GP Spagna F1 2015, qualifiche Mercedes. Rosberg contento, Hamilton accusa il sovrasterzo

Rosberg saluta la prima pole dell'anno nelle qualifiche del Gran premio di Spagna 2015 e spezza il filotto di Hamilton. Le parole dei piloti Mercedes.

da , il

    F1, GP di Spagna 2015: il venerdì a Barcellona

    Le premesse delle qualifiche si erano viste già nel corso delle libere del mattino. Rosberg poteva ambire alla pole nel Gran Premio di Spagna 2015 e la conferma è arrivata perentoria in Q3. Non è mai stato in grado di impensierire il tedesco, Hamilton. Semplicemente più veloce Nico, che dalla sua ha anche un bel passo gara provato al venerdì, da sfruttare domenica per dare la prima risposta vera del 2015 al filotto di successi inanellato dal campione del mondo.

    Le parole dei protagonisti

    | LEGGI ANCHE: CRONACA QUALIFICHE GP SPAGNA 2015 |

    Riconosce che la pole è arrivata un po’ “tardi”, «certo che ne avevo bisogno, magari sarebbe stato meglio prima, è soltanto un passo per vincere in questo week end». Metà dell’opera è fatta, il resto andrà concretizzato in partenza, sfruttando il lato pulito della pista per girare davanti alla prima curva e controllare. Senza problemi drammatici, decadimenti della prestazione improvvisi, al Montmelo non si supera. «Sono contento, il primo tempo qui è importante perché è difficile superare, dovrò usare il vantaggio domani in partenza. Ho un buon passo in gara e basta, stare davanti».

    | LEGGI ANCHE: VETTEL SERENO, “NON ANDIAMO NEL PANICO” |

    Riconosce la “sconfitta”, Hamilton: «Non avevo il passo oggi, Nico ha fatto un ottimo lavoro. Forse non avevo il bilanciamento che volevo, comunque domani c’è ancora tanto il palio». Che non fosse un sabato perfetto lo si era intuito al mattino, con il testacoda in curva 3, insolito per come è maturato e figlio un po’ della disattenzione, con il passaggio oltre il cordolo, un po’ dell’effettiva mancanza di aderenza.

    Va a specificare quelli che sono stati i problemi sulla macchina, e dice: «Ho avuto parecchio sovrasterzo oggi, nella parte finale della pista c’era poca trazione. Sarà una giornata difficile domani, ma anche partire secondi è una buona posizione».