GP Spagna F1 2017, anteprima: nuovo via al mondiale

GP Spagna F1 2017, anteprima: nuovo via al mondiale

Il Gran premio di Spagna F1 2017 a Barcellona rilancia la sfida Ferrari-Mercedes. Red Bull all'inseguimento (vano?)

da in Circuito Barcellona F1, Formula 1 2017, GP Spagna F1
Ultimo aggiornamento:
    GP Spagna F1 2017, anteprima: nuovo via al mondiale

    Il Gran Premio di Spagna di Formula 1 segna da tradizione l’inizio della stagione europea, un nuovo avvio di campionato, da Barcellona a Monza, nel quale introdurre le prime grandi novità sulle monoposto, frutto dei dati raccolti nelle quattro gare di F1 2017 e dei risultati in pista. C’è chi è chiamato a un recupero importante, chi deve riprendersi il primato più che mai oggi in discussione. La Ferrari dovrà rilanciarsi per confermare lo stato di forza manifestato dall’Australia alla Russia e in Mercedes servono interventi decisivi sul progetto W08 per sfruttare meglio le gomme. Non è certo il team messo peggio, tra i big basta guardare la condizione Red Bull. Un anno fa al Circuit de Catalunya Max Verstappen vinceva la prima gara in carriera, 12 mesi dopo la delusione per quanto poco abbia fatto il team è diffusa. Doveva inventare Newey, sfruttare meglio di chiunque altro il regolamento tecnico. Niente di tutto ciò, la Red Bull RB13, complice anche una power unit TAG-Heuer (Renault) con qualche problema di affidabilità e deficit di potenza di troppo, è molto distante da Ferrari e Mercedes. Per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Spagna F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    La pista di Barcellona è la migliore per capire se i nuovi pezzi che arriveranno sulle monoposto funzionano o la correlazione dei dati con quelli delle simulazioni in fabbrica manca. Red Bull introdurrà una macchina “B”, alla ricerca di carico aerodinamico senza stravolgere il concetto a bassa resistenza aerodinamica sul quale ruota la RB13. Si dovrà cercare l’equilibrio ideale. Ferrari ha già introdotto alcune piccole novità in Russia, il processo di sviluppo è continuo e scopriremo da venerdì se la SF70H ha in serbo nuovi assi da giocare per rilanciare la sfida.

    Alle spalle dei primi tre team, ancor più serrata è la lotta tra Williams e Force India, poi Renault, Toro Rosso e Haas. Le prestazioni di queste scuderie sono apparse molto ravvicinate a seconda delle tipologie di tracciato e delle condizioni, qualifica o gara. Chi lavorerà meglio potrà compiere importanti passi in avanti e guadagnare posizioni. Si attendono miglioramenti in casa McLaren-Honda. Fernando Alonso è preso dall’impegno della 500 Miglia di Indianapolis, ai tecnici Honda il compito di garantire una power unit che almeno non si rompa.

    GP Spagna, Pirelli porta le hard.

    Piloti scontenti

    Il mondiale di F1 2017 affronta un nuovo inizio, vero, ma non può fare a meno di registrare gli esiti di quattro gran premi alle spalle. E se a Sochi Valtteri Bottas ha fatto prepotente irruzione sulla scena con una prestazione da prima guida vera, c’è un Lewis Hamilton da ritrovare. Passaggio a vuoto clamoroso quello russo, mai a proprio agio, senza la pole e senza un podio, roba epocale per rarità. Anche Kimi Raikkonen, in qualche modo, ha dato un segno di vitalità, conquistando il primo podio stagionale. Dal Gran Premio di Spagna F1 2017 ci aspettiamo il ritorno alla “consuetudine”, Hamilton a rivaleggiare con Vettel, anzitutto. Non dovesse essere così e Bottas confermare lo splendido stato di forma della sua pista preferita, Sochi, allora la rivalità interna avrebbe tutto per accendersi e al finlandese andrebbero riconosciuti meriti che, finora, anche in modo ingeneroso, si è faticato a tributargli. Quattro gare appena per vincere, tre per conquistare la pole. La quinta può tracciare un inatteso cambio delle gerarchie all’interno della squadra.

    692

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Barcellona F1Formula 1 2017GP Spagna F1