GP Spagna F1 2016, scambio Verstappen-Kvyat in Red Bull

Clamorosa decisione in corsa: Verstappen subentra già da Barcellona, bocciato Kvyat

da , il

    GP Spagna F1 2016, scambio Verstappen-Kvyat in Red Bull

    Daniil Kvyat l’ha combinata davvero grossa con l’incidente nel Gran Premio di Russia 2016 di Formula 1. E, se la giustizia della FIA è stata sin troppo clemente con lui, non pare altrettanto voglia fare la Red Bull. Già messo sulla graticola per colpa dello scalpitante Max Verstappen alle sue spalle, il pilota russo viene retrocesso in Toro Rosso a partire dal Gran Premio di Spagna, sostituito proprio dal giovane pilota olandese. Una notizia che non è esattamente un fulmine a ciel sereno, perché Marko e Horner dopo la gara a Sochi erano apparsi molto contrariati dal comportamento di Kvyat al primo giro.

    Helmut Marko aveva lanciato il sasso lasciando intendere che Max Verstappen sarebbe stato un pilota Red Bull per il 2017 e che qualcuno tra Ricciardo e Kvyat avrebbe dovuto lasciargli il posto. Le pressioni sono cadute tutte sul pilota russo che nella sua gara di casa ha commesso un pasticcio al via da cineteca. A quel punto, il braccio destro di Dietrich Mateschitz ha ritrattato sostenendo di essere stato frainteso. Ma qualcosa brucia sotto la cenere. La clamorosa promozione di Max Verstappen in Red Bull è un trampolino di lancio anticipato per l’olandese e, contemporaneamente, una pietra tombale sulla carriera di Kvyat.

    In passato, chi non ha superato il taglio dalla Toro Rosso alla Red Bull si è ritrovato senza un volante in mano, figurarsi in uno scenario di retrocessione come quello attuale. Christian Horner ha ufficializzato la notizia della sostituzione di Daniil Kvyat, commentando: «Max ha dimostrato di essere un talento eccezionale, le sue prestazioni in Toro Rosso finora sono state impressionanti e siamo lieti di dargli l’opportunità di guidare per la Red Bull Racing. Ci troviamo nella posizione, unica, di avere sotto contratto e a lungo termine con Red Bull, tutti i quattro piloti tra Red Bull Racing e Toro Rosso, quindi c’è la flessibilità di poterli muovere tra i due team. Dany potrà continuare il suo sviluppo alla Toro Rosso, un team nel quale è di casa, che gli darà l’occasione di riguadagnare la sua forma e mostrare il suo potenziale».