckham e crea un po’ di scompiglio. In realtà, l’interesse nei suoi confronti è solo da parte dei britannici che, però, si sa, da Bernie Ecclestone in giù, passando per Milton Keynes, Brackley, Enstone, Woking, Grove [...], hanno un grandissimo peso specifico!

    ORE 13.45 Felipe Massa:”Sarà una gara difficile. Speriamo di fare tutto giusto per arrivare più avanti possibile. Tutti abbiamo molti punti interrogativi tra durata delle gomme e rischio incidenti”.

    ORE 13.43 Eric Boullier della Lotus:”Kimi sta ancora soffrendo con la schiena ma ha preso degli antidolorifici e dovrebbe essere a posto per la gara. Oggi puntiamo al podio con Romain [Grosjean]“.

    ORE 13.41 In griglia di partenza, accanto alla Ferrari di Alonso, c’è anche Simone Resta: “Sarà una gara interessante perché ci sono ancora dei dubbi sulla durata delle gomme e sulla differenza di velocità tra le mescole. Le barriere sono molto vicine alla pista e la safety car è un’eventualità reale”, ha dichiarato alla RAI uno dei più importanti tecnici dedicati allo sviluppo della F138.

    ORE 13.38 Adrian Newey:”Non sappiamo se riusciremo a prendere subito vantaggio sugli altri. La pista è difficile e la gara molto lunga. A questo punto dobbiamo vedere quello che accadrà. Avere un set di gomme in più degli altri per averle conservate in qualifica è un vantaggio che speriamo di poter sfruttare”.

    ORE 13.35 La differenza di velocità tra mescole Medium e Supersoft è di quasi 2” al giro.

    ORE 13.34 Paul Hembery della Pirelli prevede due pit stop ma non esclude che qualcuno ne azzardi tre:“Fin dall’inizio del fine settimana era chiaro che questa gara si sarebbe giocata sulle strategie. E’ sempre stato importante ottenere una buona qualifica a Singapore, poiché le possibilità di sorpasso sono limitate. La mescola Supersoft giocherà un ruolo importante anche in gara, dove inciderà l’evoluzione della pista e delle temperature. Anche se non è un tracciato particolarmente difficile in termini di usura, il degrado termico può essere molto elevato. Le brusche frenate aumentano il calore che passa attraverso gli pneumatici. Ci aspettiamo tra le due e le tre soste, ma molto dipenderà da fattori esterni, come la temperatura o la safety car.”

    ORE 13.30 Pit lane aperta! Le vetture possono iniziare a schierarsi in griglia di partenza.

    ORE 13.29 Avete sentito parlare dell’ultima pazza idea che riguarda Adrian Newey? Eccola qui!

    ORE 13.28 In un’intervista alla stampa britannica, Alonso ha dichiarato:”Voglio stare in Ferrari a vita. Il mio contratto scade nel 2016 ma vorrei già prolungarlo adesso”. Nel 2016 avrà 35 anni. Con queste parole mette fine a tante speculazioni sul suo futuro e conferma di aver cambiato completamente atteggiamento nei confronti del team. Siamo maligni: sarà mica che l’arrivo di Raikkonen gli ha suggerito di farsi nuovamente amare dai suoi tecnici per evitare situazioni ben più spiacevoli nel 2014?

    ORE 13.27 Stefano Domenicali alla RAI parla del futuro della Ferrari:”Stiamo cercando di rafforzare l’area aerodinamica, punto sul quale non siamo stati al meglio in questi anni. Abbiamo completato i lavori di ammodernamento sulla galleria del vento. Non pensiamo di aver ancora finito con la campagna acquisti. Dall’Inghilterra ci sono competenze migliori delle nostre e da lì arriveranno”.

    ORE 13.26 Avete studiato bene? Perfetto: allora potete mettervi alla prova con il nostro QUIZ sul GP di Singapore!

    ORE 13.25 Sempre in tema di amarcord, decisamente più recente, segnaliamo che qui è possibile leggere la storia del GP di Singapore. Siamo solo alla sesta edizione ma di eventi da ricordare ce ne sono. E come!

