GP Spagna F1 2013: gomme protagoniste, giusto o sbagliato?

GP Spagna F1 2013: gomme protagoniste

da , il

    derapate gomme pirelli spagna

    Abbiamo archiviato anche Montmelò, Gran Premio di Spagna. Alonso vince in casa davanti al suo pubblico e porta a 32 successi il suo palmares dei quali 11 in Ferrari e bissa la vittoria stagionale del gran premio della Cina. Alonso ha messo a segno un nuovo record poiché è il primo pilota a vincere il Gran premio di Spagna partendo dalla quinta posizione, dimostrando come un’attenta gestione delle gomme possa essere usata per guadagnare posizioni.

    Si torna dalla Spagna anche con il primo podio stagionale di Massa; non si vedevano due Ferraristi sul podio contemporaneamente dal 2008 quando Raikkonen e Massa realizzarono una doppietta in Spagna.

    In Spagna abbiamo avuto l’ennesima conferma delle pole virtuali stagionali delle Mercedes che ottengono la terza pole (su 5 gare disputate) per terminare il gran premio con la monoposto di Hamilton doppiata; dal ’54 due Mercedes non occupavano le prime due posizioni di partenza.

    La Mercedes era sbarcata in Spagna con molte novità (come tutte le scuderie) che riguardavano soprattutto una riveduta distribuzione dei pesi, novità sulle prese dei freni e sulle sospensioni posteriori, tutto per cercare di controllare l’eccessivo consumo delle gomme. Un pacchetto di novità poco efficace.

    Torniamo anche con la certezza (come se ce ne fosse ancora bisogno) che Raikkonen e’ un pretendente ufficiale alla vittoria finale.

    La Lotus e sopratutto la sua guida si sposano perfettamente con le mescole di queste gomme e riescono a gestirle come nessun’altro pilota e team. Raikkonen ha fatto una corsa ravvicinata, terminando la gara a soli 10 secondi dal vincitore. Il finlandese è stato l’unico pilota a completare i tre stint iniziali con le P Zero White medium, prima di passare alle P Zero Orange hard nello stint finale.

    Ecco il riepilogo dei Pit Stop della gara dei primi 10 piloti classificati:

    Alonso: MU HU (9) HN (21) MU (36) HN (49) 4

    Räikkönen: MU MU (10) MU (26) HU (45) 3

    Massa: MU HU (8) HN (20) MU (36) HN (51) 4

    Vettel: MU HN (10) HN (24) MU (39) HN (51) 4

    Webber: MU HN (7) HN (20) MU (36) HN (50) 4

    Rosberg: MU HN (10) HN (27) HN (47) 3

    Di Resta: MU HN (9) MU (19) MU (38) HN (53) 4

    Button: MN HN (11) HN (28) HN (46) 3

    Perez: MU HN (10) HN (23) MU (38) HN (50) 4

    Ricciardo: MN HN (10) MU (24) HN(39) HU (51) 4

    Vettel ha lamentato problemi per tutto il weekend ma è comunque riuscito a portare a casa una quarta piazza, miglior risultato che poteva fare e ottimo in ottica mondiale. E ora, il Campionato si fa più serrato con i primi tre piloti a soli 17 punti di distanza. Vettel ha dimostrato di essere un pluricampione del mondo.

    Infine torniamo dalla Spagna con un protagonista che non è un pilota o un team, le gomme.

    Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli ha cosi’ commentato a fine gara: “La strategia è stata al centro dell’attenzione anche sul circuito catalano, che è molto esigente dal punto di vista delle gomme, proprio per le sue caratteristiche uniche. Infatti abbiamo assistito a elevati livelli di degrado, che probabilmente non incontreremo più nel resto della stagione. Il nostro obiettivo è una gara a due, tre pit stop, quindi è chiaro che 4 sono troppi. Infatti, in passato è successo solo una volta, in Turchia, nel nostro primo anno dal rientro in Formula Uno. Prima di Silverstone, cercheremo di apportare alcuni cambiamenti, per mantenere il nostro obiettivo e risolvere rapidamente eventuali problemi”.

    Sembra che prima del GranPremio del Canada i cambiamenti che apporteranno ai pneumatici Formula Uno P Zero comporteranno un minore stress alle mescole, con l’effetto di ridurre il consumo e il numero delle soste. Speriamo perché in Spagna si è assistito ad una manifestazione di cambio gomme e tattica con ben 84 passaggi ai box durante tutto il gran premio.

    Sono convinto che molti telespettatori (questa volta la gara era anche in chiaro) hanno compreso l’esito finale della gara solo quando i piloti sono saliti sul podio delle premiazioni. Voi cosa ne pensate?

    Il nostro intervento in radio!

    Ascoltateci in radio, cliccate [sc_embed_player fileurl="http://derapate.allaguida.it/img/motori-spagna-f1-2013.mp3"]

    LE PADDOCK GIRLS DI BARCELLONA!