GP Singapore F1 2016, Ricciardo: “Non solo deluso, ultimi giri da qualifica”

Lo stint finale è stato esaltante, ma la vittoria sfuma per pochi decimi

da , il

    GP Singapore F1 2016, Ricciardo: “Non solo deluso, ultimi giri da qualifica”

    Partivano dallo stesso lato della griglia, quello sporco, ma il Gran Premio di Singapore 2016 di Max Verstappen e Daniel Ricciardo è stato profondamente diverso. Difficoltà in partenza per l’olandese, che innesca indirettamente l’incidente tra Sainz e Hulkenberg, poi prova a rimontare, deve fare a spallate con Kvyat, che giustamente ha avuto l’occasione che aspettava dal GP di Spagna, quando venne sostituito dal talento olandese sulla Red Bull, e alla fine deve accontentarsi di un opaco sesto posto, dietro Vettel, che partiva in ultima fila. Ricciardo invece fa tutto il possibile con la RB12 a disposizione. La superiorità di Rosberg è stata netta, va detto. Il distacco finale minimo nasce solo ed esclusivamente dalla diversa strategia di gara, dalle gomme supermorbide nel finale contro le morbide di Rosberg.

    Ha tenuto viva una corsa altrimenti soporifera. «Stavolta sono arrivato vicino al gradino più alto del podio, non sono deluso. Abbiamo provato qualcosa con la strategia alla fine e ce l’abbiamo quasi fatta, è bellissimo comunque essere sul podio. Sono arrivato vicino, appena fatto il pit pensavo che Nico sarebbe rientrato e ho spinto molto sulle gomme, così alla fine erano un po’ morte. Ero molto vicino alla fine, ho spinto per tutta la gara ma gli ultimi 10 o 15 giri sono stati come una qualifica, ho toccato il muro 3-4 volte e sarebbe stato interessante avere un paio di giri in più. In Malesia spero saremo ancora forti, magari un po’ di pioggia ci aiuterà», commenta Ricciardo.

    GP Singapore, Rosberg vince resistendo alla rimonta di Ricciardo | I dubbi di Raikkonen: “Forse si poteva cambiare qualcosa” | Rosberg: “Ho pensato di non farcela”

    Non si è risparmiato, va detto, ma ricordiamo anche come Singapore fosse una delle piste sulle quali più sarebbe stata forte la Red Bull. E nel confronto con il risultato di Monaco, vittoria sfumata per un errore del box, a Marina Bay non c’è mai stata la vera impressione che a parità di condizioni la velocità fosse superiore alle Mercedes.