GP Singapore F1 2014, risultati gara: trionfa Hamilton, azzardo Ferrari [FOTO]

Lewis Hamilton vince il Gran premio di Singapore da autentico padrone

da , il

    Lewis Hamilton ruggisce a Singapore e si aggiudica una gara corsa da padrone. Non c’è stato il duello con Nico Rosberg, fermato da problemi elettronici già prima del via. Per Nico non c’è stato nulla da fare, fino a ritirarsi dopo essere partito dai box. Nessuno ha potuto mettere in discussione la leadership dell’inglese, che va in testa al mondiale. Una safety car ha reso più complicata la strategia, quella che hanno provato a sfruttare in Ferrari, puntando ad andare fino al termine e sperando in un ulteriore contrattempo in pista che rallentasse la Mercedes. Alonso ha guidato in maniera magistrale ed è stato a lungo secondo dopo una super-partenza. Sarebbe arrivato a podio forse, ma si è cercato l’azzardo, com’è giusto che fosse, sperando di ottenere il bottino grosso. Gara finita con un giro d’anticipo, per il sopraggiungere del limite delle due ore. Massa chiude quinto, seguito da Vergne, Perez, Raikkonen, Hulkenberg e Magnussen.

    a cura di: @fabianopolimeni

    CLASSIFICA GP SINGAPORE F1 2014

    60/61 - Hamilton inizia l’ultimo giro, si finirà in anticipo di una tornata.

    Raikkonen viene attaccato da Perez, ma resiste. Vince Lewis Hamilton! E’ in testa al mondiale!!

    Alle sue spalle arrivano in volata Vettel, Ricciardo e Alonso. Completano la top ten, Massa, Vergne, Perez, Raikkonen, Hulkenberg, con Bottas che si pianta e procede lentamente fin sotto il traguardo, perdendo anche la 10ma posizione, che va a Magnussen.

    59/61 - Mancano 2 minuti alla bandiera. Vergne svernicia Hulkenberg e Raikkonen, ma dovrà pagare 5 secondi. ora è sesto JEV. Raikkonen prova l’attacco su Bottas

    59/61- Tre giri alla fine ma stiamo per arrivare al limite delle 2 ore.

    57/61 – Vettel, Ricciardo e Alonso sono in 1.3 secondi. Stop&go di 5″ a Vergne da aggiungere al tempo finale: perde la nona posizione e forse anche la 10ma a vantaggio di Magnussen e Perez.

    56/61 – Vergne è sotto indagine per aver passato Maldonado oltrepassando i limiti della pista. Alonso si porta a 7 decimi da Ricciardo, sei minuti ancora per provare l’attacco

    55/61 - Con il ritiro di Button, la Lotus va a punti, ed è il bistrattato Maldonado a prendere i punti. Cinque decimi su Magnussen

    54/61 – Hamilton attacca Vettel, è in scia con il Drs e arrivano alla frenata di cura 7 e Hamilton passa, si riprende la prima posizione. Button si ritira

    54/61 – Sarà infuriato con il suo muretto Hamilton, hanno sbagliato il timing. Certo, con gomme fresche potrà attaccare Vettel.

    53/61 – Si ferma Hamilton. E’ dietro!! E’ dietro!!! Sebastian Vetel ha passato Hamilton!!! RIcciardo lo attacca

    52/61 – Si avvicina la sosta di Hamilton: ha 25.4 su Vettel, può fermarsi.

    49/61 – SOlo 8 decimi in questo passaggio per Hamilton. Non è ancora nella finestra per fare la sosta

    48/61 – Hamilton riesce a spingere su tempi velocissimi: 51.7 contro 53.3 di Vettel. Ha 21.1 secondi di margine

    46/61 - Si alza un po’ il passo di Hamilton: 51.905 contro 53.6 di Vettel. E’ di 15.7 secondi il margine a disposizione, Alonso è a 20.8

    43/61 – Conferma il passo da 2 secondi al giro più veloce rispetto a Vettel, Ricciardo e Alonso. L’obiettivo è raggiungere i 25 sul tedesco della Red Bull; a Hamilton dicono che deve fare ancora 7 giri su queste gomme, arriverebbe al target di 25 e potrebbe fare il pit. Le supersoft hanno però già 19 giri sulle spalle…

    41/61 – Hamilton ha 8.6 su Vettel, 9.3 Ricciardo. A Vettel dicono di provare ad andare fino alla fine, lui dice che non pensa di farcela. L’ingegnere gli spiega che un’altra sosta lo porterebbe a sprofondare in classifica

    40/61 – Altri 2.5 guadagnati da Hamilton, giro record: 1.50.4

    39/61 – 2″4 al primo giro di gara per Hamilton su Vettel.

