GP Spagna F1 2015, Mercedes: Ferrari più vicina di quel che sembra

Formula 1 2015: per il GP di Spagna la Mercedes ammette di temere la forza della Ferrari in gara ma la squadra italiana non sembra aver ancora assimilato tutte le novità tecniche della SF15-T

da , il

    GP Spagna F1 2015, Mercedes: Ferrari più vicina di quel che sembra

    Le prove libere del Gran Premio di Spagna di Formula 1 2015 hanno mostrato una Mercedes al solito fortissima contrapporsi ad una Ferrari piena zeppa di novità tecniche che sta avendo qualche grattacapo di troppo nel trovare il bandolo della matassa. Complice anche una condizione climatica leggermente più calda delle aspettative, i piloti Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sentono di non aver affatto tra le mani una SF15-T al meglio. Tutto ciò non tiene comunque tranquilli i tedeschi che, se sanno di poter ottenere facilmente l’ennesima pole position, temono una brutta sorpresa in vista della gara. Ad ammetterlo, tra scaramanzia e pretattica, è quello schietto personaggio che risponde al nome di Niki Lauda.

    “Per le qualifiche non ho paura. La pole position se la giocheranno i nostri piloti anche qui a Barcellona. Chissà chi sarà davanti stavolta tra Hamilton e Rosberg…”, ha dichiarato il direttore non esecutivo della scuderia Mercedes ad Autosport. Una Ferrari in crisi d’aderenza in Spagna significa monologo scontato per le frecce d’argento fino alla bandiera a scacchi? “Le condizioni fino ad ora sono state particolari – ha ammesso Lauda - prima di esprimere giudizi c’è da vedere cosa succede in gara. Secondo me la Ferrari non è poi così lontana. Anzi, si è ulteriormente avvicinata”.

    Gp Spagna F1 2015: gomme Pirelli protagoniste

    Al di là dello stato di forma delle singole monoposto in rapporto alle novità tecniche portate sul circuito di Barcellona, un nodo cruciale che potrà spostare anche di molto l’esito della gara è il comportamento degli pneumatici. La Pirelli ha portato mescole Hard e Medium, vale a dire le più dure della gamma a disposizione, ben sapendo che la pista catalana è molto dura soprattutto con il caldo. “Stiamo avendo condizioni molto diverse da quelle viste durante i test pre-campionato, con temperature della pista e ambientali molto più alte, ma si sono confermati i trend di base – ha rassicurato Paul Hembery - Il lavoro fatto sulla struttura posteriore nel 2015 ha chiaramente pagato dividendi, con meno usura e degrado visti sulle gomme posteriori rispetto allo scorso anno, nonostante i carichi di energia più elevati. Probabilmente vedremo una gara a due soste per molti piloti. I team conoscono alla perfezione questo tracciato per cui anche il più piccolo vantaggio in termini di gestione degli pneumatici potrà fare la differenza”, ha ricordato il capo del Motorsport Pirelli.

    Ferrari, Arrivabene: “Rivola è in ferie”

    Maurizio Arrivabene, presentatosi a Barcellona con un braccio fasciato a seguito di operazione chirurgica al gomito, ha sfoggiato sul tutore un bel #27 come tributo a Gilles Villeneuve quando si contano ormai 33 anni dal giorno della sua tragica scomparsa. Il team principal non è scappato di fronte alle domande dei giornalisti neppure quando gli hanno chiesto lumi sui rumours che danno il direttore sportivo Massimo Rivola assente a Barcellona poiché misteriosamente sospeso dall’incarico insieme ad un addetto alla logistica e ad un cuoco. “Ci ha chiesto una settimana di ferie per motivi personali e gliel’abbiamo data. In Ferrari ci sono comunque sempre dei sostituti all’altezza”, ha replicato cercando, comunque, di dire il meno possibile. Tanto per infittire il mistero, inoltre, Arrivabene ha smentito che ci sia un cuoco in meno… Che dire? Di questa storia continueremo a sentirne. Quella di Rivola, s’intende!