GP Singapore F1 2015, prove libere: Ferrari ok, Vettel contento a metà

Una buona Ferrari chiude le prove libere del Gran Premio di Singapore in seconda posizione con Raikkonen. Le parole dei piloti, con Vettel alla ricerca di dettagli da perfezionare.

da , il

    Ha dovuto lasciare la prima posizione solo nel finale, quando un super-Kvyat è andato a prendersi il miglior tempo nelle prove libere 2 del Gran Premio di Singapore 2015, ma Kimi Raikkonen può dirsi assolutamente soddisfatto di come ha interpretato l’avvio di week end a Marina Bay. Sempre velocissimo, sempre davanti a Vettel. Non è poco. Ha sfruttato la pista libera per il suo giro con le supersoft, anche se una piccola sbavatura in curva 13 gli ha fatto perdere qualche centesimo.

    Sembra dover lavorare un po’ di più sul passo gara, andando a ricercare non tanto la velocità, quella si è vista a tratti, quanto la costanza di rendimento la SF15-T. In attesa di verificare i passi avanti al sabato, quando anche l’asfalto migliorerà e sarà più gommato, i due ferraristi fanno il punto su una situazione “nuova” quest’anno. Segui con noi live in diretta la gara del GP Singapore F1 2015 CLICCANDO QUI!

    Le parole dei protagonisti

    Le Mercedes dietro e un competitor in più come la Red Bull là in testa. Avranno ancora del margine da esprimere Hamilton e Rosberg, però il gap sembra sarà più contenuto a Singapore. «Mi piace il circuito, è un giro lungo e non è facile metterlo insieme, dovremmo essere un po’ più veloci domani se ci riusciremo», spiega Vettel. «Non sono del tutto contento, per le qualifiche credo dobbiamo migliorare un po’, per la gara sembra esserci il passo», approfondisce su un venerdì che l’ha visto lavorare sull’assetto e in particolare le barre antirollio all’avantreno, sperando di riprendersi quei 3 decimi che, al momento, cede a Raikkonen.

    | LEGGI ANCHE: PROVE LIBERE 2, SORPRESA KVYAT | CRONACA LIBERE 1: ROSBERG DAVANTI | BRILLA LA RED BULL NELLA NOTTE DI SINGAPORE |

    Guardando alle qualifiche e alla gara, sa di non potersi fare troppe illusioni e commenta: «Le Mercedes saranno ovviamente veloci, non so cosa gli sia successo oggi e sono apparse più lente del solito, ma cambierà per domani. Come ci aspettavamo, invece, le Red Bull sono veloci e sarà una battaglia serrata domani». Una battaglia della quale vuol far parte Raikkonen. E’ piaciuta la sua generale velocità sin da subito, anche se sul long run non ha mostrato i tempi di Vettel. Per il tedesco va trovata costanza sul passo e velocità sul giro secco, a Kimi manca all’apparenza qualche decimo in vista gara. «Stiamo facendo il solito lavoro del venerdì, finora tutto è andato piuttosto bene, ci sono sempre cose da migliorare. E’ presto ancora, dai tempi sul giro non si può si dire se è la pista per noi».