    38/61 – Riparte il gran premio. Hamilton deve spingere a tutta

    37/61 – Si gira sui 2’47″ dietro safety car. Alla ripartenza ci sarà tempo per poco più di 20 giri, prima della bandiera a scacchi sotto le 2 ore. Più tempo passa più diventa problematico per Hamilton, che deve mettere tra sé e le Red Bull, ma anche Alonso, il tempo necessario per fare il pit, andare sulle morbide e restare davanti.

    35/61 - Mancano poco più di 45 minuti al limite delle due ore e non si faranno i 61 giri di gara previsti. La scommessa Ferrari è tutta nell’arrivare alla bandiera con queste gomme e sperare nel distacco che saprà mettere Hamilton. Le Red Bull hanno più giri sulle morbide rispetto ad Alonso, che a sua volta ha la velocità per attaccare. Un finale di gara pirotecnico.

    33/61 – +++ Hamilton dovrà mettere 26 secondi tra sé e Alonso per fare la sosta e restare primo +++. Le Red Bull difficilmente riusciranno ad andare fino al termine, sicuramente non Ricciardo, che deve montare le morbide. Bella prospettiva per Alonso.

    32/61 – Button e Raikkonen fanno anche loro il pit e vanno sulle morbide. Jenson oggi pesca il jolly se porta la macchina fino al termine. In Ferrari, invece, è l’azzardo che serve per stravolgere un esito già scritto. Comunque vada, giusta scelta.

    32/61 – Si azzerano tutti i distacchi. Attenzione a chi azzarderà il pit per andare fino in fondo. E’ quel che fanno in Lotus, e anche per Bianchi. A Hamilton dicono di stare attento ai detriti. Alonso rientra ai box, monterà le soft e andrà fino al traguardo. Speriamo tengano per 30 giri…

    31/61 - Raikkonen ha preso Massa, potrà sfruttare le supersoft contro le morbide di Felipe. Per coprire 31 giri è servita più di un’ora… si rischia di finire oltre il limite. Perez perde l’ala anteriore e resta bloccata sotto il muso

    +++ SAFETY CAR +++

    29/61 – Spazza via ogni possibilità di essere insidiato da Alonso, Hamilton: 1.51.793 e continua a spingere. Cinque secondo tra i due.

    Bella bagarre tra Perez, Grosjean e adesso Kvyat.

    28/61 – Seconda sosta per Ricciardo. Alonso fa 52″1, giro record ed è a solo 3.9 secondi da Hamilton

    26/61 - Pit-stop anche per Hamilton, conferma le supersoft. Al comando c’è Ricciardo, che dovrà fermarsi. Comunque l’australiano sta andando più lungo rispetto a Vettel e Alonso, perché si erano fermati tutti nello stesso giro per la prima sosta

    26/61 – Rientra Vettel. Le supersoft durano pochissimo, lui esce con le soft anziché le supersoft. Torna in pista ed è dietro!! Alonso guadagna la posizione su Vettel! Adesso dovrà guardarsi nello stint finale quando avrà le morbide e Vettel le supersoft.

    25/61 – Pit di Alonso, si decide ora la gara. Anticipa su Vettel e può guadagnare i secondi per scavalcarlo! Ha pista libera, come Raikkonen che gli è davanti e può guadagnare su Massa, al momento in lotta con Hulkenberg.

    24/61 – Anche Bottas cambia gomme e sceglie le soft. Alonso è a 1.1 da Vettel, va forte Fernando: mette nel mirino il secondo posto

    23/61 – A Hamilton dicono che il consumo adesso è migliore sulle gomme e gli chiedono se vuole aggiustamenti sull’ala anteriore: tutto bene così dice Lewis.

    Massa va al box e monta le morbide dopo appena 7 giri

    22/61 – A Vettel dicono di spingere, perché Alonso sta guadagnando costantemente 4 decimi a giro e adesso è a 1.6

    21/61 – Vettel, Alonso e Ricciardo si sono fermati tutti al giro 14, montando ancora le supersoft. Ancora ci sono circa 10 giri su queste gomme, poi vedremo chi azzarderà le morbide, teoricamente da lasciare per l’ultima parte di gara.

    20/61 – Giro veloce di Alonso, 52″849. Si porta a 2.5 da Vettel, a sua volta sempre con 7.8 da Hamilton. Raikkonen si trova dietro Massa, con 2.3 da recuperare.

