GP Ungheria F1 2013: Alonso evita penalità, Ferrari: “Non molliamo!” [FOTO]

Post-gara thrilling per la Ferrari nel Gran Premio d’Ungheria 2013 di Formula 1

da , il

    GP Ungheria F1 2013: Alonso evita penalità, Ferrari: "Non molliamo!" [FOTO]

    Post-gara thrilling per la Ferrari nel Gran Premio d’Ungheria 2013 di Formula 1. Il misero quinto posto di Fernando Alonso è stato messo in discussione a causa di un abuso del sistema DRS in gara da parte dello spagnolo. Dopo accurati accertamenti, però, la FIA ha deciso di multare solo la squadra in quanto l’errore sarebbe stato causato da un problema tecnico e non avrebbe portato vantaggi al pilota. Archiviato quindi il risultato della corsa, Stefano Domenicali parla e promette un pronto riscatto:“Sapevamo che sarebbe stato un fine settimana in salita. Il risultato ottenuto non ci fa certamente sorridere, perché non siamo riusciti ad essere competitivi in nessuna fase della gara. Dopo un inizio di stagione promettente stiamo vivendo un calo di competitività. Ora dobbiamo rimanere calmi, non mollare come siamo abituati a fare. Mi aspetto una risposta importante da parte di tutta la squadra”, si legge su ferrari.com

    Ferrari, Fry:”Speriamo di vedere presto i frutti del lavoro”

    Pat Fry spiega il perché la Ferrari abbia adottato una strategia conservativa nel Gran Premio di Ungheria: “Il risultato di questa gara è in linea con quello che è il nostro attuale potenziale: sapevamo che questo ciclo di gare sarebbe stato difficile e come su questo tracciato la lotta per il podio non fosse alla nostra portata. Le prestazioni della vettura su entrambe le mescole non davano margine per attaccare, neanche con una strategia più aggressiva. Per questo motivo abbiamo preferito difendere le nostre posizioni dalle insidie degli avversari che giungevano dalle retrovie e da quelle offerte dal traffico, scegliendo una linea più conservativa”. Il direttore tecnico elogia i piloti:“Hanno dato il massimo, soprattutto Felipe che dal primo giro ha condotto la gara con l’ala anteriore danneggiata”. Prossimo appuntamento è Spa-Francorchamps tra 4 settimane. Poi toccherà a Monza:”Anche se siamo riusciti a limitare i danni, ora occorre un progresso significativo se vogliamo lottare per il titolo. Le due gare che seguiranno la pausa estiva saranno su circuiti molto diversi rispetto all’Hungaroring e per questo motivo lavoreremo su fronti diversi nella speranza di vedere al più presto i frutti di tutti i nostri sforzi”, ha concluso Fry.

    Alonso: 5° posto salvo ma multa per la Ferrari

    Finito sotto investigazione per aver usato il DRS in tre occasioni nelle quali non era autorizzato, Fernando Alonso se l’è cavata senza penalità. La FIA ha deciso di infliggere solo una multa di 15.000 Euro alla Ferrari. La decisione è avvenuta analizzando i dati della gara e capendo le ragioni per le quali lo spagnolo ha commesso le infrazioni. Ecco una sintesi del comunicato ufficiale della Federazione:“I commissari hanno determinato una violazione dell’articolo 27.5 (b) del Regolamento Sportivo commessa da pilota Fernando Alonso della Scuderia Ferrari: DRS attivato quando non era a meno di un secondo da un altro pilota nella zona DRS. La decisione è di multare la Ferrari di 15.000 Euro in quanto il sistema di abilitazione DRS non è stato modificato dal team nel pre-gara durante i settaggi per la corsa e il pilota ha conseguentemente ricevuto erroneamente dei messaggi “DRS enabled” ed ha reagito a questi. Appena il team è venuto a conoscenza del problema ha informato il pilota di utilizzare il DRS solo quando comunicato dal team”. In sostanza, Alonso ha ottenuto un piccolo vantaggio ma quantificabile in meno di un secondo all’interno della gara ma ha anche avuto uno svantaggio non avendo potuto usare il DRS in ogni occasione legittima.