GP Turchia F1 2010: prove libere 1, McLaren le più veloci

Cronaca e resconto delle prove libere del Gran Premio di Turchia di Formula 1 edizione 2010 dove la Ferrari ha portato in pista una versione evoluta della cosiddetta ala soffiata, azionata con il piede sinistro da Massa e Alonso

da , il

    Miglior tempo per Lewis Hamilton nelle prove libere del Gran Premio di Turchia di Formula 1 edizione 2010. Nel paddock e nelle dichiarazioni della vigilia è la Ferrari il team protagonista, ma nella prima giornata in pista sono le McLaren a oscurare tutti gli altri. Da Maranello è stata portata sul circuito di Istanbul una nuova versione del sistema F-Duct (o ala soffiata, come la chiamano i tecnici della scuderia italiana…) che si aziona con un movimento del piede sinistro anziché staccando la mano dal volante come si era visto durante il GP di Spagna. Questi grandi sforzi sono mirati a raggiungere in competitività le Red Bull (anch’esse stavolta dotate di F-Duct) e festeggiare al meglio gli 800 GP.

    PROVE LIBERE F1. È Lewis Hamilton il più veloce nella prima sessione di prove libere del gran premio di Turchia, settima tappa del Mondiale 2010 di F1. Con il miglior tempo di 1:28.653, il britannico della McLaren si è imposto davanti al compagno di squadra Jenson Button, secondo con quasi un secondo netto di distacco. Molto bene le Mercedes Gp, con Michael Schumacher ancora una volta davanti a Rosberg, mentre le Red Bull di Vettel e Webber fanno da parentesi alle Renault di Kubica e Petrov, rispettivamente in sesta e settima posizione. E le Ferrari? L’inizio non è certo dei migliori per i piloti del cavallino, che cercano il riscatto dopo il weekend monegasco. Alonso sopravvive comunque in nona posizione davanti a Massa, tredicesimo. Un ottimo inizio dunque per il team di Woking all’Istanbul Park, anche se il weekend è appena cominciato.

    GP Turchia F1 2010, prove libere 1: risultati e classifica dei tempi

    1. Hamilton McLaren-Mercedes 1:28.653 20

    2. Button McLaren-Mercedes 1:29.615 + 0.962 20

    3. Schumacher Mercedes 1:29.750 + 1.097 24

    4. Rosberg Mercedes 1:29.855 + 1.202 24

    5. Vettel Red Bull-Renault 1:29.867 + 1.214 30

    6. Kubica Renault 1:30.061 + 1.408 23

    7. Petrov Renault 1:30.065 + 1.412 24

    8. Webber Red Bull-Renault 1:30.09 + 1.444 26

    9. Alonso Ferrari 1:30.24 + 1.641 20

    10. Sutil Force India-Mercedes 1:30.501 + 1.848 17

    11. Kobayashi Sauber-Ferrari 1:30.615 + 1.962 20

    12. Liuzzi Force India-Mercedes 1:30.853 + 2.200 21

    13. Massa Ferrari 1:30.867 + 2.214 21

    14. Buemi Toro Rosso-Ferrari 1:31.011 + 2.358 23

    15. de la Rosa Sauber-Ferrari 1:31.238 + 2.585 17

    16. Hulkenberg Williams-Cosworth 1:31.355 + 2.702 23

    17. Barrichello Williams-Cosworth 1:31.464 + 2.811 19

    18. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1:31.735 + 3.082 27

    19. Kovalainen Lotus-Cosworth 1:32.161 + 3.508 24

    20. Trulli Lotus-Cosworth 1:32.990 + 4.337 22

    21. Chandhok HRT-Cosworth 1:34.876 + 6.223 13

    22. di Grassi Virgin-Cosworth 1:35.137 + 6.484 21

    23. Glock Virgin-Cosworth 1:35.583 + 6.930 15

    24. Yamamoto HRT-Cosworth 1:36.137 + 7.484 26

    FERRARI. Funziona con il piede sinistro l’F-Duct che la Ferrari ha portato ad Istanbul. La versione riveduta e corretta dell’ala soffiata che nel GP di Spagna era azionata con il dorso della mano sinistra dai piloti, adesso promette un funzionamento più efficace e, soprattutto, più semplice. Dover staccare una delle due mani dal volante a 300 all’ora, infatti, non era sembrato il massimo della vita per Massa e Alonso i quali, da uomini attaccati alla causa al 100%, si erano comunque prestati alla stranezza senza batter ciglio. O quasi. “Le sensazioni sono buone – dichiara Massa - La squadra, in questi ultimi 15 giorni, ha lavorato tantissimo per avere una macchina molto competitiva”, ha aggiunto il brasiliano indicando il podio come obiettivo minimo. Meno ottimista è Fernando Alonso che vede le Red Bull ancora irraggiungibili:“Non è impossibile battere le Red Bull, ma per ora sono ancora molto lontane. I 30 gradi dell’asfalto di Istanbul però per noi possono essere un vantaggio, anche se non mi aspetto nessuna sorpresa magica”.

    TOYOTA CONTESA DAI DEBUTTANTI. Ha fatto il debutto “virtuale” pochi giorni fa la Toyota TF110 che avrebbe dovuto disputare il mondiale 2010 di Formula 1 ed è già diventata l’oggetto del desiderio dei team debuttanti. L’affare per il passaggio della monoposto e di tutta la struttura alla Stefan GP pare sia saltato e ora c’è un bel prototipo competitivo che attende un acquirente. Dopo il recente divorzio con la Dallara, salta fuori il nome dell’Hispania - HRT di Jose Ramon Carabante. La scuderia spagnola vorrebbe mettere le mani sul progetto per avere una buona base sulla quale sviluppare la monoposto 2011. Pronto ad approfittare dell’offerta speciale ci sarebbe anche Ivone Pinton della Durango, candidata a diventare il 13° team.