GP Singapore F1 2014, Alonso: “Week end super, avrei firmato per questo risultato”

Le qualifiche del Gran premio di Singapore restituiscono una Ferrari in gran spolvero, nonostante la "solita" quinta posizione

da , il

    F1 GP Singapore 2014   venerdì pre gara

    E una terza fila che lascia il sorriso, o quasi, quella di Fernando Alonso nelle qualifiche del Gran premio di Singapore. Quest’anno non si era mai vista una Ferrari così competitiva al sabato e nella notte di Marina Bay non solo c’è il guerriero spagnolo a minacciare le Mercedes, ma anche un ritrovato Kimi Raikkonen.

    Ecco, il finlandese proprio quando si mette ad andare e la macchina lo asseconda, viene bersagliato dalla nuvola di Fantozzi: problemi di elettronica sulla power unit e niente giro finale in Q3, settima posizione con la certezza che avrebbe potuto fare meglio.

    Ora c’è una gara lunga, esigente sulle gomme, e ci sarà da divertirsi guardando il ritmo gara espresso dai primi cinque al venerdì. Non nasconde la felicità, Alonso: «E’ un week end super in generale, dalle prove libere fino in qualifica. Alla fine, essere nei primi cinque è buono, a 5 millesimi dalla quarta posizione, 2 decimi dalla pole: se ce l’avessero detto ieri, avremmo firmato», ammette Fernando.

    | L’ANALISI DEL PASSO GARA AL VENERDI’ |

    Che sarebbe stato un circuito “amico”, rispetto all’ostile Monza, si sapeva, ma non a tal punto, perché comunque le caratteristiche del layout di Marina Bay in teoria non si sarebbero dovute sposare al meglio con la F14 T, evidentemente il lavoro in fabbrica, il diffusore modificato e il set-up perfetto sulle sospensioni, hanno dato i loro frutti: «In un circuito da 1’50″ ci sono distacchi molto piccoli, domani speriamo di essere più vicini di quanto non sia stato nelle altre gare. Questo è un circuito sul quale mi trovo molto bene e ho fiducia nella macchina: abbiamo fatto pochissimi cambiamenti sul set-up e questo ci ha reso la vita più facile».

    | QUALIFICHE: HAMILTON IN POLE, ROSBERG A 7 MILLESIMI |

    Per un Alonso quinto e vicino alla pole, dispiace trovarsi di nuovo Raikkonen rallentato da noie tecniche: «Non so cosa sia successo, a un certo punto stavo provando a spingere e il motore si è spento, credo sia un problema di elettronica: è un peccato perché avevamo tanto potenziale dopo i cambiamenti fatti in vista delle qualifica. Ovviamente, quando ho buone sensazioni la macchina mi dà dei problemi, quest’anno va così».

    A sandwich tra le Ferrari ci sarà la Williams di Massa, in quella che è una lotta diretta per il terzo posto nel mondiale Costruttori. «Ti aspetti sempre qualcosa di più; sono contento, è stata una qualifica positiva. Siamo in lotta con la Ferrari per il Costruttori, non sarà facile, hanno due bravissimi piloti ma anche noi possiamo fare bene», commenta Felipe.

    Fabiano Polimeni