    18/61 - I consumi sono rientrati nei limiti si sicurezza per tutti i primi 10. Hamilton e Bottas hanno consumato appena 27 kg e poco più per fare 19 giri, in prospettiva se ne useranno circa 90, un miglioramento record, oltre il 30%

    17/61 - Hamilton ha tirato i remi in barca e gira lento, Vettel, Alonso, Ricciardo, Massa e i primi 9 sono tutti sul 1’53″. In particolare è Alonso a dare l’impressione di poter riprendere Vettel, mentre Ricciardo fa il giro record in 52″9, questo prima che Lewis si svegli di nuovo, con 52″882

    15/61 – Bottas prende la posizione su Perez con un bel sorpasso. Intanto i primi 7 sono tornati nelle posizioni originarie. Abbiamo Hamilton con 7.8 su Vettel, Alonso a 10.9 e gira sui tempi del tedesco. Ricciardo è a 14.6, Massa a 22.4, Raikkonen a 23.6, Bottas a 27.2, Perez a 30.4, Button a 31.1 e Vergne a 33. 6. Vergne prende una penalizzazione per aver superato oltre i limiti della pista: 5 secondi. Rosberg è fuori dalla macchina e si ritira, anche se i meccanici provano a sistemare il guasto e rimandarlo in pista sperando in qualche safety car, pur avendo ormai 2 giri dal leader.

    14/61 – Cambio volante per Rosberg, che non riesce però a ripartire dopo una lunga procedura di reset. Gara ampiamente compromessa da tempo. Le temperature vanno su e tra poco dovrà spegnere tutto…

    13/61 - Pit anche per Hamilton. A Vettel dicono di risparmiare gomme e benzina, tanto non riuscirà in questo frangente a passare Lewis. Magnussen va sulle morbide, è l’unico insieme a Kvyat ad aver fatto questa scelta.

    12/61 – Anche Vettel e Ricciardo rientrano in sequenza, uno dietro l’altro. Escono senza variare posizione: Vettel, Alonso, Ricciardo. Marcatura a uomo

    12/61 – Non solo Kvyat ha passato Rosberg, ma la Mercedes gira con la luce posteriore rossa accesa, non solo in recupero di energia. Raikkonen e Bottas cambiano gomme e ritornano in pista mantenendo le posizioni. Giro lento di Vettel, in 55.0. Toccherà adesso ad Alonso fare il pit.

    11/61 – Non abbiamo battaglie dirette tra i piloti, tutti cercano di tenere un po’ di gap per non surriscaldare freni e motore. A Rosberg danno il regime di giri per non superare il limite dei 60 orari al pit- Massa è il primo a fermarsi per la sosta insieme a Kvyat, nella top ten. Ancora supersoft per entrambi. Il russo rientra nel traffico, dietro Rosberg, mentre Massa è a 3.3 da Maldonado

    10/61 - Rosberg sta correndo senza quarta marcia. Kvyat invece ha fatto passare Vergne, come da indicazione del team perché non è riuscito ad attaccare Magnussen. Sutil è rientrato ai box, anticipando molto la sosta. Sempre 3 decimi di guadagno di Hamilton su Vettel, che è a 3.6, poi Alonso ha 9.3 dal leader e gira a 6 decimi da Hamilton e 3 da Vettel.

    8/61 - Lentamente Hamilton allunga, gira sul 53.3 contro il 53.5 di Vettel. Alonso ora copia i tempi del tedesco, fa 53.6 e si trova a 5.9 dalla Red Bull. Guardando i consumi, in prospettiva Hamilton e Vettel dovranno ridurre il consumo: 2.19 litri a giro e su 61 giri c’è il limite dei 100 kg che incombe. Mantenendo questo passo significa 1.7 kg a giro, ovvero, 103 kg.

    5/61 – Prima Ricciardo, adesso Raikkonen: temperature dei freni critiche. Macchine pesanti e poco raffreddamento per l’impianto, fanno di Singapore un circuito estremamente impegnativoDopo Hamilton e Vettel, Alonso è il più veloce in pista, ma gira 8 decimi più lento: potrebbe anche voler stressare meno le gomme e provare ad andare più lungo nel primo stint.

    4/61 – Vettel non molla, giri fotocopia con Hamilton. Vanno via e girano sul 53.5, Alonso è a 5.2 da Lewis ha fa adesso un T2 record. SI prospetta una bella lotta tra Massa Raikkonen e Ricciardo in meno di 2 secondi.

