GP Spagna F1 2017, Ferrari. Vettel: “Mercedes mi ha bloccato con Bottas”

GP Spagna F1 2017, Ferrari. Vettel: “Mercedes mi ha bloccato con Bottas”

Ferrari protagonista nel Gran Premio di Spagna 2017, Vettel non vince ma gran velocità della Rossa

da in Circuito Barcellona F1, Ferrari F1, Formula 1 2017, GP Spagna F1, Interviste Piloti F1, Kimi Raikkonen, Sebastian Vettel
Ultimo aggiornamento:
    GP Spagna F1 2017, Ferrari. Vettel: “Mercedes mi ha bloccato con Bottas”

    Non c’è la vittoria per la Ferrari nel Gran Premio di Spagna F1 2017, ma importa relativamente. Era l’appuntamento nel quale misurare il valore degli sviluppi introdotti sulle monoposto. Mercedes ha cambiato i connotati alla W08, la SF70H si è regalata un leggero lifting qua e là. Dopo 66 giri di gara, dopo una qualifica sul filo dei millesimi, da Barcellona si riparte con un confronto per il mondiale più che mai concreto e destinato a proseguire. Gli episodi hanno deciso il gran premio, momenti spettacolari di confronto in pista, scelte strategiche ai box e improvvisi contrattempi (Virtual Safety Car) che hanno aggiunto pepe su una corsa che deve registrare, per la Rossa, solo lo sfortunato episodio che ha messo fuori dai giochi Raikkonen in partenza. Incolpevole. Si rifarà.

    Uno dei momenti chiave del GP di Spagna F1 2017 è stata la resistenza (strategica) prodotta dalla Mercedes con Bottas, tenuto in pista più a lungo prima della sosta per rallentare Vettel. Seb è riuscito a passare, ma i diversi secondi persi hanno inciso sul risultato finale, forse. «Prima della safety car ha perso un po’ di tempo dietro Bottas, sicuramente lo ha penalizzato. C’è stata la VSC, vero, ma le gare sono così. La realtà è che possiamo dire con sicurezza di avere una macchina molto molto forte. Giovedì tutti erano molto preoccupati dalle grandi novità portate dagli avversari, la gara di oggi ha dimostrato che la macchina è solida e quanto successo ieri, la sostituzione della power unit a tempo di record, che anche la squadra lo è», commenta Arrivabene.

    C’è la naturale delusione per aver perso la gara, a lungo comandata dalla testa, impostando un ritmo velocissimo, possibile grazie all’eccellente Ferrari SF70H, così Sebastian Vettel dal podio: «Ho spinto il più possibile, sono partito molto bene, anch’io ho avuto del pattinamento, poi sono riuscito a stare davanti malgrado la lunga strada verso curva 1»; dal racconto della partenza, alla decisione di fermarsi già al giro 16 per la sosta: «Lewis è rimasto in pista più a lungo, io sono rientrato prima, è stato una sorpresa trovarlo così vicino poi, sono riuscito a stare davanti, non so se ci siamo toccati, ho provato tutto il possibile per restarci, finché ho avuto un po’ di scia dei doppiati, poi mi ha scavalcato quando non l’ho più avuta. Sono contento, una bella gara, sarebbe stato meglio vincere ma è andata bene lo stesso». Nel finale, gli ultimi 15 giri, si era affacciata l’ipotesi di una terza sosta, per montare ancora gomma morbida e provare a recuperare su Hamilton, sperando in un crollo delle sue gomme: «Avevamo un vantaggio enorme su Daniel e avremmo potuto fare qualunque cosa, abbiamo discusso, speravamo Lewis faticasse con le gomme alla fine, non ha avuto nessun problema però e non sono riuscito ad avvicinarmi».

    GP Spagna, la gara: vince Hamilton, spettacolo con Vettel

    «Le gomme alla fine hanno fatto la differenza. E’ stata una gara alla pari con Mercedes, la velocità era molto buona dopo un venerdì e sabato mattina negativi. La partenza è stata quasi perfetta, la gara pure quasi, ma non so perché la seconda sosta abbiamo perso così tanto tempo.

    Abbiamo preso le decisioni giuste, la Mercedes mi ha bloccato con Valtteri e abbiamo perso 4″. L’unica intenzione era di farmi perdere tempo. La manovra di sorpasso è stata bellissima, ma non mi ha aiutato, la lotta era con Lewis. Ci sono state varie cose che stavamo per agguantare e poi ci sono sfuggite. Il team ha fatto un ottimo lavoro e io in macchina. Il sorpasso finale mi ha sverniciato, come passo eravamo lì, lo stesso, quando ho provato a recuperare», approfondisce Vettel.

    Poco da raccontare ha Kimi Raikkonen. Settecento metri di corsa e il suo Gran Premio di Spagna 2017 è finito per un contatto con Valtteri Bottas: «Sono stato colpito alla posteriore destra da Bottas, poi sono finito addosso a Max. La gara è finita lì, devo rivedere le immagini ma sicuramente sono stato colpito. Il campionato adesso non è il primo pensiero», ha commentato a caldo.

    747

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Barcellona F1Ferrari F1Formula 1 2017GP Spagna F1Interviste Piloti F1Kimi RaikkonenSebastian Vettel