GP Ungheria F1 2011: Button vince d’astuzia! Sul podio Vettel e Alonso

Formula 1 2011: cronaca e commento dell'emozionantissimo Gran Premio di Ungheria con Button che vince dopo grandi battaglie che vedono protagonisti anche Vettel, Hamilton, Webber e Alonso!

da , il

    jenson button gran premio ungheria formula 1 2011 vincitore

    E’ Jenson Button il clamoroso vincitore del Gran Premio di Ungheria di Formula 1 2011. Il pilota McLaren mette a frutto le sue miglior doti: pulizia di guida e freddezza nel leggere la gara e batte tutti. Sul podio assieme a lui salgono Sebastian Vettel ed un combattivo Fernando Alonso con una Ferrari perfetta sul fronte tattico. Dà grandissimo spettacolo ma non azzecca la strategia nel momento chiave della gara Lewis Hamilton che deve accontentarsi di un ingiusto quarto posto dopo aver fatto il mattatore per più di metà gara.

    PARTENZA. Sebastian Vettel è in pole position seguito da Lewis Hamilton, Jenson Button, Felipe Massa, Fernando Alonso e Mark Webber. Si parte con gomme intermedie e pista umida. Allo spegnersi dei semafori Vettel conserva il primato. Dietro di lui è grande bagarre. Al termine del primo giro la classifica è la seguente: Vettel, Hamilton, Button, Rosberg, Alonso, Schumacher, Massa, Webber, Di Resta e Kobayashi.

    GIRO 03-04. Alonso supera Rosberg ma poi commette un errore e torna dietro al pilota Mercedes.

    GIRO 05. Hamilton supera Vettel e sale al comando. Il pilota Red Bull ha evidenti problemi di trazione sull’umido.

    GIRO 07-08. Alonso spinge al massimo e commette un altro errore. Viene superato nuovamente da Rosberg e anche da Massa. Nei confronti del compagno di box riprende immediatamente la posizione. Il brasiliano, poi, va in testacoda ma riparte. La sua Ferrari viaggia con l’alettone posteriore rovinato.

    GIRO 09. Alonso supera nuovamente Rosberg.

    GIRO 11. Primo pit stop per Massa e Webber che montano gomme slick a mescola supersoft.

    GIRO 12. Primo pit stop per Button.

    GIRO 13. Primo pit stop per Hamiton, Vettel e Alonso.

    GIRO 14. Button supera Vettel e sale al secondo posto. Webber supera Alonso e si prende il quarto.

    GIRO 25. Le fiamme avvolgono la Lotus Renault di Heidfeld subito dopo il pit stop. Il pilota schizza fuori dall’abitacolo incolume.

    GIRO 26-27-28. Secondo pit stop per Webber, Alonso e Massa. Poi tocca ad Hamilton, Vettel e Button. Ritiro per Michael Schumacher con problemi al cambio.

    GIRO 30. La nuova classifica vede Hamilton al comando con un vantaggio di circa 7 secondi su Button. Seguono poi Vettel, Webber tallonato da Alonso, più staccati Massa, Kobayashi, Rosberg, Di Resta e Barrichello.

    GIRO 36. Terzo pit stop per Alonso che, usando ancora gomme supersoft, prova ad avvantaggiarsi sul rivale diretto Webber.

    GIRO 39. Terzo pit stop per Webber che monta gomme soft.

    GIRO 40. Terzo pit stop per Hamilton. L’inglese sceglie gomme supersoft.

    GIRO 40. Terzo pit stop per Massa. Supersoft anche per lui.

    GIRO 41. Terzo pit stop per Vettel. Monta le soft.

    GIRO 42. Terzo pit stop per Button. Anche lui sceglie le soft. Hamilton resta al comando seguito dal compagno di squadra ma in terza posizione è salito Alonso sfruttando una buona scelta strategica. Dietro il pilota Ferrari troviamo Vettel, Webber, Rosberg, Massa, Alguersuari, Petrov e Buemi. Vettel, Webber e Button proveranno a concludere la gara senza ulteriori soste.

    GIRO 45. Vettel sorpassa Alonso di prepotenza e sale al terzo posto andando poi all’assalto di Button.

    GIRO 46. Clamoroso! Cadono nuovamente gocce di pioggia e Hamilton va in testacoda ma riprende con una manovra non del tutto priva di rischi. Button ne approfitta e lo supera. Alonso si precipita a cambiare le gomme e sceglie le soft.

    GIRO 50. Hamilton si riprende la prima posizione approfittando di un errore di Button bella lotta tra le due McLaren. Pit stop per Webber che azzarda montando gomme intermedie.

    GIRO 51. Pit stop per Hamilton che monta gomme di tipo intermedio.

    GIRO 53. Alonso supera Hamilton. Le gomme da bagnato non aiutano il pilota McLaren. Webber, infatti, effettua un pit stop riparatore tornando alle slick. Il giro seguente fa lo stesso l’anglocaraibico.

    GIRO 56. Lewis Hamilton sconta un drive through di penalità per il modo pericoloso con il quale si è ributtato in pista dopo il testacoda del giro 46. Si ritrova in sesta posizione.

    GIRO 57. Webber supera Massa e sale in quarta posizione. Subito dopo il brasiliano è infilato anche da Hamilton. Alonso intanto commette un testacoda ma riparte perdendo poco più di 5 secondi.

    GIRO 58. Quarto pit stop per Massa.

    GIRO 63. Hamilton supera Webber e sale al quarto posto.

    GIRO 70. E’ Jenson Button il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi. L’inglese fa le scelte giuste ed approfitta del clamoroso errore tattico che porta via dalla vetta il temibilissimo compagno Lewis Hamilton. Dietro il pilota McLaren sale sul podio un attento Vettel ed un Alonso che spinge sempre al limite commettendo, non a caso, diversi errori. Ma mai penalizzanti. A punti vanno anche Hamilton, Webber, Massa, Di Resta, Buemi, Rosberg e Alguersuari.

    GP Ungheria F1 2011: ordine di arrivo

    1. Button McLaren-Mercedes 1h43:42.337

    2. Vettel Red Bull-Renault + 3.588

    3. Alonso Ferrari + 19.819

    4. Hamilton McLaren-Mercedes + 48.338

    5. Webber Red Bull-Renault + 49.742

    6. Massa Ferrari + 1:17.176

    7. Di Resta Force India-Mercedes + 1 lap

    8. Buemi Toro Rosso-Ferrari + 1 lap

    9. Rosberg Mercedes + 1 lap

    10. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari + 1 lap

    11. Kobayashi Sauber-Ferrari + 1 lap

    12. Petrov Renault + 1 lap

    13. Barrichello Williams-Cosworth + 2 laps

    14. Sutil Force India-Mercedes + 2 laps

    15. Perez Sauber-Ferrari + 2 laps

    16. Maldonado Williams-Cosworth + 2 laps

    17. Glock Virgin-Cosworth + 4 laps

    18. Ricciardo HRT-Cosworth + 4 laps

    19. D’Ambrosio Virgin-Cosworth + 5 laps

    20. Liuzzi HRT-Cosworth + 5 laps

    Fastest lap: Massa, 1:23.415