GP Spagna F1 2015: Bottas sugli scudi, Ricciardo guarda al futuro

Gran Premio di Spagna 2015 convincente per la Williams, che tiene dietro una Ferrari con Bottas e chiude quarto. Ricciardo pensa al futuro in Red Bull.

da , il

    Vettel in Bahrain, Raikkonen a Barcellona. Il Gran Premio di Spagna 2015 per la Williams vede un buon risultato di Valtteri Bottas, che si tiene dietro il finlandese e marca la differenza rispetto a un Massa che accusa 22 secondi di ritardo.

    «E’ stata un po’ la riproposizione dell’ultima gara, cercando di tenere dietro una Ferrari e alla fine ci siamo riusciti. Abbiamo portato qualche piccolo aggiornamento qui, dobbiamo fare altri passi avanti», dice il finnico, accostato nelle ultime settimane alla Ferrari, quantomeno in ottica 2017.

    Le parole dei protagonisti

    | LEGGI ANCHE: CRONACA DEL GP DI SPAGNA 2015 |

    «Questa è stata una delle nostre migliori gare come team perché non eravamo troppo distanti dagli altri. Montecarlo è totalmente diversa ed è difficile prevedere, ma se fai delle buone qualifiche quasi tutto è possibile», spiega.

    | LEGGI ANCHE: FERRARI, ARRIVABENE NON SORRIDE |

    C’è chi non può dirsi altrettanto contento, ed è Daniel Ricciardo, suo malgrado a collezionare un altro arrivo nei punti ma senza segnalarsi mai per un acuto, eccezion fatta per i sorpassi in avvio sulle Toro Rosso in crisi.

    | LEGGI ANCHE: ROSBERG E LE SPERANZE SU VETTEL |

    Non è una situazione positiva per lui e per il team, quindi prima di parlare di futuro in Red Bull servirà fare enormi passi in avanti, assenti con il pacchetto aerodinamico introdotto a Barcellona. «Finora non abbiamo parlato di rinnovo, però dipende come andrà quest’anno. Sicuramente non voglio che vada così ogni week end, non è abbastanza il settimo posto per me e per loro (la Red Bull; ndr). Dobbiamo ancora trovare una soluzione per l’anno prossimo e avere prestazioni migliori».