    3/61 – Oltre ad Alonso, Vettel è riuscito a guadagnare su Ricciardo, pur partendo sullo sporco. Peccato per il lungo alla prima curva di Fernando, altrimenti avrebbe tenuto la seconda piazza. Adesso lo spagnolo è sotto investigazione per il taglio. Nessuna ulteriore azione, comunica la direzione gara. Vettel tiene il ritmo di Hamilton, Alonso paga 1 secondo ed è a 3.3, Ricciardo lo segue a 7 decimi e Raikkonen è a 9 decimi dall’australiano

    2/61 – Hamilton, poi Vettel a 1.6, Alonso a 3.3, Ricciardo a 4 secondi, Raikkonen ottimo quinto, seguito da Massa, Button, Bottas, Magnussen e Kvyat. Questa la top ten. Rosberg è riuscito a partire, è ultimo.

    1/61 – Parte il Gran premio di Singapore! Senza Rosberg a insidiarlo, Hamilton mantiene la posizione, le due REd Bull dietro vengono bruciate da Alonso che però taglia la prima curva. Hamilton, poi Alonso, Vettel, Ricciardo, Raikkonen, Bottas. ALonso restituisce la posizione a Vettel, che si tiene in teza. Massa viene passaato dalle due McLaren. che sono in bagarre tra loro e vengono passate di nuovo da Massa. Primo giro caotico!

    14:00 – Via al giro di formazione. Hamilton, Ricciardo, Alonso e Raikkonen partiranno tutti dal lato gommato della pista. Rosberg non riesce a muoversi dalla griglia!!! Partirà dai box!!! Colpo di scena. Dovranno riuscire a risolvere il problema elettronico, perché dal volante non è riuscito a mettere la prima. Tutt’altro che scontato possa partire oggi Rosberg! Kobayashi va lentamente con la Caterham e parcheggia nella via di fuga, fuori un altro.

    13:59 – Ancora grane per Rosberg, sembra ci siano noie sull’accensione. Vedremo se riuscirà a partire

    13:49 – +++ In Mercedes continua l’analisi tra due volanti,si controllano al computer. Gara in salita per Rosberg +++

    13:47 – Marco Mattiacci, a pochi minuti dal via, commenta: «Questo è un circuito che mette in evidenza il talento dei nostri piloti, estremamente alto. La pioggia di ieri sera cambierà la gestione delle gomme, soprattutto le morbide. Abbiamo tante variabili che rendono la corsa molto interessante per noi»

    13:45 – Si chiude la pitlane. Rosberg è riuscito a schierarsi, c’è da augurarsi che i problemi elettronici siano stati risolti con la sostituzione del volante.

    13:40 – Ancora 5 minuti a disposizione di Rosberg per schierarsi. «Abbiamo un problema elettronico», dice Wolff

    13:38 – +++ La Mercedes di Rosberg è tornata al box ed è ferma, non è chiaro se fosse programmato lo stop o se sono emersi problemi +++, riporta Boselli (Sky Sport F1)

    13:30 – Apre la pitlane, 15 minuti per schierarsi in griglia

    13:20 - Parliamo delle strategie attese per la gara. Le gomme supersoft sono in assoluto le migliori per garantire la prestazione, ma resta l’incognita della durata con il pieno di benzina. Le previsioni Pirelli danno una gara su tre stop, con il primo pit intorno al giro 14, il secondo verso il giro 33, mentre le morbide si useranno nello stint finale e l’ultimo cambio gomme al giro 51. Chi vorrà azzardare le due soste, dovrà andare molto lungo con le supersoft,

    Griglia di partenza

    1. HAMILTON

    2. ROSBERG

    3. RICCIARDO

    4. VETTEL

    5. ALONSO

    6. MASSA

    7. RAIKKONEN

    8. BOTTAS

    9. MAGNUSSEN

    10. KVYAT

    11. BUTTON

    12. VERGNE

    13. HULKENBERG

    14. GUTIERREZ

    15. PEREZ

    16. GROSJEAN

    17. SUTIL

    18. MALDONADO

    19. BIANCHI

    20. KOBAYASHI

    21. CHILTON

    22. ERICSSON

    | RICCIARDO: SONO INTELLIGENTE, SO GESTIRE LE GOMME AL MEGLIO |

    12:55 – Hamilton contro Rosberg, questo quel che dicono a un’ora dalla partenza: «Sto ascoltando un po’ di musica, sono concentrato sulla gara», le parole di Lewis. «Ho la fortuna di tanti amici andati a lavorare in giro per il mondo, così ho il loro appoggio un po’ ovunque», dice Nico.

    12:40 - Amici di Derapate, benvenuti. Iniziamo la lunga marcia d’avvicinamento al Gran premio di Singapore, senz’altro il più atteso dell’anno dopo le premesse viste sabato in qualifica.