    ORE 13.22 Come conviveranno Alonso e Raikkonen assieme? Ce lo dirà la storia. Intanto, guardando al passato, abbiamo raccolto delle belle foto di tutti i campioni del mondo che hanno coabitato all’interno dello stesso team. Buona visione.

    Fotogallery: campioni del mondo e compagni di squadra nella storia della F1

    ORE 13.21 Non chiedeteci il perché. Fatto sta che Raikkonen o lo si ama o lo si odia. I suoi detrattori non hanno perso tempo a farsi sentire criticando la scelta della Ferrari. Ora che il biondo di Espoo arriva sottotono alle qualifiche di Singapore per un problema alla schiena, fanno la voce grossa. Se il buongiorno si vede dal mattino… si prospetta un 2014 duro dal punto di vista della critica per Kimi! E pensare che lui non fa nulla per farsi volere male se non evitare troppi giri di parole. E’, semmai, l’alone mitico che lo circonda ad indispettire quelli che lo ritengono un sopravvalutato.

    ORE 13.19 Molto più della lotta per il titolo mondiale tra Vettel e Alonso, per ovvi motivi il tema più caldo del GP di Singapore sembra ancora essere il ritorno di Kimi Raikkonen in Ferrari. Qui trovate una bella rassegna degli ultimi articoli che riguardano il finlandese e tengono animato il dibattito.

    ORE 13.16 Ecco arrivati ad oggi! Dall’alto della sua pole position, leggi qui cosa dice Sebastian Vettel in vista della gara e cosa dichiarano Fernando Alonso e gli uomini Ferrari.

    ORE 13.14 Qui puoi rileggere la cronaca delle qualifiche. Non sono mancate le sorprese. Brutte sorprese! Come, ad esempio, l’esclusione di Raikkonen dalla top ten.

    ORE 13.11 Anche le libere del sabato non hanno cambiato la musica: Vettel davanti, gli altri ad arrancare!

    Fotogallery: GP di Singapore 2013

    ORE 13.08 Le dichiarazioni dei protagonisti prima delle qualifiche già lasciavano intendere quale sarebbe stato il risultato finale. Rileggile QUI.

    ORE 13.07 Qui è possibile leggere la cronaca della seconda sessione di libere . Nonostante le novità tecniche portate dalla Ferrari, Alonso ha ammesso che hanno dato qualche miglioramento ma non abbastanza per recuperare terreno sulla concorrenza.

    ORE 13.04 Riavvolgiamo il nastro del weekend di Marina Bay: nella prima sessione di prove libere hanno brillato le Mercedes che per la gara di oggi promettono di dare battaglia alle Red Bull. Ci riusciranno davvero? In pochi ci scommettono.

    ORE 13.01 Ricordiamo che le mescole portate a Singapore dalla Pirelli sono le Supersoft e le Medium.

    ORE 13.00 Sul circuito di Marina Bay sono le ore 19.00. La nostra diretta inizia quando un’ora al via del GP di Singapore 2013 di F1.

    ORE 12.55 Appassionati di Formula 1 benvenuti alla web cronaca in diretta LIVE del Gran Premio di Singapore 2013 di F1. Per restare aggiornati in tempo reale su ciò che accade sul circuito di Marina Bay è sufficiente ricaricare minuto dopo minuto questa pagina. Dando uno sguardo alla griglia di partenza, troviamo in pole position Sebastian Vettel. Il leader del mondiale ha trovato una grandissima Red Bull alla ripresa del campionato dopo la pausa estiva e si conferma strepitoso interprete del giro secco. A suo fianco scatterà la Mercedes di Nico Rosberg seguito da Romain Grosjean, Mark Webber e Lewis Hamilton. La Ferrari non è andata oltre la sesta e settima posizione con Felipe Massa che, al pari di due settimane fa a Monza, è stato più veloce di Fernando Alonso.

    Fotogallery: anteprima GP di Singapore di F1 2013