GP Singapore F1 2017: le Pagelle da 10 a 0!

Pagelle F1: i migliori ed i peggiori del GP di Singapore di F1 2017 sul circuito di Marina Bay

da , il

    GP Singapore F1 2017: le Pagelle da 10 a 0!

    Pagelle di F1 del Gran Premio di Singapore 2017, ecco i voti ai migliori ed ai peggiori sul circuito di Marina Bay. Il 10 tocca a Lewis Hamilton che approfitta al meglio del regalo ricevuto al via. La Ferrari è vittima di una complicazione del destino con Raikkonen che, speronato da Verstappen, carambola addosso al poleman Vettel mettendo fine ai sogni di gloria. A Singapore la Ferrari doveva e poteva fare bottino pieno per tenere vivo il campionato. Invece, torna a casa con zero punti mentre Hamilton – contro ogni pronostico – prende il largo in classifica mondiale. Finita la premessa, andiamo avanti con le Pagelle del GP di Singapore di F1 2017!

    Voto 10: Hamilton

    Arriva a Singapore con l’obiettivo di limitare i danni, in qualifica non può fare miracoli. In gara si trova primo dopo la prima curva e poi domina con solidità e autorevolezza. Lo scorso anno perse il titolo per un motore in fumo in Malesia che lo ha messo KO. Quest’anno l’ha vinto per una partenza folle che ha messo KO il suo principale rivale.

    Voto 9: Vettel

    Esce a testa alta dal GP di Singapore 2017 di F1, perché la magia l’ha fatta in qualifica ed era pronto a farla anche in gara. Questo zero in classifica sarà decisivo e irrecuperabile nella lotta al titolo.

    Voto 8: Sainz

    E’ lui il “best of the rest”. Guida la seconda parte di gara con gomme Supersoft mentre gli altri gli rombano attorno con le più competitive Ultrasoft. L’annuncio dell’ingaggio da parte della Renault gli ha fatto bene.

    Voto 7: Perez

    Solido e grintoso, porta a casa punti importanti su una pista che non era adatta alla Force India. Un buon modo per festeggiare il rinnovo di contratto.

    Voto 6: McLaren-Honda

    Alonso è tra le vittime innocenti del crash alla prima curva. Altrimenti avrebbe detto la sua portando a casa la miglior prestazione stagionale. Vandoorne lotta stabilmente dalla zona punti. La McLaren di Singapore sembra quasi una macchina normale senza deficit di potenza clamorosi e con una decente affidabilità.

    Voto 5: Raikkonen

    Se voleva fare il fenomeno della partenza, anziché scattare dalla piazzola 4 come un fulmine e poi creare scompiglio là davanti, forse doveva fare qualcosa di meglio al sabato coprendo meglio le spalle al suo caposquadra.

    Voto 4: Ricciardo

    Puntava alla vittoria, si trova senza rivali dopo la prima curva ma non è comunque in grado di incidere. Non impensierisce Hamilton che fa la figura del fenomeno. Ricciardo non è mai aggressivo, non è mai concreto. Non è mai quello che abbiamo imparato a conoscere. Senza l’incidente che mette fuori gioco Vettel, Verstappen e Raikkonen avrebbe chiuso in un anonimo quinto posto.

    Voto 3: Verstappen

    Si fatica ad addossare tutte le colpe su Max Verstappen per l’incidente alla partenza del Gran Premio di Singapore. Dobbiamo prendere atto, però, che c’è troppo spesso lui di mezzo quando nasce qualche casino. Magari non è cattivo o scemo, porta solo sfiga stargli accanto. Fate voi.

    Voto 2: Sauber

    Gara complicata e ricca di opportunità per tirare fuori dal cilindro un grande risultato. In Sauber ne avrebbero un gran bisogno ma, anziché osare, fanno scelte tattiche conservative e palesemente non produttive.

    Voto 1: Kvyat e Ericsson

    Mentre gli altri fanno i funamboli guidando di notte con la pioggia, Kvyat e Ericsson si distinguono per essere gli unici ad andare a sbattere contro le barriere.

    Voto 0: Bottas

    Cosa è venuto a fare a Singapore? Fa il tassista per le strade di Marina Bay e gli piove dal cielo un podio immeritato. Perlomeno, non dà noia al compagno di box che si sta giocando il titolo.